Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Primi effetti della ratifica del TTIP e del TISA: gli USA sostengono la riforma costituzionale

Primi effetti della ratifica del TTIP e del TISA: gli USA sostengono la riforma costituzionale
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/09/2016

Verso la fine di Agosto, qualche “burlone” ha iniziato a far circolare una notizia: il TTIP, il patto transatlantico di libero scambio tra USA, Canada ed Europa, non si ratifica più.

Questo “burlone” è la stampa nazionale. Ecco uno degli articoli, pubblicati da Repubblica: TTIP.

Ovviamente, è una presa per i fondelli bella e buona, ma non di piccola entità: il TTIP ma anche il TISA, l’accordo sugli scambi e servizi, sono vivi, vegeti e ratificati. Del TISA, non si è quasi accennato nulla, a livello di informazione, ma – sulla falsariga del TTIP – traccia le nuove, e spesso temibili regole, sui servizi di vario genere: la ratifica del TISA, contestualmente a quella del TTIP, di fatto modifica per sempre tutto ciò che conosciamo in ordine di normative di riferimento e sistemi di scambio e organizzazione in seno alla società civile.

Spiegai poco tempo fa, cosa sia il TTIP. Potete leggere il mio editoriale a questo link: TTIP: la liberalizzazione dell'oligarchia.

Ora, considerando la massima segretezza che ha contraddistinto la realizzazione del TTIP e del TISA, considerando l’enorme volontà da parte degli Stati Uniti di mettere le mani in una delle poche porzioni di pianeta terra ancora non completamente sotto il dominio statunitense, vi appare possibile che di TTIP e TISA non se ne faccia nulla? Quando mai.

E infatti, ecco i primi effetti della messa in atto del cambiamento globale: le prime interferenze statunitensi nella politica italiana.

L’endorsement dell’ambasciatore USA, che – come si sa – ha dichiarato grande sostegno al SI come risposta popolare al referendum costituzionale, è il segnale di avvio dei patti e contro patti già ratificati.

O pensavate davvero che, la ratifica del TTIP e del TISA, sarebbe avvenuta con una cerimonia pubblica con tanto di fotografi e reporter pronti a dare la lieta novella al mondo intero?

Questi accordi, tenetelo a mente, si abbattono violentemente contro le popolazioni, smembreranno quel po' che resta della classe media. Abbiamo anni duri di fronte a noi, anche se sembra che in pochi ci si renda conto della situazione effettiva.

Le ingerenze statunitensi sul sistema politico, economico e civile europeo, saranno pesanti e temibili. Ma nessuno, ovviamente, ha a cuore che le popolazioni vengano correttamente informate.

Non si tratterà solo di cambiamenti normativi nel settore agroalimentare – convinzione di coloro che si ritengono bene informati – no: il TTIP e il TISA, parlano di molto altro. Di Sanità, sistema sociale, politica, diritti civili e molto altro ancora.

Secondo voi: per quale motivo, in buona parte degli stati europei, è in atto una rivisitazione della Costituzione? Per togliere diritti civili e possibilità – ai cittadini – di avere ancora voce in capitolo.

Vi porto a riflettere: della Riforma costituzionale italiana, si parla – al massimo – della fumiginosa riforma del parlamento. Mai che si accenni a uno degli articoli che modifica un diritto dei cittadini: quello relativo alle Leggi di iniziativa popolare. Attualmente, bastano 50.000 firme. Se la riforma costituzionale verrà approvata con il testo attuale, le firme necessarie per la presentazione del testo di legge, saliranno a 150.000. Vi dice nulla, questo?

E ancora: l’articolo che parla dei referendum. Resta invariato il numero di firme necessarie, 500.000, ma sentite qui: “Il quorum che rende valido il risultato di un referendum abrogativo resta sempre del 50 per cento, ma se i cittadini che propongono la consultazione sono 800mila, invece che 500mila, il quorum sarà ridotto: basterà che vadano a votare il 50 per cento dei votanti all’ultima tornata elettorale, non il 50 per cento degli aventi diritto”. Decodificato significa che, se mai si ottenessero 800mila firme, sarà sufficiente che il 50 per cento dei VOTANTI si rechino al voto definitivo.

Ma ciò significa rendere maggiormente difficile la vittoria della decisione popolare: un conto sono i votanti, che non è detto si rechino nuovamente a votare, un conto è il numero degli aventi diritto, che è maggiore ma che solitamente si presenta al secondo turno.

Di fatto, si decide di aumentare da 500mila a 800mila le firme per approvare o meno un quesito referendario, ma si fa passare la cosa come fosse un’elargizione di sovranità popolare. Sono davvero geniali: fanno scrivere gli articoli in maniera tale che siano incomprensibili, e poi dichiarano pubblicamente ciò che conviene. A loro.

Avessi la soluzione a queste problematiche, le spiegherei. In realtà l’ho fatto, per anni, spiegando come non arrivare a una situazione del genere.

Sarebbe bastato partecipare attivamente alla politica, manifestare realmente dissenso, chiedere le dimissioni dei governanti che – palesemente – lavorano per negare diritti ai cittadini e per assumere maggiori poteri.

Sapete, quelle belle azioni di massa che avvenivano un tempo, quando il popolo italiano, aveva meno denaro da parte, e più necessità di conquistare diritti e dignità.

Ormai, siamo alle pennellate finali: il sistema dittatoriale mondiale è servito. Con contorno, amarissimo, di sorprese maligne che solo col tempo, tutti, capiranno.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 06/12/2021 23:56:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -