Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
La Natura insegna, ma l'Uomo impara?

La Natura insegna, ma l'Uomo impara?
Autore: Padre Maurizio Patriciello
Data: 23/12/2016 15:36:35

Abbiamo contattato Padre Maurizio Patricello, proponendogli la pubblicazione dei suoi articoli sul nostro quotidiano: con nostra grande gioia, ha accettato.

Da oggi quindi, potrete leggere gli interessanti editoriali di Padre Patricello.

**********

Gli uomini: eterni scolari di una maestra che non si stanca mai di fare il suo dovere. Di notte e di giorno, d’ inverno e d’ estate, la vita ci insegna come fare per arrivare al traguardo nel migliore dei modi. Così da secoli. Le lezioni sono tante e tra loro diversissime. Progressi ne abbiamo fatti. Ci siamo spinti sempre oltre. Abbiamo sconfitto mostri che ai nostri antenati facevano paura. Abbiamo messo alla berlina streghe e fantasmi inesistenti.

Abbiamo aggiunto anni alla durata del nostro peregrinare. La vecchia maestra può dirsi soddisfatta? In parte. Solo in parte. C’è una lezione alla quale gli studenti non vanno molto volentieri. Eppure è alla base del loro vero progresso. Una lezione che a prima vista sembrerebbe secondaria. Un corso facoltativo e senza obbligo di esame. L’ aula non è mai strapiena. Una sorta di cenerentola all’ interno dell’ ateneo. A volte, però, quell’ aula è affollatissima. Nei giorni dolorosi e tragici gli studenti si ammassano alla porta. In quell’ aula si insegna l’ umiltà. Umiltà: termine desueto. Parola non sempre in voga. Sentimento che poche volte va di moda. Eppure essere umili è l’ unica possibilità che abbiamo per non rischiare di correre invano. L’ umiltà, infatti, è l’ altra faccia della verità. Cristo, la Verità fatta carne, disse di essere “ mite e umile di cuore” e ci consigliò di imparare da lui. Umiltà è ammettere di essere finiti, fragili, mortali. Umiltà vuol dire riconoscere di non bastare a noi stessi. Non siamo “ indipendenti”. Abbiamo bisogno di pane e affetto; amicizia e stima; amore e mete da raggiungere.

L’umiltà ti porta a non barare mai. A essere vero, trasparente, schietto, anche quando non sei compreso. Ad andare per la tua strada anche quando sarai lasciato solo. La nostra vita è segnata dal peccato originale. Un mistero, il peccato delle origini, senza il quale il cristianesimo sbiadisce, perde il suo fascino e anche il suo mordente. Mistero che ognuno, però, sperimenta in se stesso. La realtà è ambigua. “ C’è in me il desiderio del bene ma non la capacità di attuarlo … quando voglio fare il bene, il male è accanto a me” scrive san Paolo. L’ uomo è libero. Stupendamente e tragicamente libero di fare il bene o il male. Di donare la vita o distruggerla.

La Parola di Dio non ce lo ha nascosto. La Chiesa ce lo ha ripetuto fin dalla prima infanzia. Gli uomini sono feriti dalla colpa delle origini. La vittoria, però, è già nostra. Cristo ci ha liberati perché restassimo liberi. Questa è la notizia bella. Questa è la Parola che ci fa traboccare il cuore. A una condizione, però: se lo vogliamo. Entra in gioco la nostra volontà. La lotta contro il male, che, tradotto, va sotto i nomi blasfemi di egoismo, avarizia, orgoglio, superbia, vanità, invidia, gelosia, può essere vinta, solo se lo vogliamo. Viceversa, potrebbe anche portarci al fallimento. “ Alcuni uomini che sembravano seguire una condotta sublime, caddero nel più basso; e chi mangiava il pane degli angeli, l’ ho visto compiacersi delle ghiande dei porci” scrive l’ autore del libro “ Imitazione di Cristo”. Terribile. Qualcuno ha detto che la storia dell’ umanità è la storia di una guerra intervallata da momenti di pace.

È triste ammetterlo, ma costui non ha tutti i torti. La storia dell’ umanità, però, è anche storia di santità, altruismo, abnegazione, solidarietà, fratellanza. Storia di persone che hanno illuminato i giorni loro e quelli dei secoli che sono venuti e che verranno dopo. Madre Teresa di Calcutta, Agostino di Ippona, Francesco d’ Assisi, Giovanni Bosco, Massimiliano Kolbe, Giovanni Paolo II e mille altri ce lo confermano. Non c’è santità senza umiltà. Non c’è stato un santo che non abbia dubitato di se stesso e si sia gettato nelle braccia del buon Dio. Napoli è bella.

È vero. La montagna che si erge sullo sfondo e incornicia il mare, ha incantato e incanta il mondo. Napoli è bella e tragica. Tragicamente bella. Stupendamente tragica. Quel monte, infatti, fa paura. È un vulcano attivo. I napoletani lo sanno bene ma fingono di non saperlo. E tirano a campare. Quella montagna ha fatto piangere lacrime di sangue ai loro antenati tante e tante volte. Ha una forza di distruzione spaventosa, quel gigante così bello da vedere. I napoletani non gli hanno voluto bene. E il gigante, bistrattato, da amico potrebbe trasformarsi, ancora una volta, in un terribile nemico. Ricordiamolo mentre piangiamo le vittime dell’ ennesimo terremoto. Il Vesuvio obbedisce a leggi alle quali non potrà mai venire meno. Non è colpa sua. Dopo tante eruzioni disastrose – ultima quella del 1944 – era il caso di continuare a costruire alle sue falde? No, assolutamente.

Eppure le case arrivano a lambire la sua bocca. Bocca di fuoco e di veleni. Possiamo impedire oggi al Vesuvio di fare e farci male domani? Possiamo mettere al sicuro i nostri figli? Possiamo arrivare prima? Certamente, basta volerlo. Con competenza, volontà e immensa umiltà. Non dobbiamo cedere alla tentazione di sfidare la natura, ma a quella di diventarle amici. Non è bene ignorare i problemi. Se ci sono, occorre affrontarli, discuterli, risolverli. Con determinazione. Facciamolo. In ogni campo. Iscriviamoci a quel corso opzionale tanto poco frequentato nei momenti di benessere e di serenità. Affolliamo l’ aula dove si insegna l’ umiltà. È l’ unica virtù che ci fa veramente, completamente, misteriosamente uomini. Capaci di ragionare e amare. Condividere e gioire. Giocare e lavorare. Capaci di contemplare il Creato e, commossi e riconoscenti, sussurrare: « Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita, la luna e le stelle che tu hai fissate, che cos’è l’ uomo perché te ne ricordi e il figlio dell’ uomo perché te ne curi?»

Editoriale apparso su “ Avvenire”




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/11/2019 18:32:15

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Attualita'
Data: 19/05/2019 07:08:07
Zuckerberg: il padrone del mondo

Entra lentamente, si muove senza intoppi, impassibile, ieratico, come una statua montata su scarpe da ginnastica, con la pelle d'alabastro e questo taglio di capelli come un prato che lo fanno sembrare un console romano. I

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Vaticano
Data: 16/05/2019 06:15:31
Padre Krajewski a La Zanzara su Radio 24: 'Il mio gesto si difende da solo'

“Abusivi? Il mio prossimo è quello in difficoltà, questo è il Vangelo. Critiche? Non mi interessano, se qualcuno ha bisogno di aiuto mi comporto come ogni medico che giura di salvare una persona”.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/01/2019 09:55:55
Basilica di San Pietro: inaugurata la nuova illuminazione a led realizzata da Osram

Monsignor Angelo Comastri, Arciprete della Basilica ha commentato: "L'illuminazione intelligente risponde perfettamente alle esigene di culto, preghiera e celebrazione in particolare quando è presente il Santo Padre. Ma abbiamo raggiunto anche un altro scopo: la possibilità di ammirare la bellezza architettonica della Basilica".


Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 24/01/2019 06:09:48
Famiglia Cristiana: 'Quando Grillo scriveva: accogliamoli tutti'

"Il futuro non sarà migliore se ci difenderemo alzando steccati o prendendo impronte, ma se saremo capaci di integrazione e di condivisione. Questo il vero progresso, non quello che ci fa diventare sempre più meschini, chiusi o impauriti".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -