Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
Camorra: l'abbraccio mortale con imprenditoria e colletti bianchi

Camorra: l'abbraccio mortale con imprenditoria e colletti bianchi
Autore: Editoriale di Padre Maurizio Patriciello
Data: 22/04/2017

Hanno sporcato tutto, perfino il buon nome degli abitanti del paese in provincia di Caserta dove sono nati e cresciuti. “Casalese” vuol dire, infatti, abitante di Casal di Principe, non affiliato a un clan camorristico.

Convivere con la camorra è cosa estremamente difficile. Per farlo, la gente semplice, laboriosa, buona deve piegarsi a ingoiare qualche compromesso. Abitare nello stesso vicolo del “capo”, andare a scuola con suo figlio, ritrovarsi al bar con accanto il capozona, non è proprio il meglio che ti possa capitare.

La camorra in Campania ha fatto il bello e il cattivo tempo. Ha comandato e minacciato, umiliato e ucciso. Ha deciso chi dovesse essere eletto e perché. Non di rado i nostri concittadini sono stati tacciati di essere omertosi, quindi, in un certo senso, complici. Dietro la presunta, e comoda, omertà dei cittadini si sono nascosti imprenditori e politici, opportunisti e opinionisti.

Anche tra gli onesti, pochi erano disposti a fermarsi, ragionare, tentare di capire. Che cosa pretendeva da privati cittadini lo Stato? Che denunciassero apertamente il malaffare. Come se fosse facile per una mamma portarsi dai carabinieri, fare nomi e cognomi dei camorristi ( che tra l’ altro tutti conoscevano ) e poi far ritorno a casa come se niente fosse. Che si sarebbe cacciata in un guaio le era chiaro fin dall’ inizio.

Avrebbe dovuto fare i conti con una schiera di avvocati agguerriti e lautamente pagati da quelli del clan. In un eventuale processo le avrebbero chiesto prove da esibire, e, – cosa più difficile di tutte – avrebbe avuto dovuto continuare a convivere con quella gente.

La donna di cui parliamo, ricordava le tante vittime della lupara bianca. Sapeva che “quelli” non scherzano, ma minacciano, terrorizzano, ammazzano. Quella donna, d’ altronde, non si fidava del tutto nemmeno di chi era deputato a tutelarla. Sapeva bene che tanti politici dovevano la propria fortuna alla camorra.

nsomma, la gente semplice aveva intuito che la camorra era qualcosa di più complesso di quanto si potesse credere. Che fare? O andare via o tacere per poter sopravvivere in una zona dove lo Stato aveva abdicato da troppo tempo.

A tutti era chiaro - pur non avendo prove certe – che tra la camorra propriamente detta e il mondo dell’ imprenditoria e della politica c’ era una intesa, un accordo. Tutti sapevano che per sopravvivere in una terra dove il lavoro è sempre stato tiranno, occorreva, in qualche modo, fare riferimento ai camorristi. A questa gente indifesa e impaurita veniva chiesto di farsi avanti, parlare, denunciare.

Di coraggiosi che si erano ribellati al clan ce ne erano stati, eccome. Nella nostra memoria i loro nomi sono scolpiti a carattere di fuoco. Quasi tutti pagarono con la morte la loro decisione. Tra loro il caro, indimenticabile don Peppino Diana, prete nato, vissuto e operante a Casale.

La gente sapeva che tra camorra, grosse fette dell’ imprenditoria e della politica c’era un abbraccio mortale capace di strozzare chiunque.

La gente conosceva i camorristi, i loro parenti, ma non quei pericolosissimi colletti bianchi insozzati con i quali faceva affari milionari. Volti invisibili, fantasmi sconosciuti. Professionisti preparati, colti, insospettabili. Uomini “ perbene” seduti dietro scrivanie enormi, che conoscevano e raggiravano le leggi. Con chi poteva pensare di misurarsi la povera gente?

Dagli antenati aveva appreso l’ arte della sopravvivenza. Per non morire, per non finire nei guai, per non cadere nella rete di una giustizia tante volte ingiusta con i poveri, l’ unica cosa da fare era tenersi fuori. Chi si rifiuta di entrare nell’ animo di queste persone bistrattate e oppresse non potrà mai capire che cosa voglia significare nascere e vivere in vaste zone della nostra bella Italia strette nelle grinfie della mafia, della camorra, della ‘ndrangheta. Veniamo a sapere che due funzionari della tangenziale di Napoli sono sotto accusa per appalti truccati per favorire il cosiddetto clan dei Casalesi.

Nelle stesse ore in cui, basiti e inorriditi, assistiamo all’ ennesimo cavalcavia che crolla come se fosse burro. Il pensiero dei semplici corre a un eventuale ponte sullo stretto… Smettiamola. Convertiamoci. Ritroviamo la gioia di mangiare il pane guadagnato con il sudore della propria fronte.

L’ Italia ha gli uomini, i mezzi, le armi, la capacità, l’ intelligenza, per mettere la parola fine a questo assurdo e deplorevole modo di vivere e di intendere gli affari. Lo faccia con urgenza. Si decida a estirpare una volta per sempre la malapianta della camorra e dei suoi affiliati, soprattutto quelli nascosti dietro la vigliacca maschera della legalità.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/01/2022 14:22:54

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Attualita'
Data: 19/05/2019
Zuckerberg: il padrone del mondo

Entra lentamente, si muove senza intoppi, impassibile, ieratico, come una statua montata su scarpe da ginnastica, con la pelle d'alabastro e questo taglio di capelli come un prato che lo fanno sembrare un console romano. I

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Vaticano
Data: 16/05/2019
Padre Krajewski a La Zanzara su Radio 24: 'Il mio gesto si difende da solo'

“Abusivi? Il mio prossimo è quello in difficoltà, questo è il Vangelo. Critiche? Non mi interessano, se qualcuno ha bisogno di aiuto mi comporto come ogni medico che giura di salvare una persona”.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 26/01/2019
Basilica di San Pietro: inaugurata la nuova illuminazione a led realizzata da Osram

Monsignor Angelo Comastri, Arciprete della Basilica ha commentato: "L'illuminazione intelligente risponde perfettamente alle esigene di culto, preghiera e celebrazione in particolare quando è presente il Santo Padre. Ma abbiamo raggiunto anche un altro scopo: la possibilità di ammirare la bellezza architettonica della Basilica".


Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 24/01/2019
Famiglia Cristiana: 'Quando Grillo scriveva: accogliamoli tutti'

"Il futuro non sarà migliore se ci difenderemo alzando steccati o prendendo impronte, ma se saremo capaci di integrazione e di condivisione. Questo il vero progresso, non quello che ci fa diventare sempre più meschini, chiusi o impauriti".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -