Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L'ex BR Balzerani e 'Le vittime di mestiere' Lo squilibrio mediatico permette questi risultati

L'ex BR Balzerani e 'Le vittime di mestiere' Lo squilibrio mediatico permette questi risultati
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/03/2018

Sul caso Aldo Moro, è stato pubblicato proprio ieri un mio editoriale: La Politica si è fermata a Moro, in cui parlo non tanto del caso Moro, che tutti conosciamo, quanto di ciò che è accaduto intorno all'evento che portò al rapimento di Moro, alla barbara uccisione della sua scorta e, infine, al suo omicidio.

Cosa sarebbe stata l'Italia, se si fosse dato seguito al compromesso storico che Moro e Berlinguer avevano ormai stretto? Non possiamo saperlo, ma possiamo provare a immaginarlo.

Per la commemorazione del quarantennale, quest'anno i media hanno fatto scelte molto precise: dare voce agli ex brigatisti, la maggior parte dei quali hanno già scontato la pena inflitta, e quindi, sono comuni cittadini. Intervistabili.

Non la reputo una scelta sbagliata, in quanto il nostro mestiere ci induce a tratteggiare la storia, i fatti, gli avvenimenti e i protagonisti di fatti e avvenimenti. Dar voce a chi ha ucciso, fa parte del raccontare la storia.

Attenzione però: in questo caso si è scelto di dare maggior spazio agli ex brigatisti. E questo ha portato alle esternazioni, evitabili, di una ex brigatista - la Balzerani - che se ne esce con dichiarazioni che, se non fosse stato dato enorme spazio ai carnefici, bensì equamente distribuito tra vittime e carnefici, forse non sarebbero mai state formulate.

La par condicio, in Italia, è un altro dei troppi criteri scritti ma mai davvero messi in atto.

Ecco uno stralcio delle dichiarazioni della Balzerani, che peraltro è una libera cittadina dal 2011: "C'è una figura, la vittima, che è diventato un mestiere, questa figura stramba per cui la vittima ha il monopolio della parola. Io non dico che non abbiano il diritto a dire la loro, figuriamoci , ma non ce l'hai solo te il diritto, non è che la storia la puoi fare solo te».

Una dichiarazione da Oscar dell'egocentrismo applicato al terrorismo degli anni '70.

Non basta, la Balzerani attizza il fuoco: "Non è che se vai a finire sotto un’auto, sei una vittima della strada per tutta la vita, lo sei nel tempo che ti aggiustano il femore...". 

Gradirei ricordare alla Balzerani, essendo io una "vittima della strada" con un lungo percorso di riabilitazione - durato anni -  e 13 interventi chirurgici alle spalle per tornare a camminare, ho voce in capitolo per affermare che, dopo un terribile incidente, resti vittima per la strada per tutta la vita. Bastano già solo le cicatrici sulla pelle, che ogni giorno ti ricordano ciò che hai subito.

Pensa quindi, quando ti trucidano un padre, se gli effetti di ciò che hai subito "passano via" col tempo.

Probabilmente la Balzerani, oltre al curriculum di terrorista e di ex carcerata, non ha altro da proporre sul proprio curriculum. E con molta probabilità, la pena inflittale non è servita nemmeno a scalfire un poco della sua arroganza, che la porta persino a ritenersi al di sopra di tutto e tutti. A cominciare dalle vittime.

Di cosa ci si lamenta ora? 

Se si pretende di dar voce maggiormente agli ex brigatisti, è ovvio che - prima o poi - qualche castroneria salti fuori

Le dichiarazioni della Balzerani sono frutto di un sistema giornalistico, da cui mi dissocio pubblicamente per l'ennesima volta, che punta al sensazionalismo, e non più alla narrazione equilibrata dei fatti accaduti.

Non sto dicendo che non dovessero dar voce anche agli ex brigatisti, che fanno tristemente parte della Storia, ma che doveva esser data equamente voce anche alle vittime degli ex brigatisti: per par condicio.

Una par condicio che è andata a ramengo, insieme a tutto il resto. D'altronde in Italia siamo arrivati al punto da proporre Lectio Magistralis a persone condannate per delitti di ogni sorta. 

Se questo è il sistema che si è creato, non oso pensare a ciò che sarà a breve.

 

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina  




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/02/2020 10:40:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/02/2020
Coronavirus e altre considerazioni

Il Conte bis è a caccia di soldi. Servono 15 miliardi, da trovare in tutta fretta per avviare la riforma fiscale tanto propagandata, e che dovrebbe portare – secondo le ipotesi non avallate dai fatti – all’agognata semplificazione. Niente di spettacolare, almeno per quanto ne sappiamo fino a oggi. Si tratterebbe di ridurre gli scaglioni reddituali da 5 a 3, copiando il modello tedesco da cui copiamo un mucchio di cose, le peggiori, come il reddito di cittadinanza.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/02/2020
Sardine: un movimento impopolare

Dopo i ringraziamenti slinguettanti di Zingaretti alle sardine, per aver ben sostenuto la vincita di Bonaccini, ecco che il movimento ittico, o meglio i leader, arrivano non solo a omaggiare i grandi industriali, gli stessi a cui il governo dice di voler sottrarre la concessione di Autostrade

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2020
Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare

Se davvero vogliamo migliorare la società, torniamo a dialogare, mettiamo da parte le rabbie, le tifoserie, l'ossessione contro le "caste". Almeno un tentativo va fatto. Proviamoci.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -