Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
La Fede spiegata ai non credenti

La Fede spiegata ai non credenti
Autore: Padre Maurizio Patriciello
Data: 27/12/2016

Ebbi modo di incontrarlo durante una trasmissione televisiva. Fu un incontro cordiale e rispettoso. Lui è uno scrittore italiano famoso e seguito che da sempre si professa non credente. Mancavano poche ore alla Messa della notte di Natale, quando, improvviso, sentìì il bisogno di fare gli auguri anche a lui. Gli inviai un messaggio. Rispose: « Anch’io la ricordo con affetto e stima… Lei venera Gesù Cristo, io tento di avere come guida l’uomo Gesù, figlio di Giuseppe».

Pensai e ripensai a quelle parole. Che differenza abissale tra Gesù il figlio di Giuseppe e Gesù il figlio dell’ Altissimo. La nostra Fede è tutta qui. I minuti passavano, era giunta l’ ora della Messa. Tutto era pronto.

La chiesa gremita all’ inverosimile. Il pensiero tornò a lui, allo scrittore famoso e a tutti i fratelli non credenti di buona volontà. “Che cos’è la fede? E chi è il vero credente?” mi chiedevo. Mi ritrovai a scrivergli ancora: « Troppo poco, dottore. Troppo poco. Di uomini grandi la storia ce ne ha tramandati tanti … il figlio di Giuseppe non è l’ unico che vale la pena di imitare… Non venga meno la scommessa». L’ omelia preparata lasciò il posto a una riflessione su quelle ultime parole: non venga meno la scommessa.

È vero, ci sono stati uomini che hanno fatto e fanno arrossire il volto all’ umanità. Capaci di gioire delle sofferenze e della morte altrui. Che quelle sofferenze hanno pianificato, programmato, realizzato. Ma anche possiamo vantarci di aver incontrato, di persona o sui libri, persone belle, che hanno fatto della loro vita un dono. Il mistero del male non si lascia scandagliare con facilità. Anche quando ci sembra di arrivare a una risposta c’è sempre un lato oscuro, insondabile. Il figlio di Giuseppe è stato un grande? Certamente, ma non è questo il punto.

Per quanto grande sia stato il figlio del carpentiere di Nazaret, anche lui ha dovuto fare i conti con la morte. E se la morte lo avesse tenuto prigioniero, la sua grandezza lascerebbe il tempo che trova. Il fatto è che il Bambinello adagiato nel presepe è Colui che dal niente ha fatto le galassie. Ma, come fai a dirlo con certezza? È vero, il dubbio può arrivare per tutti e a tutte le ore. Ma non è un male. È un momento benedetto che ti assale e ti scovolge il dubbio.

Deve essere così: in gioco c’è la felicità su questa terra e la vita eterna. Se c’è un Dio lo voglio conoscere, se c’è un paradiso ci voglio andare. Il dubbio ti fa cercare, scavare, senza barare con te stesso. Il tarlo che rende insonni le tue notti ti fa simile a un detective che non si stanca di indagare. Il credente è un uomo che ogni giorno si sforza di credere, mentre il non credente ogni giorno si sforza di non credere. Nessuno può vantarsi di niente. Insieme prendono coscienza della propria piccolezza e fragilità. E si accorgono che la migliore amica è sempre e solo l’ umiltà. E come naufraghi sbattuti dalle onde dell’ oceano in tempesta si aiuteranno per non annegare. Salgo l’ Altare portando nella mia preghiera tutti coloro che la notte di Natale avvertono il fascino di un mistero cui non sanno dare un nome.

È nato, alleluja! cantano in chiesa. Che consolazione! Alla luce del Bambino di Betlemme tutto si ridimensiona, tutto impallidisce. Ti senti piccolo e immenso nello stesso momento. Ritornano le domande di sempre: « Signore, che cos’è l’ uomo perché te ne prendi cura? Perché te ne sei innamorato? Dimmi: non avresti potuto crearlo in modo da fargli desiderare sempre e solamente il bene? Perché gli hai dato la capacità di poter distruggere se stesso e il mondo che lo ospita? » Dalla mangiatoia arriva la risposta.

Dio, come un bambino è affidato alle tue mani. Lo puoi scaraventare a terra, calpestarlo, ucciderlo. Viceversa: lo puoi coccolare e accarezzare; nutrire ed educare. Gira e rigira, ancora una volta, devi ammettere che senza la libertà non saresti un uomo ma solo un animale tra gli animali. Libertà: dono spaventosamente bello, fuoco sacro che può incendiare il mondo di pace, amore, fratellanza, ma anche può distruggerlo nel giro di poche ore. “ Troppo poco, dottore. Troppo poco” Conviene continuare a scommettere.

Ecco, la scommessa. Sempre. Per tutti. Credenti e non credenti stanno sulla stessa barca: la barca della vita. Ognuno ha il compito di sostenere l’ altro nella fatica dell’ esistere. Nascere è stato il più grande affare della nostra vita, ma lo spettro della morte e del non senso offusca non poco le nostre giornate. Natale, per i credenti, è il tempo delle vertigini. Il loro Dio non è lontano ma incredibilmente vicino. Si è fatto Uomo, si è fatto Parola, si è fatto Pane. Chi non ha – o crede di non avere - il dono della fede è sempre invitato a prendere in considerazione la proposta del Vangelo. Chissà, potrebbe accadere qualcosa di veramente bello. A volte la risposta è più vicina di quanto possiamo credere.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/07/2024 13:24:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Attualita'
Data: 19/05/2019
Zuckerberg: il padrone del mondo

Entra lentamente, si muove senza intoppi, impassibile, ieratico, come una statua montata su scarpe da ginnastica, con la pelle d'alabastro e questo taglio di capelli come un prato che lo fanno sembrare un console romano. I

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Vaticano
Data: 16/05/2019
Padre Krajewski a La Zanzara su Radio 24: 'Il mio gesto si difende da solo'

“Abusivi? Il mio prossimo è quello in difficoltà, questo è il Vangelo. Critiche? Non mi interessano, se qualcuno ha bisogno di aiuto mi comporto come ogni medico che giura di salvare una persona”.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/01/2019
Basilica di San Pietro: inaugurata la nuova illuminazione a led realizzata da Osram

Monsignor Angelo Comastri, Arciprete della Basilica ha commentato: "L'illuminazione intelligente risponde perfettamente alle esigene di culto, preghiera e celebrazione in particolare quando è presente il Santo Padre. Ma abbiamo raggiunto anche un altro scopo: la possibilità di ammirare la bellezza architettonica della Basilica".


Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 24/01/2019
Famiglia Cristiana: 'Quando Grillo scriveva: accogliamoli tutti'

"Il futuro non sarà migliore se ci difenderemo alzando steccati o prendendo impronte, ma se saremo capaci di integrazione e di condivisione. Questo il vero progresso, non quello che ci fa diventare sempre più meschini, chiusi o impauriti".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -