Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Recensione: 'I ragazzi del cavalcavia' - di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri

Recensione: 'I ragazzi del cavalcavia' - di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri
Autore: Recensione a cura dela nostra inviata Susanna Schi
Data: 26/04/2017 07:27:49

Succedeva vent’anni fa a Tortona,  un paesino del nord-ovest d’Italia, dove tira un vento freddo, tagliente, dove la nebbia copre tutto, anche i sogni. I fratelli Furlan in una notte di dicembre salgono su un cavalcavia e complice la noia iniziano a gettare sassi sulle macchine che passano.

Dopo vari tentativi colpiscono una Mercedes grigia, muore Maria Letizia Berdini che stava andando in viaggio di nozze col marito.

Da questa vecchia ma non dimenticata notizia di cronaca esplode questo spettacolo scritto e diretto da Erika Z. Galli e Martina Ruggeri, già vincitrici del Premio Hystrio per le Scritture di scena 2014, I ragazzi del Cavalcavia, interpretato da Alberto Alemanno, Maziar Firouzi, Francesco La Mantia, Daniele Pilli e Michael Schermi, è tornato in scena al teatro Vascello dal 20 al 23 Aprile non solo per raccontare, ma per far rivivere indistintamente la rabbia, il rancore, la frustrazione di una giovinezza perduta tra serate al bowling, amori impossibili, e tossicità decadente.

Lo stento, l’impossibilità di sdoganare una condizione passiva e immutabile, la ripetitività di tutto anche dei gesti, delle parole, delle solite litanie. Un teatro quasi epico, alla maniera brechtiana, che spiega, che indica, che vuole essere preciso, completamente privo di scenografia, per estremizzare gesto e parola in un unico momento di altissima disperazione.

La ricostruzione del dialetto del nord, con quelle consonanti dure, aspre, martellanti, poi la solitudine, la scena scura, con poche luci (di Gigi Martinucci) ad illuminare i passi fondamentali verso l’aspetto cruciale della vicenda, il male che si diffonde incurante di vittime e detentori, in un susseguirsi di drammi esistenziali fatti di poster di Baggio, miti di Bruce Lee, Ketty la bionda che se la tiene stretta con i perdenti, ma la svende al ricco del paese con la Porsche.

E poi loro, i fratelli che si cibano di falsi eroismi, di vaghe elucubrazioni vaneggianti, sostanza di incubi, incubi di grandezza e miseria, dove solo un mostro enorme dagli occhi di fuoco può vincere mangiando, masticando e rivomitando tutto lo schifo che circonda le loro esistenze. Occhi di bragia di un arido Cerbero del nuovo millennio, vestito da un grido di violenza inaudita  con radici profonde, pronte ad esplodere quando me no te lo aspetti. La sfacciataggine della disperazione che prende forma in un sasso gettato a caso capace di distruggere una vita con un tonfo.

Assordante e ineluttabile come il non-senso che pervade le pagine di questo spettacolo, accompagnato dalle musiche originali di Diego Buongiorno. Un testo duro, acidissimo e adatto solo ad un pubblico adulto.  

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/11/2019 01:33:47

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione della Redazione
Data: 08/10/2019 07:14:00
Hotel Antonella apre il Ristorante La Sughereta: un'oasi a due passi da Roma

Conoscevamo di fama lo chef Claudio Lunghi, stella Michelin, e non è stato quindi difficile, affidandoci alla gentilezza del direttore della struttura - Andrea Mugnai - e al personale, particolarmente professionale e affabile, degustare piatti di alto livello.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 03/08/2019 06:30:34
Sardegna: Murales, dove non c'è solo il mare...

 A ridosso del mare ma in quel tipico paesaggio sardo che sa già di entroterra, brughiera e sapori di montagna, incontriamo casualmente un’azienda vinicola nata nel 2011...

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 28/05/2019 06:36:29
Recensione: Tre Fratelli - Roma, Teatro Palladium

Opera presentata in Italia per la prima volta, Tre Fratelli (The siblings play) di  Ren Dara Santiago, per la traduzione di  Michela Compagnoni e la collaborazione del Dams, la partecipazione di Simone Bobini, Teo Achille Caprio, Michele Ferlito, Giulia Gizzi  e con  Barbara Folchitto...

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 18/04/2019 06:20:00
Recensione: i Sonics al Teatro Olimpico

I Sonics si esibiscono per un’ora e mezza circa volteggiando, saltando, piegando allo stremo le membra e forzando il corpo e i muscoli su tende di stoffa o teloni di plastica, appesi a trabiccoli di legno pericolosamente sospesi in aria e un tappetone sotto a parere eventuali cadute.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -