Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Eventi  
Intervista a Pino Perrone, whisky consultant dello 'Spirit of Scotland - Rome Whisky Festival'

Intervista a Pino Perrone, whisky consultant dello 'Spirit of Scotland - Rome Whisky Festival'
Autore: In esclusiva per Gli Scomunicati di Carlo Dutto
Data: 17/02/2017

 

Intervista di Carlo Dutto, in esclusiva per il nostro quotidiano:

1)'Spirit of Scotland - Rome Whisky festival' torna a Roma il 4 e 5 marzo nella cornice del Salone delle Tre Fontane dell'Eur, cosa ci attende per questa sesta edizione? Quali masterclass nello specifico delizieranno il pubblico?

Ci attendiamo un consolidamento della crescita avviata nel corso delle passate edizioni e un ulteriore incremento di presenze di pubblico. Le premesse ci sono: nel corso dell’anno abbiamo notato un interesse sempre più sostenuto nell'ambito della didattica che prosegue oltre all’evento, che non può vivere solo della due-giorni. Le masterclass dovrebbero tutte tendere a deliziare il pubblico, diversamente non avrebbero lo scopo che si prefiggono e cioè quello della convivialità e della socialità, insito da sempre in questo nobile distillato. Tutte le informazioni le trovate al sito ufficiale www.spiritofscotland.it

2)Il pubblico potrà degustare vari prodotti, quali nello specifico? Come funzioneranno le degustazioni?

Certamente. Saranno oltre il migliaio e spazieranno molto. Protagonista sarà il single malt scotch whisky, vale a dire quello prodotto esclusivamente con orzo maltato, in Scozia e presso solo una distilleria che effettua la distillazione discontinua. Ma avranno spazio nella manifestazione anche altri whisky provenienti da altri Paesi come Irlanda, Stati Uniti, Giappone, Italia ecc. La degustazione funzionerà a gettone: si potranno acquistare presso le casse i gettoni necessari. Vorrei sottolineare che il prezzo degustazione richiesto è sempre molto ragionevole. Non ci sono ricarichi superiori al costo della bottiglia, a differenza di quanto giustamente avviene quando ci rechiamo in un locale che preveda la mescita del whisky.

3)Il pubblico meno preparato come può gustare al meglio un whisky? Vige invece per gli 'esperti' una sorta di educazione continua all'assaggio?

Il pubblico meno preparato dovrebbe porsi mentalmente in maniera più aperta possibile. Capisco naturalmente i gusti personali, tuttavia alle volte vanno messi da parte, se si vuole veramente comprendere appieno il whisky. Comunque le priorità sono: un bicchiere adeguato e la temperatura di servizio. Naturalmente il cibo influenza la degustazione. Se evitiamo di avere avuto prima una gomma da masticare sarebbe meglio, e non solo. Anche cibi troppo salati o amari possono inficiare. I cosiddetti “esperti” invece, dovrebbero rapportarsi in maniera umile. Fondamentale è tornare sugli assaggi e non direttamente assumere una posizione netta. Alle volte potremmo rimanere sorpresi in un senso e nell'altro di quanto diversa può risultare una degustazione. Mi è capitato recentemente di assaggiare nuovamente uno dei miei riferimenti di sempre e trovarlo non all’altezza. In verità in quest’occasione la bottiglia non aveva avuto il tempo necessario per potersi esprimere.

4)Quali tipologie di whisky consiglia a chi si avvicina per la prima volta a una degustazione professionale?

Per imparare ritengo sia necessario frequentare le cosiddette 'verticali', degustazioni che vertono nell'ambito della medesima tipologia ma che danno l’opportunità di capire come evolve il whisky con l’invecchiamento.

5)Si legge anche di un'area gourmet al festival: quali i cibi migliori da accostare al whisky per esaltarne il gusto
?

Gli abbinamenti tradizionali con il whisky sono l’haggis, il salmone e altri abitanti del mare come molluschi, crostacei e ostriche. Molta pasticceria si presta benissimo, da quella secca a quella lievitata, ma anche la cioccolata e le preparazioni a base di cacao. Consiglio vivamente i formaggi erborinati, stagionati, d’alpeggio e a latte crudo.

6)In questi anni di festival e di corsi che lei tiene durante l'anno, come ha visto cambiare attitudini, aspettative, gusto e conoscenza del pubblico? E com'è cambiato il mercato? L'Italia in che posizione si trova in quanto a consumo e importazione?

C'è tanto da fare. Esiste un buco generazionale da colmare. Negli anni Sessanta vi era un interesse e consumo molto forte da parte del nostro Paese e all'avanguardia rispetto al resto del mondo. La generazione successiva non ha proseguito in questo e ora siamo arretrati e di parecchio. In classifica di consumo pro-capite di whisky, in base a uno studio del 2014 se non ricordo male, siamo finiti al 24esimo posto, con un consumo di tredici volte inferiore al leader, che è la Francia. Tuttavia, negli ultimi anni, assistiamo a una crescita da parte di molti giovani che si avvicinano a questo distillato e in maniera consapevole. Le persone sempre più ricercano prodotti di qualità e questo anche per merito di organizzazioni ed eventi simili ai nostri.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/12/2021 23:19:27

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Eventi

Autore: Lara Facco - Redazione Cultura
Data: 22/05/2020
Fondazione Arnaldo Pomodoro e Studio MARCONI ‘65

Più di un mese fa la Fondazione Arnaldo Pomodoro e lo Studio MARCONI ’65 hanno lanciato una campagna di raccolta fondi a favore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri - IRCCS

Leggi l'articolo

Autore: Gabriella Gnetti - Redazione Cultura
Data: 21/05/2020
#laculturaincasaKIDS: attività e appuntamenti digital per bambini e ragazzi

...Nella serie di video per ogni età Gli abitanti del Museo dei Fori Imperiali si raccontano! i protagonisti sono i capolavori della collezione, che si animano raccontando la propria storia.

Leggi l'articolo

Autore: Gabriella Gnetti - Redazione Cultura
Data: 16/05/2020
#laculturaincasa: gli appuntamenti digital del fine settimana dal 15 al 17 maggio

Roma Capitale della cultura prosegue le attività su web e social con il programma #laculturaincasa. Sono tanti gli appuntamenti, gli approfondimenti e i video messi a disposizione online per tutti...

Leggi l'articolo

Autore: Gabriella Gnetti - Redazione Cultura
Data: 09/05/2020
#laculturaincasa: gli appuntamenti digital fino al 10 maggio

Roma Capitale della cultura, aderendo alla campagna #iorestoacasa, prosegue le attività su web e social con il programma #laculturaincasa. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -