Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Ecco come l 'Europa continua a creare migranti clandestini

Ecco come l 'Europa continua a creare migranti clandestini
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/10/2016

Di flussi migratori di una certa entità, in Europa, si parla ormai da molti anni. Rivolgendo l’attenzione alle politiche portate avanti nel nostro paese, sul tema dei migranti, si constata quanto segue: se è pur vero che si è legiferato nel merito, in quanto a normative sulla regolarizzazione dei migranti, o sul riconoscimento dello stato di “rifugiato politico”, o semplicemente sul criterio di identificazione dei migranti appena giunti sul nostro territorio, queste norme di fatto, quasi mai vengono applicate.

Ad esempio: nel nostro paese, il diritto d’asilo è disciplinato dai decreti legislativi 251/2007 e 25/2008, modificato dal decreto legislativo 159/2008 dalla legge 94/2009. Il richiedente, a secondo del proprio stato – “rifugiato” secondo la Convenzione di Ginevra, o che abbia necessità di protezione perché se rimpatriato rischierebbe la condanna a morte o la tortura – ha quindi diritto a presentare domanda di asilo, e che questa venga presa in carico dalle istituzioni della nazione in cui approda, per essere valutata ed eventualmente accettata.

Cosa accade nella realtà dei fatti, e non solo nel nostro paese? I migranti giungono su un territorio, spesso vengono addirittura prelevati direttamente nelle loro nazioni di provenienza, da parte delle cosche internazionali che si occupano da molti anni della tratta dei migranti, ma anche da parte di organizzazioni umanitarie che negli ultimi tempi fanno quasi a botte per garantirsi flotte navali e diritto di “salvataggio”. I governi anche, lo fanno attraverso le flotte militari, che stazionano in special modo sul Mediterraneo.

Una volta trasportati i migranti - sia sui barconi della speranza gestiti dalle cosche malavitose, sia sulle navi delle organizzazioni umanitarie o sulle navi militari – questi giungono ad esempio nel nostro paese. Se vivessimo in una società dove tutto funziona bene, ogni singolo migrante dovrebbe ottenere, dopo le dovute prime cure sanitarie del caso, una verifica della propria situazione migratoria: sei rifugiato politico? Devi chiedere asilo? E accedere all’iter di verifica della condizione di profugo o richiedente asilo.

Non accade quasi mai.

Nella realtà dei fatti, queste persone vengono letteralmente “scodellate” in Europa, e nel caso dell’Italia, vengono trasferite – nella migliore delle ipotesi – nei Centri di accoglienza o in strutture gestite dalle famose “Cooperative”, per poi essere abbandonati a se stessi, senza la speranza di poter esigere che le Leggi in vigore nel nostro paese, renda loro giustizia, nel caso ne avessero diritto: passare dall’ignobile condizione di “clandestinità” a quella più degna di “rifugiato politico” o di “richiedente asilo”.

Però vedete, è troppo grande l’interesse che la politica detiene sul tema dei migranti. Ci sono le Coop cui far guadagnare un pozzo di denaro. C’è la propaganda politica, che si serve dei migranti a seconda della bisogna (cosa sarebbe Salvini, ad esempio, senza i “clandestini”?) ci sono persino le ONLUS internazionali, che grazie alle flotte navali di cui si stanno dotando, riescono a stare al centro dell’attenzione dei donatori di mezzo mondo…

A questo punto, eccovi uno spunto ulteriore di riflessione. Lo scorso Marzo, l’Unione Europea ha firmato un accordo con la Turchia. Quest’accordo prevede che, i migranti che approdano in Grecia e che siano non in regola con le richieste di condizione di profugo o rifugiato, vengano respinti e inviati in Turchia.

Eccovi uno stralcio di questo accordo:

"Tutti i nuovi migranti irregolari in viaggio dalla Turchia verso le isole greche saranno riportati in Turchia: è una misura "temporanea e straordinaria" con lo scopo di mettere fine ai pericolosi viaggi nell'Egeo e rompere il modello di business creato dai contrabbandieri. Per fare in modo che il ritorno dei richiedenti asilo non violi il diritto internazionale, l'accordo garantisce che qualsiasi domanda d'asilo sarà esaminata singolarmente sulle isole greche, il che richiederà un allestimento logistico importante. Torneranno coloro che non presenteranno la domanda o quelli la cui domanda sarà ritenuta irricevibile. Gli europei, per legittimare sul piano giuridico l'irricevibilità delle richieste d'asilo che saranno presentate in Grecia, si baseranno sul principio del "paese terzo sicuro". Quando la Grecia avrà riconosciuto questo status alla Turchia, l'Ue ritiene che i rinvii saranno legali, nella misura in cui i candidati potranno beneficiare della protezione internazionale che meritano. La Turchia e la Grecia, assistiti dall'Unhcr e dall'Ue, prenderanno le misure necessarie" per permettere questa procedura, tra le quali la presenza di funzionari turchi sulle isole greche. I costi delle operazioni di ritorno saranno prese in carico dall'Ue".

E ancora:

“Per ogni siriano tornato in Turchia dalle isole greche, un altro siriano sarà reinsediato dalla Turchia verso l'Ue", afferma il progetto di accordo, e sarà "data priorità" ai migranti che non abbiano tentato di entrare in modo irregolare nell'Ue. Per rassicurare gli stati membri più riluttanti, il progetto prevede un plafond di 72 mila posti offerti, nel contesto degli impegni già assunti dai paesi europei, ma non ancora realizzati. Se il numero dei ritorni supererà queste cifre, il meccanismo dovrà essere rivisto. L'Ue si impegna inoltre a lungo termine a un piano europeo di reinsediamento, sulla base degli impegni volontari da parte degli Stati membri”.

I fatti accaduti dopo la ratifica di quest’accordo, parlo del “tentato golpe” che ha fatto scaturire uno dei regimi dittatoriali più sanguinosi della nostra epoca, per mano del Presidente Erdogan, sembravano mettere a rischio quest’accordo sui migranti, ma nella realtà dei fatti, è in essere a tutti gli effetti.

Cos’è accaduto dal momento della ratifica del trattato con la Turchia? In pratica, secondo le previsioni dell’Europa, la maggior parte dei migranti sarebbe stata respinta, e quindi inviata sul territorio turco. Ma ecco che qualcosa s’inceppa nel sofisticato meccanismo politico e di propaganda politica, tenacemente voluto dall’Unione Europea: la Grecia, invece di fottersene delle richieste di asilo politico dei migranti sbarcati sulle sue coste cosa fa? Applica la Legge! Nel senso che, accetta di verificare – una per una – tutte le richieste di asilo presentate dai migranti, confermandone ben il 30%! Percentuale molto distante dalle percentuali minime che si riscontrano, ad esempio, nel nostro paese.

Dal 20 Marzo – giorno della ratifica dell’accordo con la Turchia – a fine Maggio 2016, delle 8.500 persone approdate in Grecia, solo 400 sono state respinte in Turchia. E su circa 600 richieste di asilo, Atene ne ha approvate il 30%.

Significa che, se le nazioni europee tutte, mettessero in atto il Trattato di Ginevra  e le normative che regolamentano le richieste di asilo, in Europa esisterebbe un numero molto più esiguo di “clandestini” e molto maggiore di “rifugiati politici e profughi”.

Questa realtà, ne scopre un’altra: è per puro sfruttamento del tema dei migranti che, di fatto, in Europa non si mette in atto la Legge e nemmeno le convenzioni internazionali in tema di diritti umani. I migranti, e tutto ciò che ruota loro intorno, sono un bottino troppo ricco per tutti quelli che ci hanno a che fare, in un modo o nell’altro. Ecco perché, effettivamente, in Europa vige la legge del “creare clandestinità” piuttosto che mettere in atto la Legge e poi, semmai, realizzare programmi d’inserimento dei migranti.

A conferma di ciò che sta accadendo in Grecia, per ciò che riguarda l’accoglimento delle domande di asilo, e che la rende dissimile dalle altre nazioni europee, ecco un documento prezioso, intitolato: Esperimento Grecia.

Questo documento, è un’analisi approfondita e dettagliata, di come la Grecia stia effettivamente accogliendo i migranti, sostenendo le loro legittime richieste di asilo.

E’ stato realizzato da ASGI – Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione – e considerando il titolo dello studio, possiamo comprendere come, attualmente, la Grecia sia utilizzata dall’Europa come laboratorio sperimentale sull’accoglimento legale dei flussi migratori. Ciò che, in tutta Europa, non è mai stato fatto sul serio.

Migranti clandestini? No: Europa e propaganda politica…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:04:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -