Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Evoluzione dei sindacati: ora servono a sedare la rabbia popolare...

Evoluzione dei sindacati: ora servono a sedare la rabbia popolare...
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 22/10/2016

Sapete a cosa serve un Sindacato? Lo chiedo, perché a me sembra che molti cittadini italiani non lo sappiano o abbiano dimenticato.

Un sindacato ha ragione di esistere per un solo scopo: difendere i diritti dei lavoratori. E anche, dei datori di lavoro, visto che esistono anche i sindacati che rappresentano questa categoria, ma non se ne parla mai: eppure Confindustria è il più conosciuto, anche se nessuno usa il termine "Sindacato dei datori di lavoro"...

Seconda domanda: sapete qual è il rapporto che dovrebbe esistere tra politica e lavoratori? Uso il condizionale appositamente. La politica dovrebbe occuparsi dell’evoluzione equilibrata del mercato del lavoro, nel senso di generare politiche atte a migliorare considerevolmente la condizione dei lavoratori, e anche dei datori di lavoro.

Terza domanda: vi sembra che questi due criteri siano stati attuati nell’ultima manciata di decenni?

No. E la motivazione di questa mancanza grave, è presto spiegata: sindacati e politica, non fanno più ciò per cui esistono. Peggio: i sindacati ormai, esistono non tanto per occuparsi di garantire ai lavoratori di ottenere ciò che spetta loro di diritto, bensì per gestire la rabbia popolare. Ma non nel senso che ritenete voi: i sindacati, da anni, giovano alla politica a tenere basso il livello di rabbia popolare, attraverso la gestione di misere e inutili manifestazioni di piazza, che servono solo da momentaneo sfogatoio ora di una ora dell’altra categoria di lavoratori. Punto.

Se ancora non siete convinti, vi invito a tornare indietro con la memoria. Cercate di ricordare le vere, grandi manifestazioni nazionali, capeggiate da grandi sindacalisti del calibro di Lama, Benvenuti o Pier Carniti, che dialogavano con politici del calibro di Berlinguer o Almirante. All’epoca, le piazze straripavano di gente.

E non bastava: quelle piazze stracolme di gente, che manifestavano per i loro diritti, avevano non solo ragione di esistere, ma davano un senso all’esistenza di sindacati e politica: era la parte partecipativa della popolazione.

Poi, arrivarono gli anni ’80. Seppur ci si ricordi di quegli anni come degli anni dell’estremo sviluppo sociale ed economico nel nostro paese, io li ricordo e li individuo, come gli anni dell’inizio della grande crisi italiana.

Crisi di valori, ancor prima che economica. Ma quando si instaura una grande crisi di valori, non si può che procedere verso un’inattaccabile, terribile e inarrestabile crisi economica. Era tutto previsto.

Dopo un periodo di “vacche grasse”, pian piano si è passati nel girone infernale. Ritengo anzi, che gli anni ’80 siano stati generosamente elargiti alla massa, per far ritenere a tutti che mai e poi mai sarebbe cessato di splendere il sole, nella vita dei cittadini italiani. Invece…

Invece era il contentino e anche, un periodo utile a politica e mondo economico, per far rimpinguare i forzieri delle famiglie italiane, che si sono di fatto arricchiti. Tacitate le rabbie civili, tutti con la pancia piena e una rosa di possibilità da prendere in considerazione, gli italiani si sono sedati. E seduti.

Nel frattempo però, i sindacati stringevano alleanze coi partiti, sempre più strette. In parole povere, entravano nei libri paga della politica. Così come i dirigenti militari e molti personaggi chiave del paese: quelli che avrebbero potuto portarci fuori dai guai.

Passano gli anni, arrivano gli scandali politici di grossa portata, in seno alla politica. Si comincia a prender confidenza con parole quali “Corruzione” e “Appropriazione di denaro pubblico” e l’opinione pubblica, presa dall’appassionante lettura dei nuovi feuilleton, non si accorge di sopirsi giorno dopo giorno, dimostrando un’eccezionale abilità nel distaccarsi completamente dai fatti proprio. Tanto, ci pensano politica e sindacati, a trarre fuori dai guai tutti quanti…

Convinzione sbagliata. Proprio in quegli anni infatti, l’alleanza tra sindacati e politica è cresciuta a dismisura, tracciando una linea di demarcazione con il passato. Non più punto di riferimento dei lavoratori in costante verifica dell’attuazione dei diritti, ma gestori della rabbia civile, attraverso una metodica ben precisa e determinata di “manifestazioni al risparmio”.

Così, il popolo ormai precarizzato e spesso disoccupato, fa ora capo ai sindacati, che non trovano certo posti di lavoro ai disperati, in un sistema che – semmai – li nega. No: i sindacati attualmente e da qualche anno ormai, gestiscono le rimostranze popolari contro il sistema che ormai, è evidente, ha già imboccato la deriva autoritaria che viene palesata anche attraverso questa riforma costituzionale così perversamente incuneata nella vita di ogni singolo cittadino.

E’ vero che cambiano i tempi e tutto si evolve, ma qui si tratta di tornare indietro di secoli. Con un’aberrazione in più: gli organismi a tutela dei lavoratori, oggi si sono trasformati in realtà che operano per sedare la rabbia civile. A beneficio del sistema politico che infatti, non trova più ostacoli al proprio operato vessatorio contro la popolazione. Davvero un successo. Per il sistema.

Ancora una volta, sarebbe stato meglio estrarre la testa da sotto la sabbia. Ma non è mai tardi per tornare a pensare e a fare…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:31:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -