Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Enigma Poste: parte seconda

Enigma Poste: parte seconda
Autore: Pippo Sammarco - Redazione Economia
Data: 06/01/2018 06:19:00

La nebbia che avvolge il futuro di Poste sembrava essersi leggermente diradata all'annuncio del 28/12 di un accordo con Anima Holding sul futuro dell'asset management .

E' bastata una prima lettura del criptico comunicato per capire che il grande sogno di creare un gruppo competitivo a livello europeo era tramontato.

Il mercato non ha gradito e ha penalizzato i due titoli interessati rispettivamente dell’1% Poste e di circa il 4% Anima ( non dimentichiamo che Poste ormai viaggia costantemente sotto il prezzo di collocamento, mentre le strutture similari collocate in borsa negli altri paesi, valgono, alcune, anche il doppio del prezzo a cui furono collocate ).

Questo era il grande accordo che doveva corroborare i due titoli coinvolti, ma è avvenuto il contrario, il giorno successivo Banca Imi riduceva il prezzo obbiettivo di Anima  del 10%, e non scordiamo che Poste è azionista rilevante di Anima. La montagna ha partorito il topolino, una pietanza ne carne ne pesce, un ircocervo che letteralmente recita:  “ Poste fornirà ad Anima masse minime sia per il ramo vita (ramo1) sia per le unit linked (ramo 3).

E' previsto un meccanismo di earn out a favore di Poste. Durata dell’accordo max 15 anni. Una velina del Mossad sarebbe stata più esaustiva.

Quando arriverà il tanto atteso piano industriale dovremmo leggerlo con l’ausilio degli aruspici.

Ci permettiamo di ricordare che le società quotate hanno il dovere di fornire informazioni celeri e leggibili al mercato  e che questo è un diritto degli azionisti, anche il più piccolo.

Cosa ci riserva il futuro ? Poste farà la stessa cosa che farà Anima in concorrenza con la stessa ?Ci starà Anima a fare Pinocchio nel campo dei miracoli o ha un piano B ?

Perché un piano che tutti aspettavano e per il quale si erano formalizzati degli impegni è stato cestinato per passare alle “masse minime “. Chi deciderà di queste ultime un luminare di fisica quantistica?Vorremo una maggiore chiarezza per capire quale “ parco buoi “ pagherà il conto ,se quello di Anima o quello di Poste o tutti e due.

Noi non scriviamo in difesa dell’ex AD Caio, ma ci sembra quasi impossibile che tutto quello che ha fatto, detto e programmato sia stato e sia solo un grossolano errore. Se gli attuali ingressi degli uffici postali fossero murati e riaperti nella parte opposta di dove sono ora, potremmo dire che è una completa rivoluzione a 360 gradi.

Infatti anche l’annunciato ritiro dalla telefonia, vista l’agguerrita concorrenza, e i sempre più risicati margini, è stato cancellato. L’attuale management, ha deciso di continuare e di non condividere le preoccupazioni dei big del settore per il prossimo arrivo in Italia  di Iliad, la low cost del francese Niel, che con i suoi prezzi stracciati ha fatto sudare le sette camice a ben altre società telefoniche in Francia.

Ma forse noi siamo in errore, abbiamo sempre pensato che fare più profitti era il motore per muovere investimenti,sviluppo e lavoro. Dobbiamo ricrederci, i tempi sono cambiati, e a pagare gli errori, oggi, non sono più quelli che li commettono, e pertanto il risultato è un optional,quello che conta sono i contatti .

Buon anno, se può servire a qualcosa...

 


L'articolo ha ricevuto 1168 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
Beh, è il sistema e le sue LEggi ( Fatte per i soliti svariati giochetti societari a favore dei soliti furbi-ricchi ) che andrebbe cambiato !. Si viaggia sempre sulle spalle dei più che in gran parte non sanno più cosa fare come difendersi da Banche e Finanziarie se non trasferirsi da poveri su di un' isola deserta. Cordiali Saluti
Commento di: defraiav Ip:95.247.48.187 Voto: 10 Data 07/01/2018 12:06:47

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Redazione Economia
Data: 07/07/2019 06:33:08
Russia: Geraci al lavoro per missione imprenditoriale Export in lieve ripresa

Michele Geraci, sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, è al lavoro per preparare una missione in Russia. «Sto cercando di realizzare una missione imprenditoriale in Russia per esplorare nuove opportunità.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 04/07/2019 06:02:15
Banche: Abi a sindacati, in nuovo scenario npl dopo 4 anni risaliranno - FOCUS

Il rallentamento dell'economia italiana, che risente della debolezza dei consumi e degli investimenti, riaprirà il rubinetto dei crediti deteriorati. Lo stima l'Abi nello scenario, a tinte fosche, illustrato ieri ai sindacati.

Leggi l'articolo

Autore: Maria Luisa Chioda - Redazione Economia
Data: 03/07/2019 06:36:34
Laura Castelli: 'Escludo che Bruxelles ci chieda una manovra correttiva per tenere calmi i mercati'

"Non siamo in una situazione in cui Bruxelles ci chiede di fare una manovra preventiva sul 2020, lo spread è stabile, e non credo che fare una manovra adesso possa aiutare a tranquillizzare i mercati ad agosto".

Leggi l'articolo

Autore: Maria Luisa Chioda - Redazione Economia
Data: 28/06/2019 06:57:24
Mediaset: verso intesa biennale con Sky. Pronto il ritorno della Champions

E' attesa a breve la definizione dell'accordo tra Sky e Mediaset che farà tornare sui canali del Biscione le partite in chiaro della Champions League.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -