Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Terremoto: Mangimi e stalle temporanee per le zone terremotate

Terremoto: Mangimi e stalle temporanee per le zone terremotate
Autore: Fabio Santilio - Redazione Attualita'
Data: 29/10/2016

 

Mangimi e stalle temporanee per le zone terremotate

ma anche stalle antisismiche per ripartire

  

"Con il decreto terremoto abbiamo previsto aiuti per coprire i danni subiti dalle strutture aziendali e stiamo collaborando con le Regioni interessate per garantire la continuità produttiva alle imprese. In particolare, anche grazie ai contributi volontari, sono stati allestiti centri di distribuzione del mangime per gli animali e si sta lavorando per completare entro novembre il montaggio delle stalle temporanee per gli animali”. Lo ha detto il ministro Maurizio Martina, intervenendo questa mattina alle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, ribadendo l'impegno dello Stato a supporto del comparto agroalimentare italiano. 

 

“Siamo intervenuti fin dalle prime ore del 24 agosto – ha detto il Ministro -  per dare aiuto e sostegno ad agricoltori e allevatori colpiti. Un impegno che rinnoviamo anche davanti all'emergenza delle ultime ore”.


"La produzione agricola e zootecnica in questi territori – ha proseguito il Ministro - fa parte dell'identità stessa, coinvolge anche tanti giovani. Vogliamo aiutarli a ripartire con ancora più forza con lo stanziamento da 221 milioni di euro per un piano strategico per il futuro agroalimentare della zona. Il 15 settembre abbiamo già garantito attraverso Agea l'anticipo dei fondi europei per 7 milioni di euro a oltre mille aziende del territorio per dare una mano sul fronte della liquidità. Ora abbiamo stanziato ulteriori risorse nell'intervento previsto per la zootecnia di montagna, stabilendo un aiuto doppio per gli allevatori colpiti dal terremoto che allevano in totale oltre 22mila capi. Da parte del Ministero c'è e continuerà ad esserci il massimo impegno su questo fronte”.

 

Gli stabilimenti maggiormente colpiti sono quelli di vecchia generazione, ma la potenza del terremoto ha intaccato anche alcune delle costruzioni più recenti. Perciò in queste ore si è parlato diffusamente di stalle antisismiche alle Fiere Zootecniche Internazionali di Cremona, l'appuntamento di settore più importante in Italia e tra i primi tre al mondo, in scena fino a domani a CremonaFiere. I fabbricati all'avanguardia, in grado di resistere anche a scosse di intensità elevata, sono realizzati in materiali leggeri e duttili. “Le strutture in acciaio o acciaio-legno - spiegano uno degli espositori specializzati -  subiscono sollecitazioni inferiori durante un scossa sismica

 

Realizzare strutture con comportamento dissipativo è la migliore soluzione per sviluppare deformazioni plastiche, in grado di ridurre i danni del terremoto e garantire un maggior margine di sicurezza nel caso in cui l’azione sismica risultasse essere più alta del previsto”.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/06/2022 23:51:24

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -