Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
ITALIA: Nessuna identità Nazionale?

ITALIA: Nessuna identità Nazionale?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2007

ITALIA: Nessuna identità Nazionale? Di Emilia Urso Anfuso .
 
Come scrissi nel mio articolo "Italia venduta all'America e non solo…" ecco materializzarsi ciò che forse all'epoca della scrittura del mio testo a molti lettori apparve aberrante ed impossibile, ma che ad un occhio attento non doveva e poteva sfuggire. A parte lo sviluppo delle basi NATO, i cinesi a macchia d'olio nel nostro territorio ed una moltitudine di etnie stanziali, la plateale conferma a quanto scrissi è la sempre più palese mancanza della parola "Italia" e "Stato" nella nostra nazione. Vediamo insieme i motivi palesi di questa strategia messa in atto già da molto tempo.  
 
Attualmente nel nostro Paese, contiamo oltre ottanta partiti e movimenti politici e tutti tendono ad eliminare dalla propria identificazione la parola Italia od Italiano. Questa è una incredibile mancanza che fa di una cittadinanza una esasperata concezione di non appartenenza ad alcunché. Si, viene chiesto ai cittadini di scegliere un nome di partito piuttosto che un altro… ma ha valore se poi il reale contenuto del partito stesso, in quanto a programma politico e propensione al Sociale, vengono di fatto a mancare totalmente?   Inoltre. E' di questi giorni, la notizia che il Ministro Padoa Schioppa, abbia deciso la cancellazione di ben cinquantotto filiali – così si chiamano – del Ministero del Tesoro dislocate sul territorio Italiano.
 
Ciò in effetti, oltre alle motivazioni più o meno concrete di questa scelta, cui viene affibbiata una non meglio comprensibile ricerca di "assottigliare le spese pubbliche" (…) rende ancor più orfana di Stato la nostra Italia, che trovandosi a non aver più solidi punti di riferimento rappresentati da sedi, impiegati e quant'altro, si ritroverà d'amblè con molti servizi al cittadino in meno e con l'impossibilità a dialogare direttamente con un qualsivoglia rappresentante del Governo.  
 
Si spendono invece cifre enormi, per sviluppare la ormai famosa Holding Equitalia, che vi ricordo è composta da soci quali L'Imps e l'Agenzia delle Entrate: tutto si fa al solo scopo di accaparrarsi denaro su denaro, al punto da fondare le radici di un immenso territorio coem il nostro sulle pieghe di un apparato che odora solo di denaro ottenuto sempre più impropriamente.   Come salvarsi da tutto questo? Come non divenire apolidi in un mondo che ha cancellato a suo tempo lo stato di Apolide, ritenendo questa condizione effettivamente non proficua non all'individuo ma alle casse di ogni Nazione al Potere? (vedi annosa situazione dell'ingresso di extracomunitari in ogni e da ogni dove)  
 
Come sempre, i piccoli gesti ma continui nella quotidianità della Vita, sono quelli da prediligere. Ad esempio, in odore di spille anti qualcosa, da esibire gratuitamente sul bavero della giacca, mi sovviene un'idea: una bella splilla di qualsiasi materiale con su scritto: "Io sono italiano".   Da portare con orgoglio. Con fede. Con  convincimento, ogni giorno per tutto l'anno. Un passo piccolo ma incisivo. Per non restare orfani ed eredi di altre etnie che pian piano rischiano di far scomparire la nostra cultura millenaria ed un parterre di cervelli che per capacità intellettiva vengono sempre più chiamati ad operare oltre i confini della nostra Madre Italia.



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/07/2020 10:18:30

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -