Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Valeria Fedeli, Ministro dell 'Istruzione, e il reato - penale - di usurpazione di titolo

Valeria Fedeli, Ministro dell 'Istruzione, e il reato - penale - di usurpazione di titolo
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/12/2016

Art. 498 Usurpazione di titoli o di onori - Codice Penale

(Cliccare sul link per accedere al testo di Legge)

Chiunque, fuori dei casi previsti dall'articolo 497-ter, abusivamente porta in pubblico la divisa o i segni distintivi di un ufficio o impiego pubblico, o di un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, ovvero di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato ovvero indossa abusivamente in pubblico l'abito ecclesiastico, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 154 euro a 929 euro.

Alla stessa sanzione soggiace chi si arroga dignità o gradi accademici, titoli, decorazioni o altre pubbliche insegne onorifiche, ovvero qualità inerenti ad alcuno degli uffici, impieghi o professioni indicati nella disposizione precedente.

Per le violazioni di cui al presente articolo si applica la sanzione amministrativa accessoria della pubblicazione del provvedimento che accerta la violazione con le modalità stabilite dall'articolo 36 e non è ammesso il pagamento in misura ridotta previsto dall'articolo 16 della legge 24 novembre 1981, n. 689.

********

Ciò che avete letto sopra, rappresenta il reato penale di cui si macchia chiunque dica, o scriva o peggio, pubblichi alla libera lettura, un titolo accademico che non possiede.

E’ il caso – di queste ore – che vede protagonista la neo eletta Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, che “In buona fede” – ci spiegherà in che senso – diffuse la notizia secondo la quale sarebbe in possesso della laurea in “Scienze sociali”.

La questione apre a molte altre questioni. La prima: i casi si usurpazione di titoli in Italia non sono una novità, in special modo in seno agli ambienti politici. Un caso clamoroso tra tutti, fu quello che vide protagonista Oscar Giannino, giornalista e politico di destra, che mentì spudoratamente su titoli accademici mai conseguiti.

L’ho fatto per un senso di inferiorità”, dichiarò nel 2014. Ciò non toglie che mentì, compiendo il reato penale di “usurpazione di titolo”. Ma a quanto pare, nel nostro paese siamo andati davvero oltre. Oltre la decenza e persino oltre la possibilità che i reati, se si tratta di personaggi politici, possano trovare giusta pena.

Ora, è il momento della Fedeli, che oltretutto è stata nominata Ministro dell’Istruzione. Un ministro senza portafoglio, e senza laurea, oltre che senza pena inflitta per il reato compiuto.

Se questa signora, e tutti coloro che hanno il pallino di usurpare titoli di cui non sono in possesso, si trovassero in un’altra nazione, verrebbero immediatamente spogliati del ruolo designato.

Ma siamo in Italia, il paese in cui tutto ciò che non dovrebbe e potrebbe accadere, accade ogni giorno. Poi però, i cittadini si lamentano dell’andazzo generale, ma non muovono un muscolo per evitare la deriva catastrofica ormai intrapresa da lungo tempo.

Oltretutto, è davvero assurdo che proprio una persona che viene designata al ruolo di Ministro dell'Istruzione, millanti un titolo accademico, andiamo...

Provate voi a millantare di avere una laurea, magari dopo esser stati chiamati per la selezione lavorativa per cui viene richiesto un titolo accademico di un certo tipo. Potreste anche sfangarla, nel caso in cui venisse fuori l'inghippo, ma statene certi: potreste essere degradati di ruolo o persino sbattuti fuori.

Volete onestà? Recriminatela! E’ così che fanno, nelle nazioni con sistemi socio politici migliori del nostro.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/12/2019 23:36:53

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/12/2019
Il progresso tecnologico ci sta portando al regresso

Rendiamoci conto di una cosa: l’uomo un tempo necessitava di macchine per viver meglio. Oggi è il sistema tecnologico a servirsi degli uomini per alimentarsi e progredire. Dipendiamo noi dalla tecnologia o è il contrario? Cosa potrebbe accadere se, all’improvviso, tutti smettessimo di servircene?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2019
Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...

Perché mai si dovrebbe cancellare l’istituto giuridico della prescrizione? Il nostro sistema giudiziario necessita di un altro tipo di riforma, quella che renderebbe possibile lo snellimento delle cause, e anche di corposi finanziamenti che possano sostenere la buona tenuta di tutto il sistema. Invece a cosa pensano?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/11/2019
Siamo tutti in pericolo!

Vogliamo continuare a perder tempo, a contare i morti, ad assistere alle passeggiate propagandistiche di questo o quel politico, puntualmente presenti dopo il verificarsi dell’ennesima tragedia che si poteva, e si doveva, evitare? 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/11/2019
Sardine: quando i movimenti spontanei rischiano di fiaccare l'energia del popolo

Ignorare i propri diritti, non conoscere a dovere cosa è lecito fare da parte del mondo della politica, permette ai governi di scaraventare sulla popolazione un numero enorme di misure che contrastano vivacemente con il criterio stesso di democrazia.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -