Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Giunta Raggi: la conferma che non e' possibile scardinare il malaffare

Giunta Raggi: la conferma che non e' possibile scardinare il malaffare
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/09/2016 11:57:58

Esiste una frase che non amo dire, ma oggi sento di doverla scrivere. Ve l’avevo detto. Stavolta non riesco a non scriverlo, anche perché, quando vengono pubblicati certi miei editoriali, una pletora di persone – o via mail o attraverso i social network – si sbraccia a scrivermi mail e commenti poco simpatici.

In questo caso, mi riferisco alla giunta Raggi, ma non solo a essa: ribadisco che Roma non è un Comune gestibile, men che meno con gli slogan buonisti e farciti della sacralità di un’onestà che non può esistere, in un paese compromesso con la malavita come è l’Italia.

In questo mio editoriale scrissi a un certo punto: “lo dico in tempi non sospetti, chiunque sarà chiamato ad amministrare una città come Roma, dovrà: rimettere a posto l’enorme buco nei bilanci (circa 20 miliardi, anche se si continua a dichiarare che siano “solo” 14 miliardi) trovare miliardi per rimettere in sesto un città in cui è diventato pericoloso persino camminare sui marciapiedi, trovare altri miliardi – finora “generosamente” prestati dalle banche – per dare regolarmente gli stipendi agli oltre 15.000 dipendenti comunali, fare piazza pulita del malaffare, controllato e gestito dalle cosche malavitose, che dubito abbiano intenzione di togliere le tende, spazzati via dall’aura sacrale di pseudo onestà dei candidati a Sindaco.”.

O vi mettete in testa che in Italia non esiste una sola istituzione libera da accordi anche con il malaffare, o continuerete a collezionare errori su errori.

Virginia Raggi è l’ennesimo sindaco della Capitale. Ha vinto le elezioni attraverso una campagna elettorale che, per chi la realtà la vede ogni attimo, è apparsa come una campagna elettorale avvenuta a Paperopoli.

Fin dall’inizio, dopo il suo insediamento, polemiche e scandalucci sulle prime nomine, sugli stipendi d’oro. Poi, si arriva agli indagati, a Grillo che la molla, a Di Maio prode difensore della virginea Virginia.

Fermi tutti: qui abbiamo una doppia situazione. Da un lato, le ovvie ingerenze di chi, nelle istituzioni, alberga da anni al solo scopo di gestire denaro pubblico, dall’altro una Raggi che non si capisce ancora se è stata subito messa in riga dal malaffare o se, vi piaccia o meno, sapeva perfettamente che – divenendo sindaco – avrebbe ottenuto quel potere che le avrebbe reso facili, ad esempio, certe collocazioni nei posti strategici.

Non credo sia necessario che vi riporti qui, le notizie che si rincorrono ormai su tutti i giornali. Preferisco farvi riflettere invece sullo stato comatoso del criterio di trasparenza e onestà che alberga ormai in pianta stabile all’interno delle istituzioni nazionali.

Davvero pensate che l’arresto di Buzzi abbia dato il colpo di scopa alla gestione del denaro pubblico da parte della politica e delle cosche malavitose? Davvero pensate che un Buzzi non continui a gestire l’affaire denaro pubblico anche dalla cella di un carcere? (Ammesso che sia davvero nella cella di un carcere) Davvero pensate che basti così poco a rimettere in sesto una situazione che va ormai avanti da decenni, e che non è possibile guarire, dal momento che non c’è affatto alcun sintomo di “onestizzazione” da parte della politica?

L’Italia, per sperare di ristabilirsi da questo cancro, dovrebbe essere commissariata a tempo indeterminato, e non certo da commissari italiani: si sa come i “garanti” in Italia, siano pagati da chi deve essere controllato, non diciamo cretinate.

Un commissariamento da un pool di tecnici esteri. O, se fossimo un buon popolo, una gestione civile, che spazzi via la cattiva politica e ripristini uno stato civile condivisibile e vivibile.

Ma no, non è possibile: l’italiano medio ama essere condotto, anche se i condottieri sono di scarso valore, spesso addirittura, persone dalla reputazione poco raccomandabile.

Roma, ma anche il resto dei Comuni d’Italia, restano prede. Troppo denaro pubblico da scialacquare, per sperare in un colpo di reni, e di onestà, che riconduca tutti alla ragione e al solo scopo che la politica, a tutti i livelli, dovrebbe perseguire: la gestione, sincera e onesta, della cosa pubblica. Che significa anche, la gestione dell’esistenza di ogni singolo cittadino. Ma forse, è troppo difficile, da capire.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina


L'articolo ha ricevuto 7648 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/07/2019 05:06:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/07/2019 15:25:23
Fake news: una situazione gravissima che sta modificando l’opinione pubblica

Non è da sottovalutare quanto sta accadendo. La diffusione di fake news, o di notizie reali ma diffuse con l’intento di modificarne il senso, ha già ampiamente cambiato la percezione che l’opinione pubblica ha su questioni importanti legate alla politica, all’economia e alla società in cui viviamo.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/07/2019 06:09:38
Di fronte al Dio Denaro troppa gente si genuflette

Il denaro è un concetto quasi astratto. Pezzi di carta e rondelle metalliche sui cui viene apposto un valore nominale. Se a suo tempo fosse stato deciso che al posto dei pezzi di carta e delle rondelle metalliche l’elemento di valore dovessero essere le conchiglie, sarebbe stato sterminato il mare alla loro ricerca.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/06/2019 10:46:13
Ingiurie, offese, parolacce: è arrivato il momento di smetterla

Ingiurie, offese, parolacce. Dalla tv ai social network. Sono calati i filtri, quei filtri che in troppi considerano “fuori moda”. Come se il diventare volgari, aggressivi e volgari possa esser considerato “moderno” o frutto di una società evoluta.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -