Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Tam Tam  
Minori migranti: a un anno dalla Legge Zampa 4.000 italiani pronti a diventare tutori volontari

Minori migranti: a un anno dalla Legge Zampa 4.000 italiani pronti a diventare tutori volontari
Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 10/04/2018

 

Minori migranti: Save the Children, a un anno dalla “Legge Zampa” (L. 47 del 7 aprile 2017), in tutta Italia 4.000 cittadini pronti a diventare tutori volontari di un minore non accompagnato

 

L’adeguamento alla nuova normativa procede tuttavia ancora a macchia di leopardo sul territorio nazionale. Tra le maggiori criticità riscontrate, la mancata iscrizione dei minori al Servizio Sanitario Nazionale prima del rilascio del permesso di soggiorno, le procedure legate all’identificazione e al rilascio e conversione dei permessi di soggiorno.  

 

Oggi a Roma, Milano, Torino e Catania i centri CivicoZero di Save the Children aperti ai futuri tutori per favorire l’incontro con i ragazzi stranieri.

 

 

A un anno esatto dalla promulgazione della legge per la protezione dei minori stranieri non accompagnati, quasi 4.000 cittadini, in tutta Italia (1), hanno dato la loro disponibilità a diventare tutori volontari.

 

Da una prima rilevazione realizzata da Save the Children - l’Organizzazione internazionale che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro – in collaborazione con alcuni Garanti regionali su 2.000 tutori volontari, emerge che si tratta soprattutto di donne (3 su 5), con un’età media compresa tra i 40 e i 50 anni e per la maggior parte con un percorso universitario alle spalle, in particolare nelle facoltà di giurisprudenza, socio-educative e sanitarie (2).

 

La figura del “tutore volontario” è stata fortemente sostenuta da Save the Children per dare ai minori stranieri che giungono in Italia senza genitori, un punto di riferimento che li orienti nelle scelte e li accompagni nel percorso di integrazione. Prima della legge, la tutela veniva prevalentemente affidata ad una istituzione, come il Sindaco, che evidentemente non poteva assicurare ad ogni minore un contatto diretto costante e personalizzato. Il tutore volontario è un cittadino che, dopo una apposita formazione, in modo del tutto gratuito, affianca e guida un minore non accompagnato sotto l’egida del tribunale per i minorenni.  

 

Attualmente sono più di 14.300, di almeno 40 nazionalità diverse (3), i minori stranieri non accompagnati censiti nel sistema di accoglienza italiano. Sono bambini e ragazzi giunti nel nostro Paese soli, senza alcuna figura adulta di riferimento al loro fianco e dunque facilmente esposti a rischi di sfruttamento e violenza.

 

“L’entusiasmo e la partecipazione di così tanti cittadini, che si sono proposti volontariamente per fare da guida ad un minore straniero, dare preziosi consigli nelle scelte di vita quotidiana, supportarlo nelle vicissitudini burocratiche e stare al suo fianco nel percorso di integrazione nel nostro Paese, è uno degli aspetti più positivi e che meglio ha funzionato, insieme alla promozione dell’affido familiare, da quando è stata adottata la legge 47 del 7 aprile 2017. Una legge innovativa, di iniziativa parlamentare, approvata a larghissima maggioranza e fortemente voluta da Save the Children, da tutte le principali organizzazioni di tutela dei diritti e dagli operatori del settore. La legge riconosce che i minori stranieri non accompagnati, prima ancora che migranti o rifugiati, sono minori soli che vanno protetti e accompagnati nella loro crescita, al pari di ogni altro bambino e adolescente”, ha dichiarato Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia di Save the Children.

 

Vi sono tuttavia molti aspetti della nuova legge che devono ancora essere pienamente attuati. Nonostante i notevoli passi avanti compiuti, infatti, l’allineamento delle prassi alla nuova normativa procede a macchia di leopardo sul territorio nazionale, dove si continua ad assistere a prassi disomogenee e a lungaggini burocratiche che impediscono ancora a tanti bambini e ragazzi il pieno godimento dei loro diritti.

 

Tra gli aspetti di maggiore criticità, figurano soprattutto le prassi disomogenee per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale, molto spesso negato ai minori prima del rilascio del permesso di soggiorno, al contrario di quanto previsto dalla legge, con gravissime conseguenze sul piano dell’assistenza sanitaria, soprattutto per chi soffre di malattie croniche o necessita di interventi operatori. Il mancato rilascio sembra dovuto in numerosi casi a una superabile difficoltà burocratica legata alla necessità di inserire il codice fiscale nella schermata di richiesta di iscrizione, codice fiscale che ovviamente i minorenni appena arrivati in Italia ancora non hanno. 

 

Diversi problemi sono stati rilevati anche rispetto al rilascio del permesso di soggiorno per minore età, sui cui la legge è intervenuta con il chiaro intento di semplificare le procedure e ridurre i tempi.  In città come Palermo, Milano, Trapani, Roma, per esempio, questa semplificazione delle procedure non risulta ancora attuata.

 

Allo stesso modo, in merito alla conversione del permesso di soggiorno al compimento dei 18 anni continuano ad esistere prassi che non rispettano quanto previsto dalla legge Zampa, la quale prevede di agevolare questo passaggio in particolare quando il percorso del minore rischia di essere bruscamente interrotto solo a causa di lungaggini burocratiche, che in molti casi dipendono dal parere ministeriale necessario ai fini della conversione.

 

“Ề pertanto urgente e necessario che su tutto il territorio nazionale siano messe in pratica le disposizioni previste dalla legge, dalle procedure per l’identificazione e l’accertamento dell’età, dalle cure sanitarie all’accesso all’istruzione, per favorire l’effettiva protezione e l’inclusione sociale dei minori”, ha concluso Milano.

 

Nell’ottica di favorire l’incontro tra i tutori e i minori, oggi, in occasione del primo anniversario della legge Zampa, Save the Children apre le porte dei suoi quattro centri CivicoZero a Milano, CataniaRoma – in collaborazione con la Cooperativa CivicoZero – e Torino – in collaborazione con il Comune di Torino: spazi che i ragazzi frequentano abitualmente e dove ricevono supporto attraverso l’offerta di servizi base, e svolgono numerose attività formative, tra cui corsi di lingua, laboratori ludico-creativi, preparazione all’inserimento lavorativo. Nei quattro CivicoZero, i futuri tutori potranno quindi conoscere direttamente i minori che frequentano gli spazi e ascoltare il loro punto di vista, anche grazie alla realizzazione di attività e laboratori specifici, sulle loro principali necessità e sugli ostacoli che sperano di poter superare grazie al sostegno del tutore volontario.

 

Save the Children ha inoltre realizzato, in questa occasione, una “guida” per i tutori volontari e dispone d una Helpline Minori Migranti (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17 numero verde 800 141016 o Lycamobile 351 2202016) alla quale i minori stranieri e tutti i cittadini interessati possono rivolgersi per ottenere informazioni e approfondimenti.

 

La guida per i tutori volontari è disponibile al link: https://www.savethechildren.it/cosa-facciamo/pubblicazioni/guida-i-tutori-volontari-di-minori-stranieri-non-accompagnati

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/01/2021 02:39:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Tam Tam

Autore: Redazione Nuove Tecnologie
Data: 24/04/2020
Torino:11 progetti per la mobilità del futuro

Dai sistemi condivisi di micromobilità per le aziende sperimentati con successo già durante l’emergenza Covid-19, alle reti di ricarica per veicoli elettrici di nuova generazione

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 03/09/2019
Suicidio: Telefono Amico ogni anno riceve circa 1.000 segnalazioni

In occasione della Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio, Telefono Amico lancia la street action “Ad ogni ostacolo Telefono Amico sempre in linea”. L’iniziativa è in programma martedì 10 settembre e coinvolgerà diverse città italiane.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 16/10/2018
Infanzia: ogni minuto nel mondo 5 bambini sotto i 5 anni muoiono per malnutrizione

Nel mondo, ogni giorno, 7.000 bambini sotto i cinque anni muoiono per cause legate alla malnutrizione. Cinque ogni minuto. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 14/08/2018
Sicurezza stradale: Lentino 'Importante apertura del Ministro Toninelli'

“Le parole del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, sul tema della sicurezza stradale fanno presupporre un’assunzione di consapevolezza di cui non possiamo che rallegrarci. Forse, finalmente, anche questo tragico problema potrà avviarsi verso una soluzione”.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -