Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Recensione - 'E' solo la fine del mondo' - di Xavier Dolan (2016)

Recensione - 'E' solo la fine del mondo' - di Xavier Dolan (2016)
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 13/12/2016

E’ solo la fine del mondo ha una pelle canadese che sa di grigio, freddo e glaciale, ma la carne è torrida e trasuda calura afosa e scivolosa. La produzione ha il marchio francese, per l’intimismo della narrazione, luogo eletto in cui il regista rivelazione  Xavier Dolan ancora una volta ripropone i soggetti a lui più cari, la famiglia, l’incomunicabilità, la difficoltà dei rapporti umani.

Cinque personaggi, Louis, interpretato dallo splendido Gaspard Ulliel, Antoine, un irruento Vincent Cassel in grande forma,  Martine, Suzanne e Catherine si incrociano in un labirinto emozionale e incorniciato insistentemente dalle inquadrature strette sui volti, alla maniera di Dolan, che imperversa nei gangli dell’animo quasi a dissacrarne la vitalità. Tratto da una piéce del 1990 del drammaturgo francese Jeanluc Lagarce, il film sa molto di teatro, tutto dialogato, pochissimi esterni, striminziti nel loro puro formalismo senza sostanza.

La vita dei personaggi poggia tutta in una serie scoppiettante di dialoghi pesantissimi come macigni, grevi come le colpe dei padri, le mancanze delle madri, le ripicche dei fratelli, le gelosie, la violenza soppressa, il silenzio interiore che fa rumore anche quando tace. Questa manciata di tempo in cui la storia si dimena tra i suoi stessi confini racconta di un uomo che torna a casa dopo dodici anni di assenza, per informare la famiglia della sua imminente morte.

Giace implicito il dramma della malattia, mentre si dilata l’esperienza dell’omosessualità senza sfumature edulcoranti, della perdita, dell’incomunicabilità tra mondi che distano miglia e miglia senza sfiorarsi mai, i mondi dei fratelli, Antoine e Suzanne, che viaggiano senza rotta, in orbita sconnessa intorno al pianeta del loro amato e detestato  Louis capace di determinare, con la sua assenza, fratture interiori non rimarginabili. Le inquadrature insistono sulle crepe dei volti, sulle loro tensioni senza mai abbandonare il punto di vista del personaggio principale, perché quelli che gli stanno intorno prendono vita da lui, esistono in sua funzione, respirano la sua aria rarefatta.

Solo Catherine, cognata di Louis e moglie di Antoine, interpretata da una stentata Marion Cotillard, sembra volersi affrancare da questo miserevole destino, con le sue storie insulse, raccontate male, storie che vorrebbero sapere di vita ma che non lasciano nulla sul fondo del piatto. Una sorsata di nulla , perché anche i momenti in cui i componenti della famiglia sembrano dialogare, non ci si dice nulla, nulla che possa cambiare il corso delle loro esistenze.

La difficoltà della comunicazione, l’affettazione di certi discorsi, la leggerezza con cui viene trattata ad un certo punto la morte, la dipartita improvvisa di Louis e la testardaggine di Antoine lasciano un amaro indelebile su quello che avrebbe potuto essere un piccolo capolavoro se solo il regista si fosse concentrato meno sui propri virtuosismi e avesse ascoltato con più attenzione la voce di un cuore ferito, di una libertà oppressa, di un divario incolmabile tra vita e sopravvivenza. I lirismi a cui Dolan ci ha abituato non mancano, sparsi qui e là a spezzare il ritmo incessante dei dialoghi, ma non bastano per impennare e sublimare come nel 2014 ha fatto con la sua penultima pellicola, Mommy, in cui lo spazio dell’orizzonte visivo coincideva anche con la visione del mondo dei personaggi e dei loro drammi interiori. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2021 00:10:01

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 17/01/2020
Recensione: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè - al Brancaccio fino al 19 Gennaio

Ritmo, passaggi rapidi e dribbling dei cocenti e pesanti temi condivisi, senza commettere falli di gioco troppo evidenti che facciano sussultare gli spettatori dell’arena Brancaccio.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 14/01/2020
Recensione: Tosca e altre due - Teatro Belli

E’ di genio prendere a pretesto una narrazione arcinota, Tosca, per costruirne una parallela che conduce su un binario parallelo ad un’altra dimensione umana. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/12/2019
Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello

Uno spettacolo per bambini e adulti, in scena dal 21 dicembre al 6 gennaio per accompagnare in allegria le festività natalizie. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato - Ettore Mazzanti
Data: 20/12/2019
Recensione: Ismael, in viaggio dalla Siria - Off Off Theatre

Si annusano situazioni, si cercano elementi che accomunano, che ci rendono uguali a prescindere dal luogo di nascita. Il mare è blu dappertutto. Le parole hanno il medesimo senso.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -