Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Diritti Civili  
Diritti umani: la storia di Djalali e i diritti negati degli scienziati

Diritti umani: la storia di Djalali e i diritti negati degli scienziati
Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 11/12/2017

“L’UE faccia il possibile per salvare Djalali e proteggere i diritti degli degli scienziati: al via la raccolta firme

 

QUI L’APPELLO: https://www.associazionelucacoscioni.it/appelli/appello-diritto-alla-scienza/

Quando le Nazioni unite passano in rassegna il rispetto dei diritti umani degli Stati membri, raramente vengono sollevate questioni relative alla libertà di ricerca e al godimento dei benefici delle scoperte di scienziati.

La libertà di ricerca scientifica è un diritto umano internazionalmente riconosciuto, l'Italia non lo rispetta sistematicamente, e su alcune questioni cruciali arriva dietro Vietnam, Singapore, Sud Africa, India e Israele. Questo il frutto dell’indice di "libertà e autodeterminazione", che è uno strumento per una valutazione comparativa del grado in cui i ricercatori, gli operatori sanitari e i pazienti godono del diritto alla scienza in tutto il mondo.  

Tale lavoro è prodotto dall'Associazione Luca Coscioni sotto la direzione del Professor Andrea Boggio della Bryant University, sulla base di fonti pubbliche disponibili dal 2009 a oggi relative all'avanzamento della ricerca su embrioni, riproduzione medicalmente assistita, decisioni di fine vita, aborto e contraccezione.

Nella giornata che le Nazioni unite dedicano ai diritti umani, l'Associazione Luca Coscioni lancia un appello per il diritto umano alla scienza e ricorda come tutti i maggiori "strumenti internazionali sui diritti umani" facciano specifica menzione alla scienza e alla cultura scientifica e chiede che i governi condividano con le competenti agenzie dell'ONU informazioni dettagliate in merito al pieno rispetto di quanto previsto dallo Stato di Diritto internazionale.

Non esiste una lista degli scienziati o ricercatori incarcerati o perseguitati per le loro attività d'indagine, spesso l'arresto, o i problemi con la giustizia degli scienziati, sono legati a critiche pubbliche al proprio paese relative alla libertà di opinione o assemblea, intimamente legata alle attività di ricerca scientifica. Fin dai tempi di Galileo Galilei, le attività di ricerca cozzano con i dogmi delle religioni e smontano pregiudizi e credenze di ogni tipo promuovendo l'uguaglianza nella società a partire dalla denuncia di discriminazioni sulla base del genere o l'appartenenza etnica. 

"Alla denuncia contro le sistematiche violazioni dei dritti umani dei malati come Dj Fabo e degli  ultimi, vittime di conflitti, persecuzioni, soprusi, sfruttamenti e violenze, quest'anno vogliamo ricordare anche i diritti negati degli scienziati" Ha affermato Filomena Gallo, segretario dell'Associazione Luca Coscioni "In particolare ci appelliamo all'Unione europea perché faccia tutto quanto in suo potere per salvare la vita di Ahmadreza Djalali, il ricercatore di origine iraniana in carcere a Teheran da quasi due anni accusato ingiustamente di spionaggio"

Ahmadreza Djalali ha 45 anni e ha fatto ricerca all'Università del Piemonte orientale e in atenei belgi e svedesi nel campo della Medicina dei disastri. Nell’aprile 2016 è stato arrestato durante un viaggio nel suo Iran. Parte della sua detenzione è avvenuta in isolamento e in assenza di un avvocato. L'ottobre scorso Djajali è stato condannato a morte con l'accusa d'aver tradito la sua "patria" lavorando per il governo israeliano che l'avrebbe pagato in cambio di informazioni sui programmi militari e nucleari iraniani. Non son state prodotte prove del "tradimento". Negli ultimi mesi, 130 tra senatrici e senatori di tutti i gruppi hanno lanciato un appello al Governo italiano perché scongiuri la condanna a morte di Djalali. A questa richiesta si è aggiunta quella di 75 premi Nobel e della European University Association che riunisce 800 atenei in tutto il continente.

"Da quasi dieci anni l'Associazione Luca Coscioni produce uno studio che monitora la libertà di ricerca scientifica e auto-determinazione con cui monitoriamo il progresso scientifico nel mondo tanto quanto le scelte riproduttive o il fine vita" ha detto Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione "si tratta di un altro modo di documentare come le libertà civili e i diritti umani vengono rispettati in tutto il mondo"

"La Dichiarazione universale dei diritti umani parla di scienza all'articolo 27" ha concluso Marco Perduca che coordina le attività internazionali dell'Associazione "stesso dicasi per altri patti e convenzioni internazionali; nel giorno dei diritti umani lanciamo un appello internazionale perché la libertà di ricerca tanto quanto il godere dei benefici delle più recente scoperte scientifiche divengano preoccupazione e occupazione strutturale degli Stati dell'ONU".

L'appello per il diritto umano alla scienza può esser sottoscritto su www.associazionelucacoscioni.it e i suoi contenuti verranno discussi in occasione della quinta riunione del Congresso Mondiale per la Libertà di Ricerca Scientifica che l'Associazione Luca Coscioni organizza dall'11 al 13 aprile 2018 al Parlamento europeo di Bruxelles.

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/04/2021 02:55:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Diritti Civili

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 02/05/2020
Lavoro: fino a 180mld di trattenute in meno tassando le emissioni di CO2

L’idea nata da M.Cappato (Eumans) è supportata da 27 premi Nobel e oltre 5.000 scienziati. Il mondo dello spettacolo si sta mobilitando: hanno già aderito alla campagna Fedez, Pif, N.Zilli, M.Maionchi, N. Marcorè, G. Innocenzi, G. Muccino, C. Capotondi, Arisa, P. Pardo.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 14/12/2019
Testamento biologico: depositate circa 170.000 DAT

Cappato: “Disparità è responsabilità di politica e comuni. CitBot è la risposta alle lacune delle istituzioni”

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 25/10/2019
Cannabis: Associazione Luca Coscioni consegna 25.000 firme a Roberto Fico

il Presidente della Camera Roberto Fico, ha ricevuto nel suo ufficio una delegazione composta da malati e rappresentanti dell'Associazione Luca Coscioni e Radicali Italiani. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 05/10/2019
Marco Cappato: disobbedienza civile con merenda proibita

Il 25 luglio del 2018 la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito che le piante ottenute con tecniche di coltura di precisione, come quelle prodotte con le tecniche CRISPR, sono classificate come OGM...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -