Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Terremoto: non si arrestano le scosse

Terremoto: non si arrestano le scosse
Autore: Anna Lisa Minutillo - Redazione Cronaca
Data: 01/11/2016

Non c’è pace per questa parte del paese che trema e continua a farlo , quasi come se avesse un suo disegno nascosto da eseguire, quasi come se fosse affamata di distruzione .…

Anche stamani una forte scossa di terremoto poco prima delle 9 è stata avvertita sia nelle Marche che in Umbria. Il sisma si è sentito distintamente anche ad Ancona. Si stanno eseguendo verifiche da parte della Protezione civile su eventuali nuovi danni.

Secondo quanto rilevato dall’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, il terremoto, di magnitudo 4.7, ha avuto origine a circa 10 chilometri di profondità ed epicentro nella provincia di Macerata.

Nuovi crolli ad Ussita che è uno dei paesi più colpiti dal terremoto del 30 ottobre .

Riferisce il sindaco Marco Rinaldi che la scossa di stamani è stata fortissima, ed anche il maresciallo dei carabinieri riporta che ci sono stati altri crolli in paese, poiché dopo la scossa in paese era visibile il fumo provocato dai pezzi delle costruzioni caduti al suolo. Le strade sono quasi del tutto impraticabili ormai ed anche spostarsi per andare a raggiungere chi è stato trasferito negli alberghi diventa sempre più complesso.

Mancano al momento ancora i dati ufficiali sul numero delle persone che si sono trasferite dopo essere rimaste senza casa lungo le coste .

Approssimativamente nelle Marche si tratterebbe di circa 25mila persone, quasi tutti concentrati nella provincia di Macerata. In Umbria sarebbero più di cinquemila, ed in Abruzzo 3mila.

E’ in fase avanzata l’allestimento di alcune tensostrutture nell’area di Norcia, dove troveranno riparo alcune persone che lunedì hanno protestato rifiutando il trasferimento nei centri marini.

Il Consiglio dei ministri ha stanziato nuovi fondi per l’emergenza ed ha deciso le modalità di intervento nelle aree colpite dal sisma: si tenterà di ricalcare il percorso già adottato in Irpinia dopo il terremoto del 1980: entro Natale verranno pronti alcuni campi container, ed è rimandato alla primavera il montaggio di moduli abitativi prefabbricati seguiti dalla ricostruzione del patrimonio edilizio ed artistico.

Una situazione che non accenna a migliorare, che oltre ad abitazioni e ad edifici storici vede crollare anche i sogni delle persone aumentandone i bisogni , poiché ogni cosa che li circonda sta smettendo di esistere, facendo perdere loro ogni riferimento, e lasciandoli ad un destino incerto basato su una dubbia durata che spaventa ancora di più chi suo malgrado si ritrova costretto a subirlo.

Inutile parlare della sensazione di impotenza che mi pervade , di quanto ci si senta “piccoli” ed impreparati, di quanto ogni parola diventi pesante, pesante proprio come i massi che senza pietà stanno rotolando giù .




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 09/07/2020 16:54:25

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -