Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Alta velocita' Torino - Lione, arriva lo stop del Governo francese.

Alta velocita' Torino - Lione, arriva lo stop del Governo francese.
Autore: Redazione Attualita'
Data: 24/07/2017

TAV TORINO - LIONE: LA FRANCIA SI PRENDE UNA PAUSA

CODACONS SCRIVE AL MINISTERO DEI TRASPORTI PER UN RIESAME DEL PROGETTO

L'AUMENTO VERTIGINOSI DEI COSTI

 

A Gennaio del 2017 il Parlamento Francese aveva dato il via libera definitivo alla ratifica dell’ accordo internazionale tra Francia e Italia per consentire lo scavo del tunnel tra Susa e Saint-Jean-de-Maurienne con un costo previsto è di 8,3 miliardi di euro, finanziati al 40% dall’ Europa, al 35% dall’ Italia e al 25% dalla Francia.

Il neo premier Macron ritiene oggi necessario uno stop ai lavori, in quanto al momento le spese superano di 10 miliardi i prevedibili ricavi.

Già in passato anche in Italia ci si era interrogati sull'aumento vertiginosi dei costi previsti per il progetto TAV, basti pensare al fatto che in 4 mesi, dal settembre 2014 al gennaio 2015 si era registrata una variazione in aumento dei costi per 2 miliardi e 358 milioni di euro. 

Codacons: "Necessario fare un riesame complessivo del progetto, anche sulla base delle riflessioni del Governo francese. I costi per i cittadini sono enormi, soprattutto visto il periodo non di certo florido che sta attraversando l'economia italiana. Scriveremo al Ministero dei Trasporti nella speranza che i nostri dubbi vengano chiariti."

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2019 21:19:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 29/11/2019
UGO: un assistente personale per le rispondere alle esigenze degli over 65

UGO risponde al bisogno di sostegno degli over65 e dei loro familiari con un servizio on-demand che li aiuta a gestire le attività quotidiane e legate alla salute. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 30/11/2019
Sesso: per i giovani parlarne in famiglia è ancora un tabù

Parlare di intimità e di salute di genere con i propri figli è tradizionalmente considerato un tabù. Si ha difficoltà ad affrontare l’argomento, spesso lo si rimanda o lo si trascura persino del tutto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 25/11/2019
Milano prima città per la qualità della vita, Crotone ultima in classifica

E' quanto emerge nella classifica annuale di ItaliaOggi e Universita' La Sapienza di Roma, in collaborazione con Cattolica Assicurazioni, giunta alla sua ventunesima edizione. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 20/11/2019
Giochi: le donne sono più fortunate

Se il mondo dei giochi d'intrattenimento vede una netta prevalenza maschile (il 72% dei giocatori sono uomini), la Dea Bendata sembra privilegiare le donne e le premia maggiormente in termini di vincite. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -