Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Investimenti: Italia non attira gli investitori esteri

Investimenti: Italia non attira gli investitori esteri
Autore: Attilio De Pascalis - Redazione Economia
Data: 06/03/2017

L’Italia si conferma poco attraente per gli investimenti diretti esteri, pari allo 0,7% del prodotto interno lordo, contro il 2% in Europa. Ma la riduzione delle imposte sulle imprese nel 2017, dal 31,4% al 27,9%, potrebbe rendere il Belpaese più competitivo.

È quanto emerge da una ricerca di UHY, network internazionale che raggruppa società di revisione, consulenza fiscale e sul lavoro.

L’indagine ha analizzato l’incidenza degli investimenti diretti esteri (FDI) sul Pil delle 44 maggiori economie del mondo nel 2015.

In vetta figurano Malta (26%), Singapore (22%) e Olanda (14%). L’Italia si colloca al 36% posto. Fra le maggiori economie europee svetta la Spagna (2,1%), seguita da Gran Bretagna (1,8%), Francia (1,4%) e Germania (1,4%).

Gli investimenti esteri nella Penisola hanno raggiunto i 13 miliardi di dollari contro oltre 50 in Gran Bretagna, 46 in Germania, 35 in Francia e 25 in Spagna.

“I Paesi fanno a gara per attirare i capitali stranieri per il contributo allo sviluppo economico, alla nascita di nuove aziende o al rafforzamento di quelle esistenti”, osserva Andrea D’Amico, partner di UHY Italy, “Gli investimenti portano con sé iniezioni di tecnologie, competenze e infrastrutture. E aiutano la crescita delle risorse umane”.

I fattori che inibiscono gli investimenti esteri, sottolinea la ricerca, sono la scarsa crescita del Paese, l’elevata burocrazia, le alte tasse.

“L’Italia si presenta oggi molto meglio rispetto ad alcuni anni fa”, osserva D’Amico, “Dal 2017 c’è un consistente taglio, il 3,5%, delle imposte sulle imprese. Questo taglio ci colloca ora a metà classifica fra i maggiori Paesi. Poi c’è un intervento a favore degli investimenti in impianti e macchinari, con il super ammortamento. Ma ulteriori riforme e incentivi sarebbero utili”. Un deciso impulso potrebbe arrivare dalla riforma del mercato del lavoro (Jobs Act), che ha allineato l’Italia ai maggiori partner europei. Un fattore favorevole è l’elevata preparazione dei giovani, in costante crescita.

Un altro indicatore in deciso miglioramento – sottolinea UHY Italy – riguarda le controversie. Il numero di processi civili pendenti si è ridotto drasticamente, passando da 5,8 a 3,8 milioni in 7 anni (-34%). I tempi si sono accorciati, anche grazie al “processo telematico”, che permette di depositare gli atti in via telematica.

Negli ultimi anni, poi, sono state introdotte numerose semplificazioni burocratiche.

E m molte procedure con la Pubblica Amministrazione transitano ora dal canale digitale.

Ad attirare gli investimento esteri – ricorda la ricerca UHY - sono sempre le economie emergenti dei BRICS, con un flusso di 375 miliardi di dollari.

Brasile, Russia, Cina, India e Sudafrica insieme, vantano un rapporto fra pari al 2,3% del Pil. Le economie mature del G7 si attestano sull’1,7%.

I “plus” dei BRICS sono il basso costo del lavoro, l’ambiente economico favorevole e la disponibilità di risorse.

Investimenti diretti esteri sul prodotto interno lordo (Fonte UHY)

 

Posizione

Paese

% del PIL

1

Malta

25.8%

2

Singapore

22.3%

3

Olanda

13.8%

4

Cambogia

9.4%

5

Jamaica

6.7%

6

Vietnam

6.2%

7

Brasile

4.2%

8

Perù

4.1%

9

Israele

3.9%

10

Bulgaria

3.8%

11

Malesia

3.7%

12

Canada

3.6%

13

Emirati Arabi Uniti

3.2%

14

Australia

3.2%

15

Polonia

3.0%

16

Messico

2.8%

17

Uruguay

2.5%

18

Romania

2.4%

19

Indonesia

2.3%

20

Railandia

2.3%

21

Cina

2.3%

22

USA

2.1%

23

Spagna

2.1%

24

India

2.1%

25

Egitto

2.1%

26

Argentina

2.0%

27

Filippine

2.0%

28

Guatemala

1.8%

29

Gran Bretagna

1.8%

30

Bangladesh

1.6%

31

Francia

1.4%

32

Germania

1.4%

33

Republica Ceca

1.4%

34

Slovacchia

1.3%

35

Austria

1.1%

36

Italia

0.7%

37

Nigeria

0.6%

38

Danimarca

0.6%

39

Russia

0.5%

40

Pakistan

0.4%

41

Croazia

0.3%

42

Portogallo

0.3%

43

Giappone

0.0%

44

Nuova Zelanda

-0.1%

Spagna calamita fra i grandi Paesi europei (Fonte UHY)

 

Posizione

Paese

Investimenti esteri

(milioni di dollari)

Peso % sul prodotto interno lordo

1

Spagna

25

2,1

2

Gran Bretagna

50

1,8

3

Germania

46

1,4

4

Francia

35

1.4

5

Italia

13

0,7


Tassazione soft sulle imprese britanniche (Fonte UHY)

 

Posizione

Paese

Tassazione % sulle imprese 2007

Tassazione % sulle imprese 2017

1

Gran Bretagna

30,00%

20,00%

2

Spagna

32,50

25,00

3

Italia

37,25%

27,9%

4

Germania

38,36%

28,72%

5

Francia

33,32%

33,30%

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/02/2021 07:21:00

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -