Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Yemen: 2 morti e almeno 49 feriti a Taiz

Yemen: 2 morti e almeno 49 feriti a Taiz
Autore: Redazione Esteri
Data: 25/03/2019 06:32:47

Negli ultimi quattro giorni di combattimenti pesanti nella città di Taiz, in Yemen, tre strutture supportate da MSF hanno ricevuto 49 feriti e due morti. Almeno un ospedale pubblico è stato costretto a chiudere, lasciando le persone senza possibilità di accedere alle cure

 

Medici Senza Frontiere denuncia che i combattimenti in aree densamente popolate stanno avendo conseguenze devastanti per la popolazione civile e impedendo ai feriti di ricevere cure mediche salvavita nella città di Taiz.

 

“Siamo preoccupati che ci siano persone ferite bloccate tra le linee del fronte e che molte di loro non riusciranno ad accedere a strutture sanitarie all’interno o al di fuori della città” dichiara Caroline Ducarme, capomissione di MSF in Yemen. “Nelle tre strutture supportate da MSF a Taiz, le équipe mediche hanno ricevuto 49 feriti e due persone già decedute. Ma non conosciamo l’effettivo numero di feriti che potrebbe aver bisogno di cure d’urgenza.”

 

Si parla di almeno un ospedale danneggiato dai combattimenti, mentre uno degli ospedali pubblici della città è stato costretto a chiudere rendendo ancora più difficile per le persone ricevere cure mediche urgenti.

 

In un ospedale pubblico supportato da MSF, i team medici hanno raccontato che un paziente gravemente ferito è stato portato fuori a forza dalla sala operatoria e non ha potuto ricevere le cure di cui aveva disperato bisogno. È semplicemente inaccettabile.

 

“C’è un bisogno estremo di maggiore protezione delle strutture sanitarie” ha detto Ducarme di MSF. I pazienti ci dicono che non possono raggiungere gli ospedali a causa degli scontri e dei posti blocco e hanno paura che gli ospedali vengano attaccati. Per questo le persone portano via dall’ospedale i loro parenti. Alcuni medici hanno lasciato il lavoro perché avevano troppa paura per la loro sicurezza.”

 

Nel primo giorno di combattimenti, il centro traumatologico di MSF sull’altro lato della linea del fronte, a Taiz Houban, ha ricevuto un bambino di due anni ferito al volto da una scheggia dopo che una bomba è caduta vicino alla sua casa nella città vecchia. La famiglia ha dovuto guidare per tre ore, attraversando le linee del fronte sotto gli spari per raggiungere la struttura.

 

Ancora una volta, MSF chiede a tutte le parti in guerra di attuare misure più efficaci per garantire la protezione dei civili, facilitare l’accesso alle strutture mediche per tutti i malati e i feriti, consentire l’ingresso di forniture mediche e umanitarie in tutte le aree del paese, e proteggere lo staff e le strutture sanitarie.


L'articolo ha ricevuto 432 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/05/2019 21:42:53

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 23/05/2019 06:54:54
Siria: non si arresta il genocidio dei bambini

Almeno 38 bambini sono stati uccisi e 46 sono stati feriti nei bombardamenti iniziati il 1 aprile nel nord ovest della Siria. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 20/05/2019 06:28:45
Siria: morte e sofferenza nel campo di Al Hol

Nel campo di Al Hol, in Siria nord-orientale, i bambini stanno morendo a causa di malattie prevenibili e le donne partoriscono in condizioni non sicure.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 17/05/2019 06:43:20
Bangladesh: arriva la stagione dei monsoni. Servono rinforzi nei campi rifugiati Rohingya

I ripari temporanei di plastica e bambù, dove vivono ancora circa un milione di rifugiati Rohingya in Bangladesh, rischiano di essere seriamente danneggiati con l’arrivo imminente della stagione delle piogge

 

Leggi l'articolo

Autore: Marguerite Arnold - Redazione Attualita'
Data: 14/05/2019 06:08:27
Cannabis: la Svizzera alla guida della legalizzazione in Europa

C'è stata una grande quantità di speculazioni su cosa potrebbe portare l’esempio svizzero per stimolare la riforma della cannabis in Europa. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -