Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Varese: cibo etnico nelle scuole. Scoppia la polemica

Varese: cibo etnico nelle scuole. Scoppia la polemica
Autore: Anna Lisa Minutillo - Redazione Attualita'
Data: 25/03/2017

Lʼiniziativa di scambio culturale dellʼamministrazione comunale: piatti nigeriani agli alunni della primaria per raccontare un pezzo dʼAfrica.

Un giorno in cui saranno servite ai bimbi zuppe speziate, ragù di arachidi, tortini di fagioli farciti e carne al peperoncino . Pochi “ingredienti” sono stati sufficienti per scatenare uno scontro tra il sindaco di Azzate, in provincia di Varese, e la Lega Nord.

Il tutto nasce da un progetto comunale “Sapori del Mondo – Menù senza frontiere” che è stato inserito nell’offerta formativa scolastica. Un’ occasione per mettere in atto integrazione e condivisione di differenti culture, anche quelle alimentari, che martedì 28 marzo, in questa scuola primaria darà ai bambini la possibilità di assaggiare in mensa i sapori etnici tradizionali proposti da quattro profughi nigeriani che da oltre un anno vivono in questo paese.

Durante questa iniziativa sarà presente anche una dietologa allo scopo di spiegare ai bimbi i principi nutrizionali degli alimenti e le diverse caratteristiche degli ingredienti.

Partono così riserve e dubbi dal punto di vista sanitario da parte di alcuni, convinti che sarebbero stati i quattro richiedenti asilo a cucinare.

Protesta l’onorevole Paolo Grimoldi della Lega Nord: “Per la serie non devono essere gli immigrati a integrarsi alle nostre tradizioni e al nostro modo di vivere ma dobbiamo essere noi a assumere il loro modo di vivere. Ecco la geniale pensata del sindaco di Azzate”.

Il primo cittadino Gianmario Bernasconi spiega invece che la preparazione dei piatti che verranno serviti sarà a cura della cooperativa che gestisce il servizio mensa. Questa iniziativa rientra in un progetto inerente la mensa scolastica che è stato votato all’unanimità da tutto il consiglio comunale nel febbraio 2016. Un progetto che prevede l’eliminazione degli sprechi alimentari, ed a far trovare in tavola ai bambini frutta e verdura di stagione.

Provocazioni anche da parte del consigliere regionale del Carroccio Emanuele Monti, secondo il quale “al posto di dare da mangiare ai bambini curcuma, o altra roba improponibile, si dovrebbe pensare meno a comparire sui giornali e più a valorizzare il nostro patrimonio tradizionale, anche culinario”.

L’idea del progetto è quella di “coniugare i sapori con la storia di questi quattro giovani richiedenti asilo. La parte adatta a dei bambini, racconterà loro un pezzettino d’Africa”.

“Finalmente in Regione la Lega s’è accorta dell’esistenza della scuola di Azzate – afferma il sindaco Bernasconi – sarebbe stato interessante fosse intervenuta anche quando i profughi hanno spazzato il cortile della scuola dalle foglie, per permettere ai bambini di tornare a giocare in un contesto pulito. Ma in quel caso nessuno ha trovato nulla da ridire. I quattro ragazzi nigeriani hanno fatto molto per il paese in questi mesi, senza clamore. Anche il sindaco Martedì andrà a mangiare con i bambini.

Non si perde occasione per rendere iniziative di integrazione come qualcosa di pesante , da cui prendere le distanze.

I bambini non hanno preconcetti tanto è vero che in questi ultimi anni vediamo molti bimbi di provenienze differenti far parte di classi nelle nostre scuole e perfettamente integrati ed accettati .

Il cibo da sempre è occasione di condivisione, un vero e proprio fenomeno sociale che offre la possibilità di colmare curiosità attraverso la scoperta di altri sapori.
Non sappiamo prendere mai spunto dai bimbi che molto hanno da insegnare a noi “adulti”, non sappiamo fermarci ad ascoltare, non sappiamo trarre da momenti di incontro arricchimento personale , sappiamo solo vedere negatività la dove non è presente.

Diventa sempre più complicato far cadere muri mentali quando ci troviamo a dover combattere contro pregiudizi e retaggi culturali ormai obsoleti e da dimenticare. Mi piacerebbe molto sapere in che modo si alimentano queste persone quando si recano per vacanza o per lavoro in altre regioni di Italia.

Recarsi in luoghi di mare e cibarsi con minestrina di dado oppure con minestrone (senza nulla togliere a queste pietanze) apparirebbe come un vero e proprio sacrilegio.

E’ da qui che bisogna partire, dalle piccole cose che così piccole poi non sono ma ricoprono un ruolo sociale di rilevante importanza.

La tavola come occasione di incontro, di conoscenza, di dialogo, di apertura mentale, quella tanto decantata ma così difficile da attuare.
Per fortuna le persone non sono tutte così.

Anna Lisa Minutillo




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/12/2019 06:35:59

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 08/12/2019
Ansia da orgasmo: aggredisce il 40% delle donne e il 38% degli uomini

La cosiddetta ”ansia da orgasmo” è il nome del fenomeno che il 40% delle donne e il 38% degli uomini ha provato almeno una volta nella vita...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 29/11/2019
UGO: un assistente personale per le rispondere alle esigenze degli over 65

UGO risponde al bisogno di sostegno degli over65 e dei loro familiari con un servizio on-demand che li aiuta a gestire le attività quotidiane e legate alla salute. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 30/11/2019
Sesso: per i giovani parlarne in famiglia è ancora un tabù

Parlare di intimità e di salute di genere con i propri figli è tradizionalmente considerato un tabù. Si ha difficoltà ad affrontare l’argomento, spesso lo si rimanda o lo si trascura persino del tutto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 25/11/2019
Milano prima città per la qualità della vita, Crotone ultima in classifica

E' quanto emerge nella classifica annuale di ItaliaOggi e Universita' La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni, giunta alla sua ventunesima edizione. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -