Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Incendio a Pomezia: disastro ambientale. La Procura indaga

Incendio a Pomezia: disastro ambientale. La Procura indaga
Autore: Chiara Farigu - Redazione Cronaca
Data: 09/05/2017

Arrivano i primi provvedimenti in seguito alla nube tossica provocata dal rogo nel deposito di stoccaggio Eco X di Pomezia: la Procura di Velletri, che aveva avviato fin da subito le indagini per accertare cause e responsabilità, ha disposto nel corso della mattinata il sequestro dell’impianto.

Ma non è tutto. L’Arpa Lazio, vale a dire l’Agenzia Regionale Protezione Ambiente, ha diffuso i primi risultati delle misurazioni dei campionamenti prelevati nelle vicinanze dell’incendio che ha generato la gigantesca nube tossica che si è sparsa sui 21 Comuni limitrofi. “Il 5 maggio la concentrazione di pm10 era pari a 130 microgrammi per metro cubo, quando il limite fissato è di 50 microgrammi.

Il 6 maggio i valori sono scesi a 73 microgrammi. I valori rilevati sono superiori al limite giornaliero di 50 ug/m3 previsti per l’aria dal D. Lgs 155/2010, ma comunque analoghi ai valori registrati nel centro urbano di Roma nei periodi invernali di maggiore criticità”: questo è quanto si legge nella nota ufficiale. Che, tradotto in parole semplici sta a significare che il valore delle polveri sottili è tre volte superiore ai limiti consentiti dalla legge. Anche se ora sembrerebbero in diminuzione. Il condizionale è d’obbligo visto che i VVFF sono ancora al lavoro per spegnere gli ultimi focolai e vista l’ordinanza del sindaco sul divieto assoluto di raccolta e vendita di frutta e ortaggi.

Dati, questi, è utile sottolinearlo ancora una volta, che riguardano esclusivamente le sostanze tossiche sprigionatesi nell’aria ma nulla hanno a che vedere con le misurazioni dell’amianto che era incapsulato sulle coperture del tetto del capannone le cui sfere si sono aerodisperse in seguito all’incendio.

Queste analisi, così come per la diossina, seguono una diversa tempistica, spiega l’Arpa. Occorre stabilire con assoluta certezza se sono stati superati o meno i limiti consentiti dalla normativa vigente. Solo allora si potrà parlare di danni reali e conseguenze sulla salute dei cittadini che ne sono stati a contatto.

L’amianto è un killer terribile e alquanto subdolo che non agisce nell’immediato. I suoi effetti si manifestano a distanza di anni, talvolta di decenni, provocando danni molti seri al sistema respiratorio e ai polmoni. Le fibre di asbesto, di cui è composto, hanno la caratteristica forma acuminata a lancia, forma che consente loro di penetrare e agire indisturbate per poi esplodere in tutta la loro virulenza. L’entità del danno, spiegano gli esperti pneumologi, dipende dal tempo di esposizione e dalla concentrazione delle fibre inalate. I soggetti più a rischio sono i bambini e gli asmatici.

L’acqua è la migliore difesa. Ecco perché si consiglia di lavare accuratamente la frutta e la verdura e le mani prima di consumare qualsiasi pasto.

L’acqua intesa anche come lavaggio degli ambienti, interni ed esterni perché le polveri tendono poi a depositarsi nelle parti basse. E la chiusura delle scuole di ogni e grado è stata disposta appositamente per provvedere al lavaggio e alla disinfezione dei locali.

Sulla vicenda è intervenuta anche la ministra Lorenzin che assicura che sia l’Arpa che i Nas stanno facendo tutte le verifiche del caso e che, al momento, è tutto sotto controllo.

Intanto si consiglia di continuare a tenere il più possibile porte e finestre chiuse. E a chi abita nel raggio di 3/5 chilometri di limitare gli spostamenti il più possibile.

Chiara Farigu




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/06/2020 19:21:42

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -