Sei nella sezione Il Direttore

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 24/02/2011
Corruzione: un male curabile...Ho scritto molti articoli sul senso di onestà e di corruzione. Sappiamo che “potere” non fa rima con “Trasparenza”. Ed anche che “potere” non fa rima con “Democrazia”. Così come “Democrazia” non fa rima con “corruzione”. Eppure, incredibilmente, dalla bocca di chi viene chiamato a gestire la nazione, questi concetti si intersecano fino a far sfuggire del tutto il senso di una serie di accadimenti che rientrano ormai nel quotidiano di tutti. Siamo spettatori di corruzione a 360°. Sia a livello nazionale che internazionale. Ed a volte, siamo anche attori e protagonisti, di corruzione. Lo siamo nel momento in cui, un Sistema fallace ci mette nella condizione di non poter scegliere altrimenti.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 22/12/2010
Sciopero: devono farlo i contribuenti...Una nazione che schiaccia l’occhiolino solo a chi ha già tanto. Un paese che analizza tutto e non propone mai nulla. Proposte. Ecco cosa manca. Ecco la mancanza assoluta che sta facendo agonizzare l’Italia. Proposte. Concrete. Anche discutibili. Ma proposte. Da ogni lato non si fa che blaterare su analisi del “Berlusconismo” del “Centro Comunismo” dei “Ribaltoni” delle esagitazioni. Mai nessuno – da una parte e dall’altra – che segni sulla carta uno straccio di progetto. Nessuno che voglia sostenere una proposta, una speranza. La vita.

Autore:Redazione
Data: 17/12/2010
Buone festeUn anno intenso questo 2010 che sta per finire Molti gli eventi, a volte anche tragici. Un’Italia che arranca verso una serie di desideri di dignità sempre più spesso disattesi Noi di “Gli sComunicati” ci auguriamo che, chiunque sia chiamato a Governare il nostro Paese, lo faccia con spirito analitico e critico della realtà. Che non dimentichi le fasce deboli. Che sappia trovare il giusto equilibrio fra Politica e Società civile.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 26/10/2010
L’Italia ha necessità di silenzio. E di fatti.Le promesse non vengono mantenute. Di più: promesse non ne fa più nessuno. Non sono più necessarie. Nessuno più si accorge che dagli ambienti istituzionali, non si fa altro che giuducare e sparlare della controparte del momento. Sogno una Italia silenziosa e laboriosa. Una Italia forte delle parole prese per buone ed in effetti messe in pratica. Sogno una nazione di Italiani all’ascolto delle cose fatte. Una Italia degna del nome che porta e che propone all’interno di una delle Costituzioni migliori del mondo

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 04/05/2010
Italia s.p.a.Nel nostro Paese, esistono già realtà di enti nazionali passati ad enti privati. Un esempio per tutti: Alitalia. Ora, se un tempo Alitalia era la compagnia di bandiera nazionale e veniva sostenuta dalla cittadinanza e generava introiti per lo Stato – ergo la Cittadinanza – dal momento in cui si è scelto di passarla ad impresa privata, la cittadinanza continua a sostenerla ma i proventi vanno...Ai privati che ne hanno acquisito varie quote societarie.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 26/04/2010
Aprite gli occhi: siamo in Matrix...!Buona parte di ciò che si scrive, si pubblica e quindi di propone alla Comunità, non è esattamente frutto di fatti reali, bensì di fatti sempre più spesso...Artefatti. Lo possiamo vedere in ogni tipo di notizia proposta. Piuttosto che la Realtà – nel mondo dell’Informazione – vige la regola del “Ciò che si vuol far pensare”. Forse, in maniera del tutto contraddittoria, non è che manchi la Libertà di Stampa. Piuttosto manca la realtà di Stampa, che è ben altra e peggiore cosa.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 19/03/2010
Il Governo delle Veline: un attacco alla Democrazia.Un Popolo non è Sovrano se non viene messo nella condizione di sapere cosa significhi alla fine, essere Popolo Sovrano. E non vi è nulla di più anti democratico che parlare sempre e comunque di Democrazia mentre – contemporaneamente – si mettono in atto una serie infinita di strategie per contrabbandare per Democrazia uno stato di Regime che va avanti da decenni.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 16/03/2010
La caduta degli DéiGli Dèi dell’Olimpo, rimangono una figura astratta nella mente di ognuno. Esistono ancora oggi, perché se ne continua a parlare nei libri di Scuola. Esisteranno sempre, con le loro facce immaginate ma mai concretizzate oltre un concetto che trascende il pensiero. Ma Uomini di carne ed ossa, che hanno creduto di poter giungere su di un Olimpo astratto e troppo distratto da cose altre rispetto a se stessi, ecco che crollano senza apparire consci del perchè.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 03/03/2010
Vi spiego perchè ho deciso di candidarmi alle Regionali LazioMi conoscete: sapete bene come la penso. Io non vi chiedo di votarmi, se lo fate per pura simpatia. Fatelo se mi conoscete abbastanza da aver capito che non scenderò mai a compromessi inutili e dannosi.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 03/03/2010
Requiem per l'Informazione.Oggi, c’è aria di una pseudo volontà di onestà e trasparenza. “Pseudo”, perché finché non capiremo cosa diavolo stia accadendo e perché, siamo tutti chiamati a far da spettatori ed attendere che qualcuno si ricordi che esiste qualcosa che si chiama “elettori e cittadini” che vorrebbero esser trattati alla stregua di persone dignitose, piuttosto che di carne da macello su cui versare un olio appiccicoso chiamato Politica del Misfatto.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 08/01/2010
Tette al vento in aeroporto: e la Privacy?Dunque: io cittadina Italiana, ho pieno diritto di non mettere nelle mani di un pubblico ufficiale il mio nome e cognome. Ma ora, con la nuova norma anti terrorismo che prevede la scannerizzazione del mio corpo, reso nudo agli occhi degli agenti di polizia aeroportuale, ho il Dovere di mettere tette e parti intime al vento per la “Sicurezza” della nazione. Certo, gli agenti di pubblica sicurezza mica stanno li a guardare le mie tette, ci mancherebbe altro (…) si volteranno sicuramente dall’altra parte, per garantire la mia vera Privacy: il mio corpo completamente nudo, reso totalmente indifeso, oltraggiato da un progetto di sicurezza che dovrebbe passare forse per altre vie.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 30/12/2009
Umanità, numeri e statistiche. Le prossime vittime forse noi...Si contano i morti come fossero fagioli sulla tessera della Tombola. Si contano – poco – le somme evinte dai privati cittadini. Si contano addirittura, quali potranno essere – statisticamente – i morti a venire da qui ai prossimi vent’anni. Sembra che solo per calamità naturali, si sia stimato che il genocidio potrà essere di circa 200 mila vittime. Un cazzotto dritto alla bocca dello stomaco. Sappiamo già che forse potremmo essere noi stessi le vittime della prossima tragedia nazionale.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 25/12/2009
Chiediti: “Chi sono”…?Ti hanno preso in giro quando ti hanno detto che tu “sei qualcosa di importante”. Se sei fortunato, potrai esserlo al più per i tuoi cari e pochi amici fidati. Il resto del Mondo ti respinge nella fossa del Sistema complesso di cui DEVi far parte per esistere. Se sei diverso, gli altri ti temeranno al punto dal volerti estromettere. Lo faranno. Senza comprendere che potresti essere la loro stessa salvezza, la loro speranza di Libertà

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 25/12/2009
Il Potere esiste grazie alle vittime del PotereSe ognuno invece di delegare tutta la propria esistenza ad altri esimi sconosciuti, fosse un po’ più partecipe attivo delle incombenze quotidiane e strutturali dell’esistenza, ci sarebbe un bel po di Poter in meno in mano a chi amministra ed un bel po’ di controllo in più, da parte di chi delega.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 24/12/2009
Il Sistema crea. Il Sistema impone. Il Sistema distrugge...Al primo gratta e vinci, se ne aggiunse un altro. Poi un’altri. Un altro ancora. Fino ad arrivare ad averne talmente tanti contemporaneamente, da non capirci più nulla. Cambia solo il costo: lo Stato è così “generoso” da far giocare tutti: da chi può spendere solo una moneta da un euro a botta a chi ne spende “allegramente” a botte di dieci euro per tesserina.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 23/12/2009
Lettera di NataleUna Festa che punta l’attenzione sui buoni sentimenti. Come se esser buoni il 25 Dicembre spazzasse ogni male compiuto: una sorta di confessione globale al Signore, che renda l’animo pulito di ogni colpa. Dal giorno dopo, tutto rientra nella routine di una esistenza portata avanti per abitudine.

Autore:Redazione
Data: 20/12/2009
Buon NataleGli sComunicati augura Buon Natale a tutti i lettori. Che Natale divenga un giorno per riflettere, stare insieme, ritrovare la gioia dei rapporti interpersonali. Che Natale non sia solo un giorno, ma tutto l'Anno. Che la natività sia rinascita. Per tutti.

Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 14/12/2009
Essere Italiani: nessun Diritto. E zitti tutti

Quello Stato che ora attinge a piene mani anche dall’accantonamento degli impiegati che a suo tempo decisero di lasciare il proprio Trattamento di Fine Rapporto lavorativo (TFR) nelle casse dell’Inps. E non da ne garanzie ne uno straccio di ricevuta scritta ai contribuenti. Lasciati orfani e senza conferme di poter attingere un giorno a quel piccolo porcellino salvadanaio, riempito col sudore della fronte.


Autore:Emilia Urso Anfuso
Data: 12/12/2009
Italiani: un calcio nelle palle ogni giorno

Mentre la quota quotidiana di calci viene equamente distribuita – unico ed ultimo punto fermo di “equità” civile - e chi riceve la propria corre ad alimentare le casse di uno Stato fallimentare già da anni, i “Leader” dell’esercito di “scalciatori” del popolo, prendono “grandi decisioni”. Decisioni gravi. Solenni. Tambureggianti. Prioritarie. Per il popolo? Giammai. Quello ha già ciò che merita: il suo calcio nelle palle quotidiano. Semmai c’e da decidere in fretta una nuova trovata per garantirsi potere: ancor più di quanto se ne abbia.


Autore:
Data: 06/12/2009
Ora tocca a te! Diventa Reporter perAdesso tocca a te! Hai una storia da raccontare? Un fatto? Un misfatto? Un ritardo? Un'ingiustizia? Mettiti alla tastiera e scrivi! I contributi più interessanti saranno pubblicati.
Elenco Pagine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
In Evidenza

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/01/2020
La burocrazia rema contro lo sviluppo economico

Iniziamo con un dato che fa tremare i polsi: la Pubblica amministrazione registra un debito commerciale pari a 53 miliardi nei confronti dei propri fornitori. Detto in parole povere, significa che si acquistano beni e servizi, ma il pagamento è a babbo morto. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -