Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Lettera aperta a Matteo Renzi sul ponte sullo stretto di Messina

Lettera aperta a Matteo Renzi sul ponte sullo stretto di Messina
Autore: Editoriale di Lucio Giordano
Data: 28/09/2016

Io, caro Matteo, il ponte sullo Stretto lo farei pure. La cosa mi inorgoglirebbe. Però accetterei  solo a determinate condizioni.

Primo: che i soldi per finanziarlo siano esclusivamente dei privati. Per cui se decidono di costruirlo possono, ma  a patto che noi contribuenti non tiriamo più fuori un euro. Già dato. Poi, se loro lo fanno per amore di Dio e per  convogliare gli ingegneri di tutto il mondo che accorrerebbero come api a studiare un’opera unica e inimitabile, accontentandosi di finire sui libri di storia, che nemmeno a  Carlo Magno è riuscito, affari loro.  E se con il pedaggio ferroviario e autostradale non riescono a rientrare delle spese, ri-affari loro. Perché è chiaro che quei tre chilometri, oltre ai camionisti , li percorrerebbero  solo quei turisti che in estate scendono in Trinacria, per visitare una delle più belle regioni al mondo.

Secondo: che i criteri antisismici siano rispettati al cento per cento. E dubito che basterebbe. Il terremoto di Messina del 1908 è stato il più devastante d’Europa e nessun pilone potrebbe reggere quasi sicuramente alle scosse di una delle zone d’Italia a più alto rischio sismico.

Terzo: che la mafia e la ndrangheta non ci mettano becco. Ma questo, essendo finanziato al cento per cento da ditte private, sarebbe un problema loro. E poi, giustamente, se uno si fa sconfiggere dalla mafia, meglio abdicare al ruolo di  Stato. Diceva la stessa cosa Altero Mattioli, ex ministro dei trasporti del governo Berlusconi. Ma poi, figuriamoci: la mafia non esiste e quando Angelino Alfano rilanciò sul Ponte dello Stretto, un anno fa circa, sapeva benissimo che Cosa nostra è un’entità astratta. Quindi , tutto a posto.

Quarto: prima del Ponte sullo stretto, bisogna mettere in sicurezza il territorio, come diceva giusto ieri Laura Boldrini. Perché è innegabile che una prestigiosa grande opera non è paragonabile a tante piccole grandi opere, che servono per far rifiorire il giardino Italia. Insomma: prima riasfaltiamo le strade del Paese, rivoltiamo come un calzino i trasporti su ferro, evitiamo quelle vergogne che si chiamano treni regionali, che magari ti obbligano a percorrere la Cagliari – Sassari in cinque ore. E poi se ne riparla.

Ah: se si fa il Ponte sullo stretto, sappi, Matteo, che devi aspettarti la reazione dei Sardi. Sì,  gli abitanti della Sardegna,  che a quel punto rimarrebbe l’unica regione  distante dall’Italia. Sicuro, anche  i sardi, e giustamente, chiederebbero il ponte Olbia- Civitavecchia per non sentirsi isolati dal resto del Paese. Quindi, risolti anche  i problemi burocratici con Eurolink , in contenzioso con il governo Monti, che bloccò  i lavori mai iniziati del Ponte di Messina, null’altro  osterebbe. Ma come vedi sono ben cinque le condizioni prima di dare il via ai lavori. Quanto tempo passerebbe? Dieci, venti, cinquanta anni? Vai a saperlo.

Poi, è vero, l’opera darebbe lavoro ad almeno 40 mila persone, per il tempo dei lavori, e non centomila come hai detto ieri imprudentemente nella sede di Salini Impregilo. Ma ti sei mai chiesto quanti ne toglierebbe di mezzo?Le navi che fanno la spola tutti i giorni da Messina a Reggio Calabria, gli impiegati dei due porti. Insomma, decine di migliaia di posti di lavoro che salterebbero. Senza considerare, infine , che con i voli low coast,  al posto di un siciliano non sarei tanto scemo da mettermi  per ore e ore in auto o in  treno esclamando “che bello, non devo scendere a Messina e risalire a Reggio Calabria….” Quando, spendendo la stessa cifra, atterrerei comodamente nel continente in sole due ore.

La verità, cara Matteo, e tu lo sai benissimo, è che il Ponte sullo stretto non si farà mai. Pura propaganda elettorale, allora. Perché, benedetto figliolo, ad insospettire anche i sassi, è stata la tempistica del tuo annuncio. Berlusconi, oltre a promettere di sconfiggere il tumore in tre anni e a regalare dentiere a tutti gli over 40 , il ponte sullo stretto lo tirava in ballo tutte le volte che ci si avvicinava alle elezioni. Tu, uguale. Da quando hai annunciato la data del referendum, in fondo poche ore fa, ti sei scatenato. La quattordicesima ai pensionati, ma anche la quindicesima e  la sedicesima non sarebbe male, e poi l’ennesimo taglio delle tasse, e niente più tagli alla sanità pubblica, quando poi nella realtà andremo a pagare anche quegli interventi che un tempo si facevano gratis.

Del resto, che stai chiaramente personalizzando la consultazione referendaria, l’ha ribadito anche Massimo D’alema, ieri a Di Martedì. “Io sul referendum mi gioco tutto, disse Renzi. Anzi, se perdo non solo mi dimetto, ma vado a casa. Si era creata anche una certa aspettativa nel Paese. Soltanto che era evidente che non era vero, così come non è vero il Ponte sullo Stretto e tante altre cose su cui alimenta la sua comunicazione. In realtà è’ cominciata una lunga campagna elettorale nella quale Renzi prometterà tutto a tutti”. Insomma, forse d’Alema ha ragione quando dice che “Chi sta consegnando il Paese a Grillo non è il No al referendum , ma Renzi stesso”. Su Alganews , questo, lo ripetiamo da anni. E mi sa che avevamo ragione. Perché se arrivi a promettere il Ponte sullo stretto, vuol dire che ormai ti manca solo di  offrire in omaggio anche una mountain bike con il cambio shimano e il quadro è chiaro: sei in seria difficoltà. Che poi, posso fare una confidenza a te che sei un esperto? Io sto cambio shimano, mica ho ancora capito come funzioni veramente. Me lo spieghi tu?




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 06/12/2021 23:55:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -