Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
CAR: Bambina di un anno uccisa in ospedale tra le braccia della madre

CAR: Bambina di un anno uccisa in ospedale tra le braccia della madre
Autore: Redazione Esteri
Data: 13/07/2017

MSF: “Attacco brutale dove un bambino dovrebbe essere più al sicuro”

 

Lo spietato omicidio di una bambina di circa un anno in un ospedale di Zemio in Repubblica Centrafricana (CAR), dove Medici Senza Frontiere (MSF) gestisce un progetto, dimostra il livello di estrema brutalità contro i civili raggiunto dal conflitto in corso, mentre i luoghi sicuri diminuiscono sempre di più.

 

Martedì 11 luglio, due uomini armati sono arrivati nell’ospedale di Zemio, dove circa 7.000 sfollati hanno trovato rifugio nelle ultime due settimane in seguito all’intensificarsi dei combattimenti nella regione sud-orientale del paese.

 

Gli uomini hanno minacciato una famiglia all’interno dell’ospedale. Uno dei suoi membri era stato ricoverato due settimane prima, ma a causa delle violenze in corso non avevano potuto lasciare la struttura. Quando la donna, che teneva in braccio la sua bambina, e altri due membri della famiglia hanno cercato di mettersi al sicuro, gli uomini armati hanno sparato, colpendo la bambina in testa e uccidendola all’istante. Un membro dell’équipe di MSF ha assistito all’intero incidente.

 

Siamo sconvolti e rattristati dall’omicidio di una bambina nell’ospedale dove lavoriamo a Zemio. Le nostre condoglianze vanno alla famiglia della piccola. I nostri pensieri sono con loro, e con tutti coloro che sono stati testimoni della sua morte brutale,” ha detto Mia Hejdenberg, capo missione di MSF in CAR. “Questa bambina è stata uccisa fra le braccia di sua madre e all’interno di una struttura medica: i due posti dove un bambino dovrebbe essere più al sicuro. Ora la sua famiglia è in lutto per il futuro che non avrà mai”.

 

“L’insensibilità di questo attacco evidenzia la natura indiscriminata e l’allarmante aumento della violenza contro i civili in CAR” continua Mia Hejdenberg di MSFDimostra una completa mancanza di rispetto da parte dei gruppi armati per l’azione medica e i civili, ed evidenzia la riduzione dello spazio di azione per le organizzazioni umanitarie nel paese, a causa del peggioramento delle condizioni di sicurezza. Questo incidente ha costretto lo staff di MSF a lasciare Zemio e migliaia di persone nella regione sono rimaste senza adeguato accesso alle cure”.

 

Dopo i recenti combattimenti scoppiati a fine giugno, oltre 20.000 persone sono sfollate a Zemio e molti feriti non riescono a raggiungere l’assistenza sanitaria.

 

MSF ha in corso 12 progetti in CAR e lavora a Zemio dal 2010, dove gestisce un progetto per l’HIV/AIDS basato sull’approccio di comunità. Si tratta dell’unico progetto del suo genere in tutta l’area sudorientale del paese e fornisce trattamenti gratuiti a più di 1.600 pazienti, che percorrono anche 250 chilometri per ricevere le cure.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/05/2020 20:01:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -