Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Repubblica Centrafricana: MSF, situazione umanitaria ancora critica

Repubblica Centrafricana: MSF, situazione umanitaria ancora critica
Autore: Redazione Esteri
Data: 18/11/2016

Mentre i funzionari del governo della Repubblica Centrafricana (RCA), l'Unione europea, le Nazioni Unite e gli Stati donatori si sono  riuniti a Bruxelles per discutere degli impegni presenti e futuri verso il Paese, Medici Senza Frontiere (MSF) lancia l’allarme sui bisogni umanitari che ancora attanagliano la popolazione civile: assistenza umanitaria e sanitaria devono continuare a ricevere stanziamenti adeguati.

Dopo le elezioni del 2016, alcuni attori internazionali hanno parlato di una "normalizzazione" della situazione in Repubblica Centrafricana per giustificare un graduale spostamento verso lo sviluppo, a scapito della capacità di risposta umanitaria. Ogni giorno, MSF è testimone di una realtà ben diversa: un gran numero di persone sono infatti ancora prigioniere di violenza e paura, e non hanno accesso ai servizi di base, come alloggio, cibo, acqua potabile, servizi igienico-sanitari, assistenza sanitaria e protezione.

Più della metà della popolazione ha bisogno di assistenza umanitaria e quasi 400.000 persone sono sfollate; un altro mezzo milione ha cercato rifugio nei Paesi vicini. La situazione sanitaria in RCA è preoccupante e gli indicatori mostrano una situazione simile, se non peggiore, agli anni precedenti. Il sistema sanitario pubblico non funziona in modo regolare. In molti casi, MSF si è trovata a fornire assistenza medica in zone dove non ci sono altri operatori sanitari. Le strutture sanitarie funzionanti scontano una grave carenza di personale medico, soprattutto nelle aree rurali. Alla fine di giugno 2016, MSF aveva già trattato 6.700 bambini malnutriti - molto più della metà dei 10.200 casi trattati in tutto il 2015.

Insicurezza, risorse insufficienti e politiche sanitarie inadeguate restano i principali ostacoli per l’accesso alle cure sanitarie per i più vulnerabili. Contrariamente al discorso attuale, i bisogni umanitari non sono ancora coperti e la risposta deve quindi continuare. I donatori, il governo e gli attori internazionali non possono permettersi di interrompere o diminuire l’assistenza umanitaria in questo momento.

La situazione in RCA è tale che la vita, la salute e il benessere di molte persone dipende dall'azione delle organizzazioni umanitarie e dall’impegno finanziario internazionale. I bisogni umanitari persistenti della popolazione devono quindi rimanere una priorità centrale nell'agenda internazionale.

Il Governo centroafricano e i donatori devono stanziare risorse adeguate e mirate agli attuali bisogni umanitari e di sviluppo nel settore sanitario. Nel 2016, MSF, con i fondi provenienti da donatori privati, ha speso 55 milioni di euro per sostenere 17 programmi medici in 9 prefetture. Questo importo supera il budget sanitario nazionale ed è notevolmente più grande rispetto agli investimenti nel settore di qualsiasi governo donatore. Inoltre, MSF chiede a tutte le parti in conflitto in RCA di assumersi la responsabilità di assicurare che la popolazione civile sia tutelata; di garantire l'accesso umanitario sia nelle aree urbane sia nelle aree più remote del paese; e garantire l'accesso alle cure sanitarie e il rispetto degli operatori sanitari e delle strutture.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/03/2021 23:29:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -