Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Malattia lavoratori: un disegno di Legge propone autocertificazione per i primi tre giorni

Malattia lavoratori: un disegno di Legge propone autocertificazione per i primi tre giorni
Autore: Chiara Farigu - Redazione Politica
Data: 05/07/2017

Cambieranno nuovamente le norme che regolano i periodi di assenza per le malattia dei lavoratori? Sembrerebbe di sì. Almeno dalla proposta approdata in Commissione Affari Costituzionali del Senato presentata da Maurizio Romani, vice presidente della Commissione Igiene e Sanità.

Una proposta che se approvata manderebbe in soffitta l’odiata legge Brunetta che ha il demerito, tra i vari punti che la compongono, di penalizzare economicamente i lavoratori nei primi dieci di assenza per ogni evento morboso. Quali le novità? Semplice: l’autogiustificazione per i primi 3 giorni di assenza per malattia dal lavoro.

Il testo, composto di due articoli, prevede infatti che “in presenza di un disturbo che il lavoratore ritiene invalidante ma passeggero, sarà lui stesso – sotto la sua esclusiva responsabilità – a comunicarlo al medico, che si farà semplice tramite per la trasmissione telematica all’Inps e al datore di lavoro”. Una proposta, questa, che ha già incassato il sostegno da parte dell’ordine dei medici che da diversi anni proponevano appunto una revisione della normativa Brunetta.

Perché oltretutto avrebbe anche la facoltà di “alleggerire” le responsabilità del medico che spesso deve prescrivere giorni di malattia per sintomi difficilmente diagnosticabili, come una forte emicrania o gli effetti devastanti dovuti alle notti insonni, o ai tanti improbabili mal di schiena, tanto per citarne alcuni.

Diagnosi che vengono quasi sempre avallate basandosi sul rapporto di fiducia medico-paziente.

E a quanti ipotizzano che l’autocertificazione possa favorire quell’assenteismo che si è cercato di arginare in tutti i modi, prevedendo anche il licenziamento per i furbetti oltre misura, la FNOMCEO (Federazione degli Ordini del Medici Chirurghi e Odontoiatri) prontamente risponde che, al contrario, sarà invece un modo per responsabilizzare i lavoratori. E che la normativa, se approvata, allineerà L’Italia ad altri Paesi, dove vige e con ottimi risultati. “Chi dovesse fare il fare il furbo, sottolinea Romani, dovrà assumersi le proprie responsabilità in caso di dichiarazione mendace, perché non ha più la copertura del medico di base che ne attesta la malattia”.

Tutti d’accordo, quindi? Assolutamente no. La Uil boccia la proposta sul nascere accusando i medici di volersi togliere gran parte delle loro responsabilità rimandandole dritte dritte agli stessi lavoratori.

Chiara Farigu




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 09/07/2020 15:52:24

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -