Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Recensione: Teatro Trastevere 'Non ti fissare' - fino al 2 Aprile 2017

Recensione: Teatro Trastevere 'Non ti fissare' - fino al 2 Aprile 2017
Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 28/03/2017

Un’idea forse non innovativa nel suo genere, struttura già vista in tanto teatro contemporaneo e anche nei lavori precedenti dagli stessi autori di Cuori Monolocali, Sessolosè e Appese a un filo - Maria Antonia Fama e Lorenzo Misuraca - ma con una freschezza, una gioia nel recitare, un ritmo sempre acceso che fanno di Non ti fissare: tu chiamale se vuoi ossessioni,  per la regia di Velia Viti, un vero exploit di comicità senza sosta, alternata a momenti di contemplativa autocritica, in cui i protagonisti, Alessandro di Somma, Maria Antonia Fama, Ermenegildo Marciante, Lidia Miceli, Francesco Bonaccorso , si allineano alla tradizione del monologo interiore per poi riagganciarsi alla realtà grazie a qualche escamotage non insolito ma comunque efficace. Il testo molto moderno, riprende i cliché ridondanti legati alla tecnologia onnipresente e automatizzante.

Non mancano le battute d’arresto, in cui la modernità non può più fare nulla e allora i malcapitati, vittime di un guasto al motore del bus che avrebbe dovuto accompagnare ciascuno verso la propria destinazione, si svelano nelle proprie debolezze, sempre uguali, sempre mediocri ma molto e irresistibilmente umane. 

La donna in carriera falsamente cinica che si lascia andare di fronte a qualche tavoletta di Xanax, pur di bloccare la bolla d’ansia che la opprime, oppure il maniaco del tag, dei like e dei social perennemente collegato per non pensare alla propria solitudine interiore, tra un Murakami di cui non distingue nome e cognome e tutta la filosofia esistenzialista che racconta l’uomo ma non lo risolve. Il ragazzo in cerca d’amore vessato da una madre una e doppia, una sorta di metafora della dea della fertilità che dall’alto incombe e decide.

Il conducente del bus ignaro di qualsiasi precetto di carburanti e motori disegnato sulla falsariga di un vecchio Verdone mai tramontato, munito di sacchetto di medicinali e tormentato da presagi di morte e malattie letali. Infine la zitella quarantenne apparentemente normale ma anche lei mortificata dai flussi di coscienza che la costringono a immobilizzarsi sulle sue convinzioni senza trovare soluzione se non nella speranza di una amore salvifico.

Un gruppo assortito di megalomanie e depressioni croniche, rimbalzate sulle pareti di una sorta di grande fratello, in mezzo ad una strada desolata che costringe i protagonisti a guardarsi dentro e cedere finalmente alla loro realtà, meschina e misera ma pur sempre viva. Il tutto condito con umorismo garbato e intermezzi musicali molto adeguati al contesto e al ritmo mai stanco di questa fresca e nuova commedia all’italiana.

Fino al 2 aprile al Teatro Trastevere di Roma.   




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2021 01:00:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 27/05/2020
Roma, Teatro Lo Spazio - Il 4 Giugno l'insegna si riaccende in segno di speranza

Poco prima dell'inizio della crisi da Coronavirus, il Teatro Lo Spazio di Roma è stato affidato alla guida di Manuel Paruccini...

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 01/05/2020
Andrea Rivera dal 7 Maggio su Vimeo - Teatro Online

Nell'epoca in cui le sale teatrali sono ferme, per far fronte a quella mancanza da "sipario chiuso", è necessario reinventarsi e pensare al futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -