Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Politica Estera  
USA: dalla guerra fredda alla guerra ibrida per imporre la propria egemonia

USA: dalla guerra fredda alla guerra ibrida per imporre la propria egemonia
Autore: Dmitri Trenin - Redazione Esteri
Data: 04/05/2018

L'”One World” della Pax Americana che esiste dalla fine della Guerra Fredda è già storia.

Il dominio globale degli Stati Uniti è ancora in vigore, ma la pace – “pax” – è stata distrutta

Sarebbe troppo inverosimile confrontare la recente situazione di stallo Usa-Russia in Siria con la crisi dei missili cubani USA-Sovietici del 1962. In effetti allora, una guerra nucleare tra le due superpotenze era altamente probabile, e l’esistenza dell’umanità era in questione. Questa volta, sussisteva una moderata possibilità di uno scontro locale tra le forze americane e russe nell’area medio-orientale , che avrebbe potuto intensificarsi a un livello più alto, solo in quel caso mettendo in pericolo la sicurezza globale.

Tuttavia, mentre lo scontro drammatico (la crisi di Cuba) di oltre mezzo secolo fa ha stimolato la distensione strategica tra le due superpotenze di allora, gli attacchi missilistici statunitensi di questo mese contro la Siria, alleata della Russia, sono un altro passo destinato ad aumentare le tensioni tra Washington e Mosca. C’è dell’altro in arrivo. La nuova guerra ibrida è diversa da quella che era la Guerra Fredda.

Un’analisi del culmine più recente delle tensioni porta alle seguenti conclusioni: L’Amministrazione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è completamente determinata a utilizzare la forza militare per punire gli sfidanti e riaffermare il primato globale degli Stati Uniti. La Siria, che è stata colpita per la prima volta dal governo di Trump esattamente un anno fa, per molti versi è un obiettivo facile. Altri paesi dovrebbero prestare attenzione, principalmente l’Iran e la Corea del Nord . L’incombente rifiuto da parte della Casa Bianca di certificare la conformità di Teheran con l’accordo congiunto del piano d’azione nucleare, concluso nel 2015, potrebbe portare a bombardamenti degli Stati Uniti contro gli obiettivi iraniani, dagli impianti nucleari e le basi missilistiche all’interno dell’Iran, alle forze iraniane dislocate in Siria ed ai gruppi filo-iraniani attraverso il Medio Oriente. Gli iraniani stanno chiaramente vedendo quel pericolo e si stanno preparando a un possibile attacco degli Stati Uniti.

In Corea del Nord, per ora, Trump ha deciso di giocare la carta della pace. Deve sperare che Kim Jong-un , con cui dovrà incontrarsi entro sei settimane circa, rinunci ai programmi nucleari e missilistici della Corea del Nord e accetti di “denuclearizzare”. Il concetto di denuclearizzazione di Pyongyang, tuttavia, è molto diverso da quello di Washington. Non è altro che cedere la cruda capacità di deterrenza del paese, la sua unica garanzia di sopravvivenza, per le promesse verbali degli Stati Uniti, che possono essere ritirate a volontà in modo unilaterale. Kim certamente non vuole condividere il destino di Muammar Gheddafi. Quando Trump lo capisce, potrebbe cambiare marcia e un’ouverture di pace potrebbe portare a una guerra.

 

 

              Forze aerotrasportate USA

 

 

Un’altra lezione pronta dalla Siria, ma anche dal caso di avvelenamento di Skripal a Salisbury, è quella che l’Amministrazione Trump ha riscoperto il valore politico degli alleati degli Stati Uniti. Avendo quasi respinto gli alleati nel suo primo approccio ” America First“, la Casa Bianca è ora impegnata a consolidare le coalizioni politiche e militari dei paesi occidentali contro coloro che ha designato come rivali e avversari: la Russia e la Cina.

Per ora, la maggior parte della pressione viene esercitata sulla Russia, come il nemico apparentemente più debole, ma la Cina è chiaramente vista come il principale sfidante per l’ordine guidato dagli Stati Uniti. Quello che succede nella Corea del Nord, ma anche nel Mar Cinese Meridionale e forse su Taiwan, determinerà non solo i parametri della relazione strategica sino-americana, ma anche il futuro dell’ordine globale. Le relazioni della Russia con i suoi vicini europei sono diverse da quelle cinesi con il resto dell’Asia, ma in entrambi i casi gli Stati Uniti cercheranno di isolare i loro rivali nei loro zone di influenza vicine.
Sia l’avvelenamento di Skripal che il presunto attacco di armi chimiche a Douma hanno portato ad un’azione immediata a guida Usa, ancor prima che fossero condotte indagini e raggiunte conclusioni certe. Nell’attuale contesto psicologico, le accuse pubbliche da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati servono da verdetto. Le prove, o la mancanza di queste , non sono più un problema: la fiducia negli Stati Uniti e nei loro alleati deve essere certa.

Questo ha importanti implicazioni per le organizzazioni internazionali, dall’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche alle Nazioni Unite, che vengono entrambe rese superflue. Gli Stati Uniti stanno mobilitando la coalizione dei loro alleati e partner che dovrebbero seguire ciecamente il paese leader. Mettere in questione la saggezza della politica di Washington sulle questioni geopolitiche e strategiche chiave viene considerata un’apostasia. Durante la Guerra Fredda, gli Stati Uniti proteggevano i loro alleati dalle minacce interne ed esterne. Nella guerra ibrida, è giunto il momento, per chi è stato protetto, di sover ripagare.

 

 

Forze speciali USA in Siria

 

 

Tuttavia, alcune delle lezioni chiave della Guerra Fredda non vengono completamente scartate. L’esercito americano in Siria ha avuto la massima cura di non colpire obiettivi russi. L’avvertimento di rappresaglia contro gli Stati Uniti nel caso in cui i cittadini russi fossero stati feriti, avvertimento emesso molto prima dell’attacco in Siria da parte del generale Valery Gerasimov, capo dello stato maggiore russo, è stato ben accolto. Né il Pentagono né la Casa Bianca intendono provocare uno scambio nucleare con i rivali strategici degli statunitensi.

Data l’eccezionale superiorità militare degli Stati Uniti rispetto ad altre grandi potenze, la guerra ibrida prevede un’azione militare, ma dovrebbe essere evitata l’escalation a livelli veramente pericolosi. L’idea è di rompere la volontà dei leader rivali o, in difetto di questa possibilità, far salire il costo delle loro politiche tanto in alto da far scoppiare la rivolta e la dissidenza interna fino a far derivare un cambio di regime che sia disposto ad accettare le regole dettate dagli USA.

Quelli che non sono d’accordo con queste regole e prevedono un diverso tipo di ordine mondiale si stanno avvicinando. L’One World of Pax Americana che esiste dalla fine della Guerra Fredda è già storia. Il dominio globale degli Stati Uniti è ancora in vigore, ma la pace – “pax” – è stata nuovamente distrutta. La nuova era non è un replay del concorso del 20 ° secolo. Potrebbe essere ugualmente pericoloso, ma a suo modo. Pechino e Mosca, pur evitando di creare un’alleanza, sembrano valutare i rischi, identificare obiettivi credibili e costruire una strategia in coordinamento sempre più stretto tra loro e con altre nazioni che la pensano allo stesso modo. La rivalità di potere principale è destinata ad intensificarsi.

*Dmitri Trenin, direttore del ” Carnegie Moscow Center”, presiede anche il ” Council and the Foreign and Security Policy Program”.
Education
PhD, Institute of the USA and Canada, Russian Academy of Sciences

Fonte: Russia Insider

Traduzione: Luciano Lago




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/07/2020 12:32:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Estera

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Esteri
Data: 08/04/2020
Coronavirus: gli USA e il disastro sociale

La tragica prova che gli Stati Uniti stanno attraversando apriranno finalmente gli occhi agli elettori americani? 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 22/03/2020
Coronavirus - Angela Merkel è stata posta in quarantena

La Merkel, 65 anni, sarà sottoposta a "test regolari" nei prossimi giorni e continuerà con il suo lavoro da casa, almeno per il momento.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 17/03/2020
Covid-19 - Macron: 'Siamo in guerra'

"L'epidemia di coronavirus è diventata una realtà immediata, presente. Siamo in guerra, una guerra sanitaria certamente: non lottiamo contro un esercito o contro un altro paese". 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/03/2020
Covid-19: risposta insufficiente del Regno Unito all'emergenza sanitaria

Mentre molti paesi europei hanno adottato misure drastiche per arginare la diffusione del coronavirus, il Regno Unito non ha ancora introdotto misure di "distanziamento sociale"...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -