Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
Il Cristo di ghiaccio: riflessioni sulla tragedia di Rigopiano

Il Cristo di ghiaccio: riflessioni sulla tragedia di Rigopiano
Autore: Editoriale di Padre Maurizio Patriciello
Data: 25/01/2017

Abbiamo sperimentato in questi giorni l’ amarissimo sapore del limite. Abbiamo sofferto e pregato. Vi abbiamo tenuto compagnia di giorno e di notte, fratelli e sorelle imprigionati nella morsa del ghiaccio. Con voi abbiamo gioito e tremato, sperato e imprecato. Non vi abbiamo lasciati soli nemmeno un istante. Accanto ai vostri cari, chiusi in un dolore senza confini, c’ era l’ Italia intera.

La nostra bella Italia che, nei momenti del bisogno, sa ritrovare in se stessa il filone d’oro della solidarietà, della pietà, della condivisione. Non eravate soli ad essere schiacciati da quel macigno enorme di detriti, di paura, di ghiaccio. In quel buio che spaventa c’era un esercito di persone che avrebbero voluto donarvi il cuore. Una processione di fratelli che chiedeva e chiede: « Perché, Signore?» Commossi fino alle lacrime abbiamo gioito per i bambini strappati alle grinfie della morte dalla faccia gelida.

Abbiamo constatato quanta forza porta in sé la solidarietà. Quando l’ uomo si fa fratello di chi non ha mai conosciuto. Che importa se sei nato al mio paese o al di là dell Appennino? A coloro che, caparbi, imperterriti, hanno continuato a scavare per restituire alla vita almeno qualche vita, vogliamo stringere la mano, fissarli negli occhi e gridare un “grazie” grande quanto il sole. Siete la parte bella di questo mondo quando non si lascia impantanare nell’ assurdo.

Siete i veri modelli della nostra gioventù. Ho incontrato ieri un vecchio amico nella piazza del paese. Da sempre è portato al pessimismo. Mi ha detto: « Hai visto quanta gente buona c’è in giro? Non è vero che il mondo è cattivo …». Grazie a questi uomini che ci hanno dato una stupenda lezioni di umiltà, di altruismo, di carità. Guardandoli lavorare senza risparmio riascoltiamo Gesù: « Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici ». Amore. “Alla sera della vita ciò che conta è avere amato” ci ricorda san Giovanni della Croce. Nel setaccio del tempo che scorre senza sosta passa solo la farina dell’ amore. Tutto il resto è crusca destinata a essere dispersa.

È vero, l’ abbiamo vinta solo in parte questa terribile battaglia. È vero, alcuni bambini strappati al ghiaccio non assaporeranno più le coccole dei genitori. Il cuore sanguina. I drammi della vita non li risolveremo mai del tutto. Il mistero della sofferenza e della morte non si lascia indagare fino in fondo. La terra è forte e fragile, ha da osservare le sue leggi. Non ne può fare a meno. Gli stessi uomini sono fragili, forti, ma anche intelligenti. Non sempre, ma sovente, sanno arrivare prima. Non tutte, ma qualche sciagura riescono a prevederla, prevenirla.

La prudenza non sarà mai troppa quando si tratta di salvare vite umane. Stupenda è la natura quando la senti amica, tremenda quando fa arcigno il volto. Anch’ essa, segnata dal peccato, geme e soffre le doglie e i travagli del parto. A volte conviene osservarla da lontano, altre volte, quando ce lo permette, possiamo osare e goderla da vicino. Sempre con delicato rispetto. La sofferenza di questi giorni ci accomuna, ci affratella. Fa cadere le inutili barriere dietro cui, spesso, andiamo a trincerarci. Ci fa sentire piccoli, impotenti.

Ci riempie il cuore di rabbia, di preghiera, di speranza. Chi ha il dono della fede può contare su una forza meravigliosa che viene da fuori. Su di un Dio che non risolve i problemi ma li condivide. La fede ci ha fatto intravedere in queste terribili giornate, accanto ai fratelli imprigionati, un Cristo di ghiaccio. Lo abbiamo contemplato come a Betlemme la notte di Natale. Prigioniero con i prigionieri in preda al panico. Con essi ha condiviso un’ agonia più spaventosa della morte. Lo abbiamo visto, poi, prenderli tra le braccia e portarli nella gloria. La fede non ci dice altro. Non ci dà tutte le spiegazioni che vorremmo. Il dolore degli innocenti rimarrà un mistero fino alla fine del mondo. Possiamo, però, dobbiamo con tutte le nostre forze, impegnarci perché diminuisca sempre di più, pur sapendo che non riusciremo mai del tutto a farlo scomparire dalla faccia della terra.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 03/10/2022 11:20:25

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Attualita'
Data: 19/05/2019
Zuckerberg: il padrone del mondo

Entra lentamente, si muove senza intoppi, impassibile, ieratico, come una statua montata su scarpe da ginnastica, con la pelle d'alabastro e questo taglio di capelli come un prato che lo fanno sembrare un console romano. I

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Vaticano
Data: 16/05/2019
Padre Krajewski a La Zanzara su Radio 24: 'Il mio gesto si difende da solo'

“Abusivi? Il mio prossimo è quello in difficoltà, questo è il Vangelo. Critiche? Non mi interessano, se qualcuno ha bisogno di aiuto mi comporto come ogni medico che giura di salvare una persona”.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/01/2019
Basilica di San Pietro: inaugurata la nuova illuminazione a led realizzata da Osram

Monsignor Angelo Comastri, Arciprete della Basilica ha commentato: "L'illuminazione intelligente risponde perfettamente alle esigene di culto, preghiera e celebrazione in particolare quando è presente il Santo Padre. Ma abbiamo raggiunto anche un altro scopo: la possibilità di ammirare la bellezza architettonica della Basilica".


Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 24/01/2019
Famiglia Cristiana: 'Quando Grillo scriveva: accogliamoli tutti'

"Il futuro non sarà migliore se ci difenderemo alzando steccati o prendendo impronte, ma se saremo capaci di integrazione e di condivisione. Questo il vero progresso, non quello che ci fa diventare sempre più meschini, chiusi o impauriti".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -