Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Riflessioni sulla condizione delle madri-lavoratrici

Riflessioni sulla condizione delle madri-lavoratrici
Autore: Susanna Schivardi - Redazione Attualita'
Data: 04/10/2016

Prendiamo spunto dalla lettera del 22 settembre apparsa sul Corriere online e indirizzata Beppe Severgnini di una mamma lavoratrice con due figli che si sente in colpa per non  essere all’altezza di tutti i ruoli che viene chiamata a ricoprire, tra lavoro in studio, crescita dei figli, occupazioni a casa, rapporti umani. A lei è stato risposto da Beppe Severgnini con grande cordialità ed empatia, sottolineando come le donne siano a torto messe in una posizione scomoda, dettata da una condizione maschile che continua ad avere la meglio.

li uomini lavorano e hanno figli ma non si sente mai parlare di padri-lavoratori come si parla invece di madri-lavoratrici. Esiste ancora un dislivello di gender che mina profondamente le possibilità a cui donne, anche laureate e preparate, debbono rinunciare col tempo. A parità di livello iniziale, la resa sul posto di lavoro per le donne non rimane mai costante, difficilmente arrivano ad occupare posti aziendali di rilievo, preferendo quelle che vengono definite  le cosiddette «funzioni di staff», ovvero di supporto all'attività aziendale come il legale, le risorse umane o l'information technology, piuttosto che le «funzioni di linea», quelle in cui si è responsabili di un conto economico o di un business (che sono la via maestra per diventare capoazienda).

Una delle risposte a questa lettera invece è molto meno morbida e accogliente, mettendo in rilievo l’inutilità dei sensi di colpa e ridicolizzando l’atteggiamento nei confronti di un marito che, non collaborando in casa, se ne sta ad aspettare la cena dopo che la moglie ha lavorato e si è occupata dei figli, senza nemmeno, per questo, sentirsi realizzata. Il ruolo del maschio, risulta evidente, in questi anni sta cambiando, come dimostra anche la normativa in merito di congedi parentali. Secondo i dati l’Italia è agli ultimi posti in Europa come flessibilità di periodi di congedo e retribuzione, mentre i paesi del Nord Europa mostrano una elasticità enorme, tutta a favore di una crescita serena dei figli e di un reintegro sostanziale per le donne, sul posto di lavoro.

Dati alla mano, solo per citare qualche esempio, in Svezia, il primo paese a introdurre i congedi parentali (1974) è tuttora uno dei più generosi ed egualitari: una coppia di genitori può prendere fino a 13 mesi fra i due all'80% della retribuzione. Il periodo può essere spezzato o preso unitariamente, con un ulteriore bonus di 90 giorni a paga ridotta; in Italia il periodo di congedo parentale viene retribuito al 30% per i primi tre anni del bambino, dopo non è retribuito e può essere preso fino a 8 anni del figlio per un massimo di sei mesi totali. Anche il papà ha diritto a un congedo parentale, basta che il totale con quello della madre non superi 11 mesi. Il congedo per malattia bambino non è retribuito e dai 3 agli 8 anni di età consiste in appena cinque giorni l’anno.

Per quanto riguarda l’orario di lavoro, rispetto ad altri paesi l’Italia si trova a metà strada, la media delle ore settimanali è di 40 ore, mentre nei Paesi Bassi metà dei lavoratori sta sotto le 30, mentre in Norvegia e in Irlanda un terzo dei dipendenti deve stare al lavoro 40 ore. Una mamma in Italia per la mancanza di strutture adeguate, obbligo di orari lunghi, impossibilità di intraprendere una carriera lavorativa di alto profilo a meno di non pagare interi stipendi a squadre di tate e babysitter, difficilmente può sentirsi adeguata alle proprie aspirazioni. In questo, il ruolo del padre-marito risulta fondamentale, un aspetto umano che non va tralasciato in quanto oggi i papà si mettono ai fornelli, si occupano della spesa e spesso rimangono la sera a casa se le mamme lavorano fino a tardi. Questo in una società che consideri davvero alla pari uomo e donna nei loro diritti e doveri. Mi chiedo quanto questa presunta parità sociale venga rispettata e riconosciuta, ma se a smentire le aspettative è l’autrice della lettera di cui sopra, allora la strada da compiere è ancora lunga.

Per rispondere a chi le ha contestato l’eccessiva premura nel voler stare accanto ai figli, sostenendo che presto questi ultimi preferiranno stare con gli amici piuttosto che avere una mamma onnipresente, è pur vero che il benessere e l’amore che si costruisce accompagnando i figli nello loro crescita è forse superiore alla soddisfazione che si ottiene sul posto di lavoro. È vero, a vent’anni partiranno con gli amici per l’estero e avranno le loro idee su tutto, ma il legame costruito nei primi anni, portandoli a scuola ogni giorno, consolando le loro lacrime e raccontando le favole della buonanotte è qualcosa che nessun aumento di stipendio e nessun applauso di fronte ad una platea potranno eguagliare. Il percorso è ancora lungo ma concordo con Beppe Severgnini che dice che a salvare il mondo saranno le donne anche se gli uomini fanno di tutto per impedirlo. Infine, finché non ci sarà una politica aziendale che aiuti la donna a conciliare famiglia e lavoro, imponendo orari e modalità flessibili, come il lavoro da casa – i mezzi ci sono ma non li usiamo – continueranno ad arrivare lettere come quella del 22 settembre a cui sono seguite migliaia di like a condivisioni, come dimostra una crescente insofferenza della condizione della donna nella società di oggi così come è strutturata.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/02/2020 16:56:49

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Alessia Piccioni - Redazione Cultura
Data: 14/02/2020
La violenza non è mai amore: l’appello nel giorno di San Valentino

In occasione della Festa degli Innamorati, l’Avvocato Ruggiero invita le donne a ricordare il valore di questo sentimento, fuggendo da situazioni violente...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 11/02/2020
Festival del Fundraising 2020: contro muri e intolleranza

L’edizione 2020 - che si svolgerà sulle sponde del Lago di Garda dal 13 al 15 maggio – fa una scelta forte e chiara in questo senso...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 08/02/2020
Sanremo 2020: la classifica dei cantanti più cliccati sul Web

È interessante notare come le prime posizioni della classifica siano occupate cantanti molto giovani, tutti sotto i 30 anni: Elettra Lamborghini ha appena 25 anni, mentre Achille Lauro e Elodie ne hanno 29. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 08/02/2020
Associazioni dei pazienti e conflitti di interesse

Una metanalisi condotta da ricercatrici dell’Istituto farmacologico Mario Negri di Milano e di altri centri australiani e canadesi conferma l’influenza dell’industria nelle associazioni di pazienti.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -