Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Siria, Ghouta orientale: una vergognosa e inarrestabile catastrofe

Siria, Ghouta orientale: una vergognosa e inarrestabile catastrofe
Autore: Redazione Esteri
Data: 10/03/2018

Le due prime settimane dell’offensiva militare nella Ghouta orientale hanno prodotto un flusso continuo ed enorme di morti e feriti, in un momento in cui le forniture mediche sono estremamente limitate, le strutture mediche sono sotto attacco e i medici sono allo stremo. Tra il 18 febbraio e il 3 marzo 2018 è salito a 4.829 il numero dei feriti e a 1.005 quello delle persone che hanno perso la vita, in media 344 feriti e 71 morti ogni giorno, sette giorni su sette, per due settimane di seguito.

 

Medici Senza Frontiere (MSF) diffonde oggi i dati raccolti dalle 10 strutture mediche che l’organizzazione supporta regolarmente e da altre 10 a cui ha fornito donazioni mediche di emergenza dagli stock ancora disponibili nell’enclave. Si tratta comunque di una sottostima perché due centri non sono riusciti ancora ad inviare i propri dati e perché nell’area ci sono anche altre strutture, non supportate da MSF, che hanno assistito feriti.

 

Questi numeri dicono tutto. Ma sono ancora più forti le parole che ascoltiamo dai medici che supportiamo”, dichiara Meinie Nicolai, direttore generale di MSF. “Ogni giorno sentiamo crescere un dirompente senso di impotenza e disperazione, mentre i nostri colleghi medici raggiungono limiti che non ci si aspetta da nessun essere umano. Sono esausti fino al punto di crollare, dormono pochissimo, quando trovano qualche minuto per riposare, vivono con il timore permanente di essere colpiti dai bombardamenti. Stanno facendo del loro meglio per mantenere attivo qualche sorta di servizio medico, ma tutto si muove contro di loro. L'inarrestabile violazione delle regole della guerra da parte delle parti in conflitto li sta spingendo a fare l'impossibile”.

 

Le scorte di farmaci e materiali medicali donate da MSF vengono distribuite tra attacchi e bombardamenti quasi incessanti e consumate rapidamente dalle strutture supportate. Alcune forniture chiave, in particolare per la chirurgia, sono esaurite. Lunedì scorso, un convoglio di aiuti ufficiali ha ottenuto l'accesso alla parte settentrionale dell’enclave, ma alcune forniture mediche sono state rimosse dal governo siriano, secondo le Nazioni Unite, che erano tra i responsabili del convoglio. La necessità di un massiccio rifornimento medico, senza la rimozione di materiali salvavita, sta diventando più urgente di ora in ora.

 

15 tra le 20 strutture mediche supportate da MSF nell’area sono state danneggiate o distrutte da attacchi o bombardamenti e questo riduce ulteriormente la loro capacità di fornire cure. Tra i medici che supportiamo, 4 sono rimasti uccisi e 20 feriti.

 

Le necessità mediche non riguardano solo i feriti di guerra. In molti quartieri della Ghouta orientale, la maggioranza delle persone sta vivendo in seminterrati e rifugi sotterranei improvvisati, in condizioni sanitarie precarie con riserve d’acqua potabile limitate e spesso senza servizi igienico-sanitari. Prima dell’offensiva militare nell’enclave, MSF aveva già potenziato l’assistenza a un ospedale da campo nel quartiere di Harasta, dove ci sono intensi attacchi e bombardamenti fin dal novembre 2017 e dove circa il 70 per cento della popolazione viveva già in condizioni precarie. I dati medici da quel quartiere mostrano chiaramente un aumento delle infezioni respiratorie, malattie diarroiche e infezioni della pelle, e molti di questi pazienti sono bambini.

 

In accordo con le regole basilari del Diritto Internazionale Umanitario, MSF rinnova con forza il proprio appello a tutte le parti in conflitto e ai loro alleati per:

-  fermare gli attacchi e i bombardamenti per consentire una riorganizzazione della risposta medica; 

- garantire prima, durante e dopo ogni pausa nei combattimenti che le aree e le infrastrutture civili su entrambi i fronti, incluse le strutture mediche, non vengano colpite.

- garantire una fornitura senza ostacoli di farmaci e materiali medici, senza che medicinali e attrezzature salvavita vengano rimossi dai convogli di aiuti;

- consentire l’evacuazione medica dei pazienti più gravi;

- consentire a organizzazioni medico-umanitarie indipendenti di entrare nell’area per fornire assistenza diretta.

 

Quando è iniziata la recente offensiva militare, MSF stava già fornendo un supporto completo e regolare a 10 strutture sanitarie nella Ghouta Orientale. Dal 18 febbraio, MSF è stata sempre più attiva nel rifornire anche altre strutture con donazioni mediche d’emergenza. Anche cliniche che non avevano chiesto il supporto di MSF per anni hanno cominciato a chiedere aiuto, e MSF sta donando forniture d’emergenza ad altri 10 ospedali e cliniche, attingendo alle proprie riserve, che si stanno esaurendo velocemente. Tuttavia, non riesce a fornire alcuni strumenti essenziali per la chirurgia che sono diventati introvabili per chiunque nella Ghouta Orientale. Nelle strutture supportate non lavora personale di MSF.

 

MSF gestisce direttamente cinque strutture sanitarie e tre cliniche mobili in Siria settentrionale. In tutto il paese è partner di 5 strutture e fornisce supporto da remoto ad altre 50 circa, in aree dove le nostre equipe non possono essere direttamente presenti, inclusa la Ghouta orientale.

 

Le attività di MSF in Siria non includono le aree controllate dal gruppo dello Stato islamico perché non abbiamo ricevuto dai suoi leader alcuna garanzia su sicurezza e imparzialità, e non possiamo lavorare nelle aree controllate dal governo perché a oggi, nonostante le nostre ripetute richieste, non abbiamo ottenuto l’autorizzazione a farlo. Per garantire l’indipendenza da pressioni politiche, MSF non riceve finanziamenti governativi per il proprio lavoro in Siria.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/03/2021 23:20:59

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -