Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Caso Regeni: le terribili torture subite dal ricercatore italiano

Caso Regeni: le terribili torture subite dal ricercatore italiano
Autore: Anna Lisa Minutillo - Redazione Cronaca
Data: 09/09/2016

Giungono nuove rivelazioni sulla morte dello studente italiano Giulio Regeni, trovato privo di vita lo scorso febbraio a Il Cairo, un caso discusso che merita attenzione , rispetto e verità.

Secondo quanto viene riferito dalla madre del giovane ricercatore “Il corpo di Giulio è stato usato come una lavagna”. Il ragazzo infatti sarebbe stato sottoposto a torture e l’autopsia svolta in Italia ha confermato le violenze subite .

Questo giallo continua ad infittirsi ed a rivelare risvolti dal volto sempre più cruento . Sarebbero quattro, forse cinque lettere, tracciate da una lama in cinque punti diversi sul corpo del giovane a documentare quanto asserito e apparso da subito evidente: nessun incidente. La Procura di Roma ha messo a disposizione dei genitori del ragazzo i risultati degli esami autoptici. Secondo quanto analizzato pare che il giovane sia stato torturato e seviziato per giorni.

L’autopsia è stata svolta dal medico legale Vittorio Fineschi che, in 225 pagine, ha descritto le sevizie subite dallo studente. Sul referto si legge: “Sulla regione dorsale a sinistra della linea si trovano un complesso di soluzioni disposte a confermare una lettera. Segni anche all’altezza dell’occhio destro, a lato del sopracciglio e poi sulla mano sinistra dove c’era una X.  Segnalata anche una lettera presente sulla fronte”. In più sono stati individuati 5 denti fratturati, due scapole rotte così come l’omero destro e sia le dita delle mani che quelle dei piedi.

E’ previsto nelle prossime 48 ore un incontro a Roma tra il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, il sostituto Sergio Colaiocco, il procuratore generale egiziano, Nabil Ahmed Sadek, e dei i quattro magistrati che si occupano del caso. L’obiettivo dei magistrati italiani è quello di ripartire dall’ultimo incontro, che è terminato con un nulla di fatto, per arrivare ad avere riscontri concreti su chi e come ha causato la morte di Giulio.
Il Cairo nell’ultimo confronto aveva comunicato di non poter fornire i dati chiesti da Roma per motivi di sicurezza.

Questi dati sono ritenuti indispensabili dalle forze dell’ordine italiane che cercano di far luce su questo violento fatto che resta ad oggi ancora senza risposte.

Fonti giudiziarie hanno affermato che nei giorni scorsi l’università di Cambridge, rispondendo ad una rogatoria, ha inviato ai pm di Roma una serie di documenti. Regeni infatti si trovava a Il Cairo al fine di svolgere una ricerca per conto dell’università inglese.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/04/2021 13:36:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -