Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Niger: epidemia di epatite E a Diffa

Niger: epidemia di epatite E a Diffa
Autore: Redazione Esteri
Data: 27/04/2017

Da dicembre 2016 al 23 aprile 2017, 25 donne incinte sono morte di insufficienza epatica acuta nel principale centro di cure materne e pediatriche nella città di Diffa, in Niger.

L’attuale epidemia di epatite E a Diffa, dichiarata dalle autorità del Niger la scorsa settimana, evidenzia le cattive condizioni igienico-sanitarie in cui vive la gran parte degli sfollati e dei rifugiati nella regione. Lo afferma oggi l’organizzazione medico-umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF), che lavora nell’area insieme al Ministero della Salute locale.

Da dicembre 2016 al 23 aprile 2017 sono stati identificati 135 casi di itterizia a Diffa. L’itterizia è uno dei sintomi più comuni dell’epatite E, che provoca un ingiallimento della pelle e degli occhi. Molti di questi casi riguardavano donne incinte che dovevano essere ammesse nel principale centro di maternità e pediatria nella città di Diffa, dove MSF lavora insieme al Ministero della Salute; 25 di loro sono morte di insufficienza epatica acuta. A metà aprile analisi di laboratorio hanno confermato che si trattava di epatite E.

L’epatite E, causata dal virus HEV, può provocare insufficienza epatica e la morte del paziente. Non ha un trattamento specifico ed è mortale specialmente nelle donne incinte. La malattia si diffonde principalmente attraverso l’acqua contaminata.

L’attuale epidemia di epatite E è strettamente legata alle carenze nell’approvvigionamento idrico e nei servizi igienico-sanitari per la popolazione sfollata e rifugiata a Diffa, circa 240.000 persone secondo i dati ufficiali. Si tratta di persone particolarmente vulnerabili che per anni hanno sofferto le conseguenze del conflitto tra Boko Haram e le forze armate nell’area.

 "È evidente che le attuali attività in ambito igienico-sanitario non sono sufficienti a coprire i bisogni di queste persone, lo stiamo ripetendo da mesi” spiega Elmounzer Ag Jiddou, capomissione MSF in Niger. “Per questo, MSF chiede alle autorità e a tutte le organizzazioni umanitarie presenti a Diffa di aumentare in modo rapido e sostanziale il loro impegno nell’area, in modo da assicurare forniture d’acqua e condizioni igienico-sanitarie adeguate.”

 

Per contenere l’epidemia, MSF lavora da settimane in coordinamento con il Ministero della Salute. L’organizzazione supporta la formazione dello staff medico e fornisce risorse umane e materiali a livello di comunità, centri medici e ospedali per assicurare la diagnosi precoce dei casi, il trasferimento alle strutture sanitarie e un adeguato trattamento dei pazienti. Le équipe di MSF stanno anche conducendo campagne di sensibilizzazione per diffondere misure igieniche di base, come lavarsi le mani.

MSF ha incrementato di molto le sue attività igienico-sanitarie a Kitchendi, Garin Wazan e Toumour, dove si sono stabilite circa 135.000 persone, per la maggior parte sfollate. L’organizzazione sta distribuendo anche tavolette per la purificazione dell’acqua, sapone e nuove taniche per 16.800 famiglie in queste località. Fino ad oggi, sono stati trattati 105.700 litri d’acqua e sono state pulite le taniche utilizzate dalle comunità per prevenire la diffusione della malattia.

 

 

MSF lavora nell’area di Diffa dalla fine del 2014.

 

Per incrementare l’accesso alle cure mediche da parte delle comunità locali e degli sfollati, MSF lavora insieme al Ministero della Salute nel principale centro di maternità e pediatria nella città di Diffa, nell’ospedale distrettuale di Nguigmi e in diversi altri centri sanitari nei distretti di Diffa, Nguigmi e Bosso. Nei due ospedali, MSF sta supportando le unità pediatriche e di salute sessuale e riproduttiva, e offrendo assistenza psicologica. Nell’ospedale di Nguigmi, l’équipe sta anche trattando bambini affetti da malnutrizione severa acuta. Nei centri sanitari, MSF sta fornendo consultazioni mediche generali, di salute riproduttiva e supporto psicologico, e conduce attività di vaccinazione e nutrizionali. Inoltre MSF svolge attività igienico-sanitarie e di potabilizzazione dell’acqua e distribuisce beni di prima necessità quando necessario.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/03/2021 23:00:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -