Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Figli e cognome materno: un diritto al femminile

Figli e cognome materno: un diritto al femminile
Autore: Anna Lisa Minutillo - Redazione Attualita'
Data: 08/11/2016

Si dice : “madre certa, padre incerto” ma per ironia della sorte alla fine i figli portano il cognome del padre. Strana questa discrepanza di situazioni in una società che sempre più spesso lamenta sia nell’educazione che nella presenza reale nella vita dei figli proprio la figura paterna, sempre oberata da mille cose a cui dover badare e molto spesso a causa di una mentalità che vede come compiti femminili quelli sopracitati .

I figli si generano in due ma nella maggior parte dei casi ad occuparsi della loro crescita e della loro formazione ci sono le donne, quelle che vengono uccise quotidianamente ed in mille modi differenti da questa cultura che non riesce ad andare oltre i preconcetti non richiesti ma che calzano addosso come guanti a chi da questi si è lasciato irretire.

Preconcetti che a differenza dei guanti non scaldano ma rendono fredda ed insensibile l’anima di chi li possiede.

Le donne donano la vita , sono presenti alle riunioni scolastiche, si impegnano nel conciliare la giornata lavorativa con la seconda giornata che le attende al loro rientro a casa, cercano di dare una formazione caratteriale , insegnano la sensibilità, la condivisione, sollevano i figli ogni volta che questi inciampano sui problemi del mondo, rimboccano le coperte per regalare sogni caldi , abbracciano con gli occhi ma anche con le braccia , hanno sempre la parola giusta al momento giusto, accompagnano i figli nei loro interessi che spaziano dallo sport ,alle feste dei compleanni degli amici.

Le donne generano fisicamente ma anche a livello interiore ciò che i figli diventeranno da grandi

In questi ultimi decenni le cose stanno fortunatamente mutando  però, si assiste spesso all’impegno dei padri che spingono passeggini, che danno il biberon, che usufruiscono del periodo della maternità donando anche la loro presenza ai figli che sono anche i loro e tutto questo senza essere scambiati per uomini meno virili ma solo come padri ruolo da non sottovalutare affatto.

I figli si fanno in due ed in due andrebbero cresciuti, forse è da questo che scaturisce il bisogno di affidare ai figli il doppio cognome riconoscendo anche quello della madre che li ha generati, forse un modo per riconoscerle queste donne/madri/amanti/casalinghe/educatrici/lavoratrici/ sorelle/ l’elenco potrebbe proseguire a lungo ma non mi va di annoiarvi oltre .

Forse solo un modo per ribadire l’importanza della coppia che dona vita volendo lasciare una traccia dell’esistenza di entrambi sulla terra. Forse un modo per riconoscere il cambiamento che sta avvenendo nella mentalità, l’apertura verso il riconoscimento dei ruoli, la volontà di non restare ancorati ad un passato che a volte spaventa e ci coglie impreparati ma va riconosciuta e vissuta fino in fondo se davvero un mondo diverso è quello a cui tutti auspichiamo.

Forse tutte queste cose messe insieme sono responsabili della richiesta avanzata da una coppia genovese la quale ha fatto richiesta che il figlio possa adottare il doppio cognome, quello della madre insieme a quello del padre.

Sarà la Corte Costituzionale a pronunciarsi e lo farà. Una decisione importante perché, a quarant’anni dalla prima proposta di legge e a oltre due anni dalla condanna dell’Italia da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo per la mancata applicazione della norma, ancora non si vedono cambiamenti a tal riguardo ed è questo un fatto gravemente discriminatorio verso le donne. Tutto questo costituisce una violazione della Convenzione Europea per i Diritti dell’Uomo.

Questa richiesta potrebbe se approvata cambiare il costume italiano che ha bisogno fortemente di adattarsi ai tempi che cambiano e non restare solo fermo a guardare .

Cambiando la norma italiana si avrebbe un allineamento a quelle che sono le norme vigenti in Europa. Sostituire la concezione patriarcale della famiglia ancora in atto con qualcosa di più ampio  sarebbe un grande vantaggio e migliorerebbe anche il grado di attenzione e di sensibilità richiesti per situazioni delicate ma anche di grande contradditorio nel nostro paese.

La Corte Costituzionale sarà chiamata quindi rispondere al quesito di costituzionalità della norma in vigore che assegna automaticamente a tutti i figli e le figlie nati nel matrimonio il solo cognome paterno.

Anche se quanto accade è da ritenersi un vero paradosso perché la Corte Costituzionale si è già espressa su questo tema, (sentenza numero 61 del 2006) chiarendo che «l’attuale sistema di attribuzione del cognome è retaggio di una concezione patriarcale della famiglia, la quale affonda le radici nel diritto di famiglia romanistico e di una tramontata potestà maritale, non più coerente con i principi dell’ordinamento e con il valore costituzionale dell’uguaglianza tra uomo e donna».
Un tema che farà discutere così come lo fanno tutti i cambiamenti atti a portare una ventata di freschezza nella nostra vita ma che darebbe alle donne la possibilità di esserci realmente e non di continuare ad essere considerate quasi come un’appendice della coppia.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/08/2020 07:17:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -