Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Libia: decine di rifugiati e migranti feriti nel tentativo di fuggire da terribili condizioni di pri

Libia: decine di rifugiati e migranti feriti nel tentativo di fuggire da terribili condizioni di pri
Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2018

La sera del 23 maggio oltre cento rifugiati e migranti che erano stati rapiti e tenuti in prigionia da trafficanti di uomini a ovest di Bani Walid, in Libia, sono riusciti a scappare. Mentre cercavano di fuggire, sono stati inseguiti dai loro carcerieri e uomini armati, che hanno sparato contro di loro, causando diverse vittime e 25 feriti, poi trasferiti all’Ospedale generale di Bani Walid.

 

I sopravvissuti, in gran parte adolescenti provenienti da Eritrea, Etiopia e Somalia che cercavano di raggiungere l’Europa per chiedere asilo, hanno raccontato di essere finiti nelle maglie di trafficanti che li avevano venduti più volte tra Bani Walid e Nesma.

 

All’ospedale di Bani Walid, l’équipe di MSF ha supportato lo staff locale nel fornire cure mediche ai 25 feriti. Tra loro, 18 avevano ferite minori e hanno ricevuto primo soccorso e medicazioni, 7 sono stati ricoverati per ulteriori cure a causa di gravi ferite da arma da fuoco e fratture multiple. MSF ha anche donato materiali medicali all’ospedale per rifornire le loro scorte.

 

I sopravvissuti hanno detto a MSF che almeno 15 persone sono morte e almeno 40, in maggioranza donne, sono rimaste indietro. Alcuni di loro hanno raccontato di essere stati tenuti prigionieri per tre anni. Cicatrici, segni visibili di ustioni elettriche e vecchie ferite infette mostrano le drammatiche condizioni che hanno dovuto subire. Sono traumatizzati e sono in maggior parte minori non accompagnati.

 

Un gruppo di persone nella città di Bani Walid, tra cui persone che lavorano all’ospedale pubblico, alla municipalità, membri di organizzazioni della società civile e delle forze di sicurezza locali, hanno reagito tempestivamente e hanno giocato un ruolo chiave per proteggere i migranti mentre venivano inseguiti dai loro carcerieri, che cercavano di rapirli nuovamente.

 

Sotto la supervisione delle forze di sicurezza locali di Bani Walid, i sopravvissuti sono stati trasferiti in una struttura di sicurezza a Bani Walid. La mattina seguente, il 24 maggio, sono stati trasferiti in centri di detenzioni a Tripoli. Le équipe mediche di MSF a Tripoli stanno fornendo consultazioni mediche e 14 pazienti con gravi ferite da arma da fuoco e fratture multiple sono stati trasferiti in ospedale.

 

“Occorre garantire tutte le misure necessarie perché i pazienti possano accedere ai trattamenti di cui hanno bisogno e per proteggere queste persone estremamente vulnerabili, perché non subiscano altri danni dopo essere sopravvissuti a tali atrocità. La detenzione arbitraria non può essere una soluzione. Hanno urgente bisogno di protezione e assistenza dichiara Christophe Biteau, capomissione di MSF.

 

La vicenda è un altro esempio degli orrori continui subiti da molti migranti e rifugiati che transitano in Libia. Le équipe di MSF non hanno accesso alle prigioni clandestine nelle aree di Bani Walid, e non sanno quante persone vi siano ancora trattenute, ma il rapimento ai fini di riscatto resta un business fiorente, rafforzato dalle politiche promosse dall’Europa che puntano a criminalizzare migranti e rifugiati e a impedire loro di raggiungere le coste europee a qualunque costo. A Bani Walid, MSF continua a fornire, in collaborazione con le associazioni locali, una media di circa 100 consultazioni al mese, tante quanto l’anno scorso.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/12/2019 10:47:38

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/12/2019
Colombia, scontri tra narcos e guerriglia: 2.800 civili in fuga

Questi oltre 2.800 civili - indigeni e afro-colombiani - affrontano una "crisi umanitaria e una complessa situazione di sicurezza" a causa della presenza della milizia di autodifesa gaetana della Colombia (AGC)...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 04/12/2019
USA: dubbi sulla legalizzazione della cannabis

I candidati democratici alla presidenza degli Stati Uniti non concordano sul fatto che la marijuana debba essere legalizzata e che sia una questione centrale nei dibattiti televisivi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 01/12/2019
Cannabis: la rivoluzione thailandese

l ministro della Sanità ha annunciato questa settimana alcuni dettagli dei cambiamenti che saranno apportati nelle politiche pubbliche.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 29/11/2019
Londra, attacco terroristico al London Bridge: 2 morti e 8 feriti

Scotland Yard qualifica come "terrorismo" l'attacco avvenuto oggi al London Bridge. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -