Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Il mondo salvato dalle donne

Il mondo salvato dalle donne
Autore: Lucia Magi - Redazione Attualita'
Data: 17/07/2017

Eusebia Ortega Alvarato aveva meno di 30 anni, due figli in casa e uno in pancia quando suo padre mori’.  L’uomo aveva un pezzo di terra nella sierra Mizteca, una zona montagnosa di Oaxaca, nel sudest del Messico. Ma ad Eusebia non ne rimase un solo centimetro. “Mia madre fu diseredata della sua terra. Poiche’ donna, giovane ed indigena”.

Sua figlia Jessica, di 27 anni, corpo minuto e voce potente, racconta la sua storia nell'aula plenaria della FAO, nel corso di un evento programmatico: Non lasciare nessuno indietro: raggiungere l’uguaglianza di genere per la sicurezza alimentare, la nutrizione e l’agricoltura sostenibile.

Jessica Vaga Ortega ha trasformato l’ingiustizia subita da sua madre nel centro della sua lotta quotidiana per porre fine alla discriminazione nei campi e nell’allevamento degli animali. Un compromesso che l’ha portata a coordinare la Rete delle giovani indigene dell’America Latina ed a condividere la sua denuncia e i suoi argomenti in varie assemblee internazionali. Come per l’appunto alla conferenza di Roma, dove ha commosso i vari delegati con la sua testimonianza.
José Graziano da Silva, aprendo il dibattito. “La sua problematica va molto oltre la produzione agricola e si estende a tutto il settore alimentare, ma come tutti sappiamo, le donne delle campagne devono confrontarsi con molteplici limitazioni”.

Al confronto con gli uomini, le donne delle campagne in genere hanno un accesso piu’ limitato alla terra ed alla tecnologia che ottimizza il lavoro, ed anche ai servizi, come il credito per l’ampliamento della propria attivita’. Le contadine di ogni eta’ e origine devono spesso affrontare varie diseguaglianze nel mercato del lavoro: molte di esse sono obbligate ad accettare lavori di secondo piano e mal pagati, senza protezione legale ed assistenziale.

La FAO e altre agenzie delle Nazioni Unite lanciano l’allarme: la breccia di genere nell’agricoltura impone alti costi alla produzione agricola globale, la sicurezza alimentare delle famiglie e il benessere generale.

In Africa e America Latina, meno del 10% delle terre sono proprieta’ di donne e, invece, sono loro che portano il cibo in tavola, creano i bambini e che fisicamente si fanno carico delle conseguenze del cambio climatico in agricoltura. Lo ha detto concretamente il rappresentante della FAO. “Possono passare molte ore al giorno in cerca di acqua in periodi di siccita’ e per questo devono percorrere molti chilometri portando un contenitore di acqua sopra le proprie spalle. Ho visto coi miei occhi -continua da Silva- il sollievo delle donne di un piccolo popolo del Brasile quando depositavano l’acqua presso le rispettive famiglie: prima ci mettevano otto ore al giorno per raccogliere la quantita’ di acqua necessaria per tutta la famiglia. Di recente, impiegavano diverso tempo per svolgere altre attivita’, anche per se stesse”. Risultato: in poche settimane, alcune donne, liberate dalla loro quotidiana schiavitu’, aprivano negozi di parrucchiere e altre piccole imprese.

Lo stesso accade in Nepal. Chandra Kala Thapa, di 30 anni, coltivava mais in un pezzetto di terra a Ranichauri, un villaggio nel sudest del Paese. La sua vita ha visto una svolta quando un programma finanziato dalle Nazioni Unite le offri’ conoscenze tecniche, semi, fertilizzanti ed un’équipe, e l’aiuto ad accedere ad un credito per diversificare le attivita’ agricole ed aumentare cosi’ i suoi guadagni. “Ora i prezzi sono buoni ed e’ diverso tempo che guadagniamo soldi. Prima non avevamo soldi per far mangiare adeguatamente i miei due figli o per mandarli a scuola. Ora produco in modo sufficiente per la mia famiglia. Questa formazione ha aumentato la mia consapevolezza e mi ha dato un’opportunita’ per essere in grado di fare le cose da me stessa”, spiega.

E quanto accaduto nell’altra parte del Pianeta, in Nigeria, anche a Haowa Bello. Grazie ad un finanziamento internazionale, ha trasformato la sua fattoria di bestiame con pochi animali, in un’industria di progetti di borse con pelle di capra, che ha battezzato con il nome evocatorio di Madame Coquette. Un marchio riconosciuto e venduto in tutto il mondo.

Sono molte le persone che lavorano per l’uguaglianza delle contadine. In questo ambito c’e’ uno sforzo congiunto di FAO, FIDA, PMA e dell’ONU donne, l’Agenzia delle Nazioni Unite specializzate in merito. “Come risultato, molte sono sono state capaci di aprire conti bancari a proprio nome, accedono ogni giorno al credito e dirigono i propri affari”, dice soddisfatto da Silva. Come Haowa, come Chandra, sono in migliaia.

(articolo di Lucia Magi, pubblicato sul quotidiano El Pais del 07/07/2017)




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/07/2020 01:50:17

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -