Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Basta con le fake news!

Basta con le fake news!
Autore: Claudio S. Martinotti Doria - Redazione Attualita'
Data: 14/05/2017

...E non mi riferisco alle fake news indicate dalle istituzioni e dai media mainstream perché dissidenti dal pensiero unico dominante, ma mi riferisco proprio a quelle prodotte dalle istituzioni e dai media mainstream, che sono la quasi totalità delle notizie che circolano.

Pur essendo ormai una quindicina di anni che non vedo trasmissioni tv, in particolare telegiornali, limitandomi ad aggiornarmi e documentarmi in rete, sono ugualmente giunto al punto di saturazione, mi domando perché non succeda anche ad altri, soprattutto a coloro che ancora attingono ai mezzi convenzionali per informarsi.

Ad esempio non sopporto più l’accanimento patologico e patetico imposto dagli USA a tutta l’Europa contro la Russia, che viene accusata di qualsiasi sciocchezza o falsità, superando ormai il senso del ridicolo, perché quello della misura è stato superato da tempo.

Pare che per i media e per una cospicua parte della popolazione questa sia una situazione normale, giustificata, credibile. Sembrerebbe credano veramente che il nemico dell’occidente sia la Russia, origine di ogni suo male e della sua decadenza, e che rinforzare l’attuale UE sia la soluzione e che la NATO non sia solo uno strumento militare e geopolitico gestito dagli USA per favorire i propri interessi a scapito di quelli europei.

Non sopporto più le descrizioni omissive e fuorvianti che fanno tutti i media (anche on line) degli eventi e dei personaggi politici, rivelandosi unilaterali e faziosi, tendenti ormai a disinformare e condizionare i lettori, facendolo pure malamente, superficialmente, senza alcuna qualità. Servi di basso profilo che sembra considerino il loro pubblico una massa di idioti e minorati psichici.

Non sopporto più lo spazio che i media forniscono alle cazzate a raffica con concetti banali e ripetitivi pronunciati dai politici locali (italici), su questioni che esulano dalle effettive priorità, ed anche quando affrontano argomenti seri e gravi, lo fanno senza alcuna competenza e capacità di risoluzione, ripetendo logori slogan e luoghi comuni.

Non sopporto la “Macronite” in Francia e la “Renzite” in Italia, perché sono epidemie socioculturali che colpiscono i processi neuronali, o almeno quello che ne rimane, e contribuiscono a diffondere piaggeria e stupidità, convincendo gli sprovveduti (che sono in aumento esponenziale) a delegare a dei giovani parassiti la soluzione di problemi, cui loro hanno contribuito a creare e che aggraveranno, perché questa è la loro missione segreta, non certo quella di favorire il popolo. Quest’ultimo è stato persuaso a credere che ringiovanendo i ranghi dei politici al governo si sarebbe realizzato l’auspicato rinnovamento e cambiamento, ingannandolo per l’ennesima volta.

È paradossale ed al tempo stesso penoso, riscontrare quanto la distanza sia divenuta ormai incolmabile, tra coloro che riescono ancora a capire qualcosa, possedendo un minimo di strumenti culturali analitici, interpretativi e demistificatori, e coloro che non capiscono più nulla e sono ormai totalmente vulnerabili alla mistificazione mediatica. Cioè quelli che il compianto grande linguista Tullio De Mauro, in una ricerca sull’ignoranza degli italiani di una dozzina di anni fa, aveva collocato in un’elevata porzione statistica della società italiana ed identificato come analfabeti di ritorno o funzionali, persone non in grado di leggere e capire nulla di minimamente impegnativo, limitandosi perlopiù ai titoli e le didascalie dei giornali e riviste, purché gli articoli contengano tante immagini e poco testo, rimanendo la loro attività preferita la visione ed assimilazione passiva della televisione demenziale.

Il processo d’istupidimento di massa ha avuto successo, ed era inevitabile come risultato finale, avendo il monopolio dei mezzi d’informazione e fornendo false alternative democratiche, confinando i dissidenti in spazi angusti e disperdendoli in un’infinità di voci frammentarie e poco incisive, rimanendo un’esigua minoranza che mai riuscirà a fare massa critica.

La strategia adottata dall’élite dominante sta risultando vincente, ormai la massa crede che la divisione sociale sia tra ricchi (1% della popolazione) e poveri o a rischio di divenirlo (il 99%), mentre nella realtà la vera divisione è tra coloro che hanno gli strumenti culturali per rendersi consapevoli e responsabili e quindi dissidenti, e coloro che credono di disporre di libertà e discrezionalità, mentre in realtà sono schiavi del sistema, come un gregge di pecore che può muoversi solo all’interno di recinti e che potranno essere tosate a piacimento, e che potranno tuttalpiù belare all’unisono.

Spegnere i televisori e non acquistare giornali e riviste potrebbe rappresentare metaforicamente la rottura dei recinti, consentendo alle pecore di affrontare l’ignoto ed apprendere dall’esperienza, costringendo i pastori ed i cani da pastore a rincorrerle ovunque per ricondurle al recinto, impresa ardua anche per loro, per quanto possano essere numerosi e ben addestrati ed attrezzati alla funzione.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/06/2020 19:28:42

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -