Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Gioco, la percezione cambia. Morace: 'E' necessario formare i cittadini'

Gioco, la percezione cambia. Morace: 'E' necessario formare i cittadini'
Autore: Redazione Attualita'
Data: 10/01/2017

 

Il Sociologo Francesco Morace

Il 2016 è stato un anno importante il gioco. Sono stati tanti infatti gli interventi politici in questo settore nell'anno che si è appena concluso. Si può ricordare per esempio l'intesa che si è cercato di trovare in Conferenza Unificata e i vari emendamenti, poi saltati per la caduta del governo Renzi, proposti in sede di approvazione della Legge di Stabilità

L'approccio nei confronti di questo mondo sembra dunque essere cambiato. Secondo quanto detto dal sociologo Francesco Morace, ci si è resi conto che è necessario formare i cittadini. Insomma, c'è più consapevolezza e meno leggerezza. Il gambling è un po' come l'alcool e il tabacco. In che senso? Nel senso che la dipendenza è un rischio che non va affatto sottovalutato e preso sottogamba. Questa presa d'atto rappresenta un'importantissima svolta da cui occorre ripartire. Ed è su questa via che si sono mossi molti sindaci, che hanno adottato misure a tutela dei cittadini.

Ma cos'è a creare la ludopatia? Ormai si fa sempre più strada l'interpretazione della cosiddetta “strategia a rinforzo intermittente”. Esso consiste nel rafforzamento del comportamento, che però non avviene sempre, ma in modo del tutto occasionale. Un po' di partite possono andare male, ma arriverà, prima o poi, quella che ripaga dal punto di vista di vincita in denaro: è ciò lo stimolo che porterà a ripetere questo atteggiamento nel tempo. “Ora va male e sto perdendo un sacco di soldi, ma sono convinto che se gioco un altro paio di partite finisco per vincere”: è questo il pensiero che aleggia nella mente del giocatore compulsivo. Un meccanismo quindi che appare quasi perfetto, ma  è in realtà molto pericoloso e assai rischioso.

Ed è così che in fondo si può creare anche una forma di dipendenza non consapevole, dove il ludopata, oltre a non ammettere la sua condizione, non è informato sulle sue dinamiche e caratteristiche. Non va però dimenticato che non è semplice conoscere un patologia del tutto nuova e difficile da prevenire, non avendo, d'altronde, i mezzi sufficienti per farlo.

Ma per limitare la dipendenza dal gioco è sufficiente limitarne l'offerta? Difficile rispondere. Per Francesco Morace questo può, senza alcun dubbio, cambiare l'approccio culturale delle persone. La soluzione per il sociologo può essere rappresentata dalla creazione di luoghi socializzanti e aggregativi, volti a combattere e ostacolare la solitudine, che è una delle principali motivazioni che portano a buttarsi e fiondarsi sull'azzardo. Insomma, vi è come una difficoltà di integrazione dei soggetti più deboli. Il problema è in gran parte tutto qui. Non si intende criminalizzare il gioco, ma bensì cercare di proporlo in un'ottica nuova. Si può tranquillamente parlare di una forma e di un'offerta differente. Questo lavoro dovrebbe soprattutto partire dalle periferie delle città, che rischiano di essere abbandonate e dimenticate. Il rischio, oltre alla dipendenza, è quello dell'illegalità e della distorsione. La ludopatia si può contrastare, combattere e curare, ma è necessario un approccio nuovo. È questo ciò che ci ha detto il 2016. È questo l'obiettivo per il 2017. La strada è appena iniziata.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/03/2021 04:33:09

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -