Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Indebitamento: il 49% degli imprenditori ha debiti per circa 80.000 euro

Indebitamento: il 49% degli imprenditori ha debiti per circa 80.000 euro
Autore: Arianna Fioravanti - Redazione Economia
Data: 17/02/2017

Avvisi di accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate; il tentativo di finanziare piccole imprese familiari ricorrendo a prestiti di Istituti bancari o Finanziarie; l'elevata pressione fiscale che incombe sull'attività imprenditoriale. Sono queste le principali cause di sovraindebitamento per gli imprenditori italiani. A rivelarlo un'indagine realizzata dall'Osservatorio Prodeitalia condotta attraverso l'analisi dei dati relativi agli assistiti che si sono rivolti all'Associazione Csi-Kronos che con il progetto Prodeitalia  ha riunito una squadra di professionisti (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro) presenti in tutta Italia.

Gli imprenditori che si sono avvalsi della consulenza del team Prodeitalia sono circa il 52%, il restante 48% è costituito da liberi professionisti, dipendenti e disoccupati. Secondo l'Osservatorio il profilo dell'imprenditore che si indebita è prevalentemente uomo, tra i 30 e i 70 anni, con un livello di istruzione di licenza superiore. Nel Lazio e nella Capitale, l'età si abbassa a 45 anni ma cambia anche l'identikit: qui i sovraindebitati sono soprattutto dipendenti della pubblica amministrazione, pensionati e disoccupati.

Il 49% degli imprenditori assistiti, ha contratto debiti per circa 80.000 euro. Tuttavia, se si analizza la posizione degli imprenditori del Nord Italia, la situazione cambia notevolmente fino ad arrivare a debiti per circa 200.000 euro. Il dato si riferisce, in particolare, alla Lombardia e alle zone di Venezia e del trevigiano. La ricerca ha evidenziato, inoltre, come i casi di sovraindebitamento "incolpevole" del debitore consumatore (persona fisica) siano circa il 60%; nel rimanente 40% i debiti sono stati contratti o con la consapevolezza di non essere in grado di far fronte agli stessi o mettendo in atto atti in frode ai creditori e, per tali ragioni, manchevoli del requisito della meritevolezza che, nel giudizio di fattibilità dal piano, gioca un ruolo di primaria importanza.

"Sono numerosi i casi di sovraindebitamento che hanno trovato soluzione grazie alla legge 3/2012. Ad esempio - afferma Elena Zamuner coordinatrice nazionale del Progetto Prodeitalia - un imprenditore che aveva contratto debiti derivanti da attività imprenditoriale per oltre 200.000 euro si è rivolto ai nostri professionisti che hanno preliminarmente  avviato un contenzioso tributario, in esito al quale è stato annullato circa 100.000 euro di debito con il fisco, e, per il debito residuo, hanno presentato una proposta accordo attivando la procedura ex legge 3/2012
".




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 01/12/2021 13:23:33

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -