Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La rivoluzione dei terremotati che hanno perso fiducia nello Stato

La rivoluzione dei terremotati che hanno perso fiducia nello Stato
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/09/2016

Ci risiamo. A 18 giorni dal terribile terremoto che ha scosso e distrutto interi territori del Centro Italia, eccoci alle immagini che sono simili alle immagini di altri terremoti, più o meno recenti.

Tendopoli, container, sms solidali – la cifra raggiunta sfiora ora i 20 milioni di euro – promesse istituzionali, bagni chimici che scarseggiano nelle tendopoli, freddo dentro le tende, freddo dentro al cuore.

A raccontarci che stavolta la gente si fida poco delle istituzioni, sono gli stessi sfollati, che non ci pensano affatto di essere trasportati come pacchetti nelle strutture alberghiere, chissà dove, a tempo indeterminato.

Preferiscono restare, non solo per controllare che i soliti vili sciacalli calino come una disgrazia tra le macerie dei ricordi di tante vite, ma anche e soprattutto, per lanciare un chiaro messaggio: QUI, dovete ricostruire. Non più in là, non dove non si sa dove né quando, come avete sempre fatto.

La gente resta attaccata a ciò che resta di tanti errori e omissioni, ed è l’inizio di una rivoluzione pacifica che potrebbe accendere la miccia alla rivoluzione contro il sistema di cui si parla troppo, da tempo, ma che non accenna ad avviarsi.

L’Italia dei terremotati abbandonati a se stessi, può essere l’avvio di un processo di cambiamento. Ma solo nel caso in cui, queste ennesime vittime della mala gestione del territorio, non abbasseranno la testa, costretti dalla necessità di essere – ancora una volta – condotti – o, meglio, comandati – verso una soluzione decisa da altri, che delle loro vite non conoscono nulla, se non la parte attuale, quella che parla di ipotetiche ricostruzioni.

La condotta dei precedenti sfollati, non ha sortito alcun tipo di cambiamento. Sono stati investiti dalle luci della ribalta per qualche tempo, come da copione propagandistico, per poi esser calati nuovamente nel buio del sistema di chi non conta niente.

C’è da dire una cosa, però: se non è la gente a ribellarsi, come sperare che il sistema cambi e si rinnovi?

Chiudete gli occhi, e riportate alla mente le scene del terremoto del 2009 in Abruzzo. Tendopoli immerse nel fango, e a qualche centinaio di metri, l’area in cui fu realizzata la meravigliosa base palcoscenico del G8, con tanto di campo da baseball in onore del presidente Obama. All’epoca, il presidente Berlusconi disse che la decisione di spostare proprio lì la riunione, era dettata dalla volontà di non abbandonare i terremotati e sensibilizzare i governi mondiali.

Nulla di più falso: vi ricordo che per spostare il G8 in Abruzzo, molte imprese sarde – prime tra tutte le grandi strutture alberghiere – finirono per fallire, considerando che avevano investito parecchio denaro, prestato dalle banche, per rinnovare le strutture in vista del G8 che doveva tenersi a La Maddalena.

Tutto ciò che viene propagandato come realizzato per il bene della gente, è di fatto una grande infamia: si sfruttano le criticità della società civile, al solo scopo di alimentare potere e visibilità per le istituzioni. E’ un giochetto facile facile, che ha sempre funzionato.

Stavolta, potrebbe invece essere la volta buona, affinché le cose inizino davvero a cambiare. Ma il freddo, la pioggia, le esigenze degli anziani, dei più piccoli e di tutti coloro che hanno perduto tuto in una manciata di secondi, produrrà sicuramente le stesse reazioni e conseguenze: stretti nella morsa delle priorità umane, si tornerà a rispettare gli ordini che arrivano "dall’alto", e come soldatini di piombo, si calerà la testa e tutti in fila a marciare.

Però, davvero, lasciatemi sperare. Sperare che, per una volta almeno, il tentativo di ribellione sovrasti la necessità di ripararsi sotto un tetto più solido della plastica di una tenda.

D’altronde solo il tempo ci dirà se anche questo post terremoto, sarà da annoverare a quelli passati, con tutto il corollario che conosciamo, appalti truccati e scandali in testa.

Nel frattempo, invio a tutti i terremotati attuali e passati, il mio abbraccio di speranza. Siete la forza che può scatenare il cambiamento: mettetecela tutta.

Al link seguente, troverete molti miei articoli che furono pubblicati dopo il terremoto del 2009 in Abruzzo: per non dimenticare. Terremoto in Abruzzo

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:03:55

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -