Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Riscaldamento globale: catturare CO2 è del tutto inutile

Riscaldamento globale: catturare CO2 è del tutto inutile
Autore: Manuel Planelles - Redazione Ambiente
Data: 08/02/2018 06:56:48

Cadere in questa tentazione climatica e’ abbastanza facile. “Pensare che la tecnologia ci portera’ al riscatto se non ci impegniamo nel mitigare (ridurre i gas ad effetto serra) in modo sufficiente, puo’ sembrare interessante”, dice Thierry Courvoisier, presidente del Comitato Scientifico Ases delle Accademie europee (Easac). Ma creare “alcune aspettative poco realiste” su queste tecnologie potrebbe avere conseguenze irreversibili “per le generazioni future”, scrive questo astrofisico in una nota dell’Easac.

Courvoisier si riferisce alla lotta contro il cambio climatico e, in concreto, alle iniziative tecnologiche di emissioni negative -sostanzialmente, bloccare i gas ad effetto serra dell’atmosfera e trattenerli per controllare il riscaldamento globale-.

L’Accordo di Parigi, il patto internazionale che dovrebbe essere la guida per la lotta al cambio climatico durante questo secolo, si e’ posto come obiettivo un aumento medio della temperatura del Pianeta nel 2100 inferiore ai due gradi e, per quanto possibile, arrivare ad un massimo di un grado e mezzo. Si stabilisce di tentare “un equilibrio tra le emissioni antropomorfe” e “l’assorbimento” dei gas ad effetto serra attraverso dei “dispersori” nella seconda meta’ del secolo. In altre parole, la porta è stata aperta a queste tecnologie a emissioni negative come strumento per raggiungere gli obiettivi di Parigi.

Ma l’Easac, che è composta dalle accademie scientifiche nazionali dei membri dell'UE, ha analizzato il potenziale impatto di queste tecnologie attraverso un rapporto speciale, preparato da 12 ricercatori, e rifiuta di poter svolgere un ruolo fondamentale: "queste tecnologie offrono solo una possibilità realistica limitata alla rimozione del biossido di carbonio dall'atmosfera e non dalla scala prevista in alcuni scenari climatici".

Sebbene la relazione riconosca il ruolo futuro di queste tecniche, aggiunge che "non e’ ai livelli necessari per compensare le misure di mitigazione insufficienti". Cioè, i governi non possono compensare con la cattura di CO2 - il principale gas serra - i tagli delle emissioni che non fanno, fondamentalmente, nel loro settore energetico, che rappresenta circa l'80% del biossido di carbonio emesso dall’economia europea.

Quando uno Stato ratifica l'accordo di Parigi, che è stato siglato nella capitale francese nel 2015, deve presentare piani nazionali per ridurre le emissioni. Ma quelli sul tavolo, che coprono il periodo tra il 2020 e il 2030, non sono sufficienti per raggiungere l'obiettivo dei due gradi. L'ONU stima che entro il 2030 le emissioni globali dovrebbero essere di circa 40 gigatoni all'anno.

Tuttavia, gli impegni nazionali dei firmatari dell'accordo, stimano che, entro tale data, nel mondo ci saranno circa 55 gigatoni di gas a effetto serra. E il problema è che il divario aumenterà nel corso dei decenni e si sta rapidamente esaurendo il cosiddetto "bilancio del carbonio" - la quantità di gas serra che l'umanità può emettere da qui alla fine del secolo, se si vuole raggiungere l'obiettivo dei due gradi. È qui che entrano in gioco le tecnologie a emissioni negative per rimuovere i gas che sono stati espulsi dall'atmosfera.

L’Easac conclude che, con l'attuale livello di conoscenze, queste tecnologie non saranno in grado di far mantenere l’impegno. E avverte che l'implementazione di queste misure di cattura del biossido di carbonio su larga scala comporterà "alti costi economici e probabilmente impatti importanti sugli ecosistemi terrestri o marini".

Lo studio avverte inoltre che negli scenari pianificati dall'IPCC - il gruppo di scienziati che analizzano i cambiamenti climatici sotto l'egida dell'ONU - un ruolo fondamentale è dato alle tecnologie a emissioni negative. Di fatto, affermano che in 344 dei 400 scenari proposti dall'IPCC in cui il mondo ha la possibilità di raggiungere l'obiettivo di due gradi, si presume che sia necessaria la cattura di CO2 su larga scala.

Lo studio Easac, quindi, conclude che i governi devono "concentrarsi sulla riduzione rapida delle emissioni di gas serra" e rivedere al rialzo, come stabilito nell'accordo di Parigi, i loro impegni ogni cinque anni.

 


L'articolo ha ricevuto 832 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/08/2019 19:51:40

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Susanna Schivardi - Redazione Ambiente
Data: 10/08/2019 08:00:13
Riflessioni sul clima che sta cambiando

Se non è l’afa è la pioggia torrenziale, calda anch’essa che immerge nel fango interi paesi, per poi tornare al caldo intenso da punte massime mai registrate prima, ogni anno è un nuovo record.

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 14/07/2019 06:36:18
Clima: ridurre il riscaldamento globale piantando alberi

Nel 2015 il biologo Thomas Crowther aveva calcolato per la prima volta il numero di alberi sul Pianeta ed era arrivato ad una cifra di 3.000 miliardi, che sarebbe un albero ogni 442 abitanti. 

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Scientifica
Data: 08/07/2019 06:41:11
Riscaldamento climatico: qual'è la soglia massima accettabile per la vita?

Secondo i diversi scenari del IPCC (organismo intergovernativo e scientifico che valuta il cambiamento climatico), le temperature del Globo potrebbero aumentare da 2 a 5 gradi centigradi entro il 2100.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 05/07/2019 06:01:31
Riscaldamento climatico: per l'ONU 80mln di posti di lavoro sono a rischio

Con il riscaldamento climatico, l'aumento dello stress termico in agricoltura e in altri settori industriali dovrebbe tradursi in una perdita di produttività pari a 80 milioni di posti di lavoro entro il 2030

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -