Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Catastrofi Naturali  
Abruzzo: tutto quello che non si deve sapere.

Abruzzo: tutto quello che non si deve sapere.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 02/07/2009 12:36:28

(Video: la protesta del 16 Giugno a Montecitorio da parte dei terremotati: nessun telegiornale ha diffuso queste immagini)
 
 
Potrà anche sembrare contraddittorio, ma di Abruzzo si parla, in quanto…non se ne parla. Saranno le nuove regole di Comunicazione. Sarà il risultato atipico di una gestione del Sistema che sempre più spesso palesa granelli nei grandi ingranaggi, tant'è: ogni bocca italiana e non, quotidianamente, parla, riflette, ragiona si arrabbia per come si sta gestendo a trecentosessanta gradi il post sisma in Abruzzo.

 

Questa volta, l'oscuramento mediatico non porta alla dimenticanza. Questa volta tutti i cittadini italiani perpetuano il ricordo pur attraverso canali diversi da quelli della Comunicazione di Stato. Forse, ci sentiamo tutti compresi in uno stato di emergenza: ogni giorno, le cronache riportano di un qualche disastro. Ora un Boeing che crolla. Ora un convoglio di container di GPL che deraglia. Ora una nave che prende fuoco. O l'attacco dei pirati in acque somale durante una crociera. Tutti, indistintamente, tocchiamo con mano il senso dell'insicurezza totale che degenera sempre più in uno stato di ansia collettiva a livello internazionale.

 

Sull'Abruzzo, c'è ancora tanto da dire. Molto ancora da chiarire. Tanto da spiegare, della quotidianità di decine di migliaia di persone che ogni giorno combattono uno Stato carente, Istituzioni bloccate, carrozzoni di potere deliranti. Cominciamo col dire (come espressi tempo fa in questo articolo: http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=1194) che a tre mesi dal sisma, nessuno ha mai dichiarato ed aggiornato le cifre che ancora oggi italiani e stranieri versano volontariamente per soccorrere gli sfollati e cooperare alla ricostruzione delle zone terremotate. Silenzio assoluto. Nessuna cifra dichiarata. Numeri che peraltro, andrebbero aggiunti alle somme di una certa rilevanza, messe generosamente a disposizione da Banche e grandi imprese.

 

Tacere su questi importi, è dichiaratamente un affronto alla Democrazia: i cittadini sono chiamati ad esprimere la loro solidarietà, ma non hanno alcun diritto di sapere come e quanto stiano realmente contribuendo. E sugli importi c'è da ricordare il famoso Decreto N° 39 creato a fine Aprile per l'emergenza Abruzzo e da poco approvato. Su un finanziamento dichiarato di otto miliardi, la realtà è – si legge chiaramente nel Decreto – una cifra di circa cinque miliardi di euro, da utilizzare da qui al 2032 ed ancora da mettere insieme. Fra le misure economiche, spicca anche la proposta di indire nuove lotterie, al fine di raggranellare – si pensa – circa cinquecento milioni di euro.

 

Di concreto quindi, poco e nulla. Ed i dubbi che gli stessi versamenti spontanei e mai dichiarati verso le oltre cento organizzazioni esistenti vengano utilizzati per altri scopi, non possono che essere legittimi.

 

Nelle giornate dei terremotati intanto, il caldo è più cocente, La pioggia più battente ed umida. La dignità calpestata di ora in ora. I segretissimi lavori che si tengono da giorni per accogliere il G8 imminente, ne sono una prova tangibile. Suites presidenziali da favola. Campo da Basket creato per i momenti liberi del Presidente Obama. Mobili ultralusso. Servizio catering a cinque stelle.

 

Mentre le sbobbe nelle tendopoli annacquano stomaci ed aizzano rabbie feroci, a poco può servire la promessa del Premier Berlusconi di donare – dopo il G8 – le migliaia di mobili pregiati ai terremotati. La gente vacilla fra promesse dichiarate e realtà contrapposte. E realtà sconsiderate che nessuno racconta.

 

Per accedere ad una tendopoli, provenendo da un'altra, è necessario pagare un ticket: dieci euro a persona. Sconvolgente: le organizzazioni preposte alla gestione delle tendopoli, lucrano sul male. Nessuno ne parla.

 

Migliaia di persone hanno perso il lavoro. Eppure per Decreto, i lavoratori autonomi e gli impiegati, torneranno a versare le tasse a partire da Luglio 2009. E sono molti i pensionati che dovranno attendere un bel po' per vedersi recapitare l'importo della pensione: a quanto pare, i primi evidenti sostegni, ora presentano un conto altissimo.

 

Ed è lo stesso Decreto – ormai approvato – per cui molti sfollati e Sindaci, avevano manifestato il loro dissenso, in special modo per quell'articolo che rende impossibile l'accesso ai finanziamenti per chi abbia perso la seconda casa: sarà una di quelle cose che rallenterà di molto la ricostruzione di l'Aquila e dei paesi colpiti dal terremoto, soprattutto nei centri storici.

 

C'è anche un allarme gravissimo legato all'erogazione dell'acqua: a causa del sisma, la società pubblica che si occupa della rete idrica aquilana, rischia la bancarotta. Nessun che scriva queste informazioni. Nessuno che ne parli.

 

Altra situazione aberrante tenuta oscurata del tutto, è quella che vieta nelle tendopoli, qualsiasi forma di volantinaggio e di assemblea: in pratica, i terremotati non possono ne parlare in gruppo ne tanto meno creare tam tam attraverso il volantinaggio: tutto questo ha più i colori della persecuzione che della degna realizzazione di sistemi a sostegno di chi ha già tanto subito.

 

Silenzio sulla Commissione creata nel 2002 dopo il sisma di S. Giuliano di Puglia (morirono 27 bambini in una scuola) che doveva verificare le zone ad alto rischio sismico in Italia, e che individuò l'Abruzzo in cima alle classifiche: nessuna conseguente opera di miglioria e rafforzamento delle strutture architettoniche ebbe inizio.

 

E per finire il silenzio cade su inchieste di cui non si sa più nulla. Buio e silenzio su Impregilo s.p.a. che edificò – fra l'altro - l'Ospedale S. Salvatore senza tenere in minima considerazione le norme di agibilità ed antisismiche, e che fu aperto malgrado la mancanza di accatastamento.

 

Nessun diritto di cronaca. Nessun diritto di parola. Nessun diritto di dignità.

 

Il grande teatro del Sistema organizzativo e politico, è preso da altre e più importanti cose: la messa in sicurezza dell'area ove si terrà a breve il G8, per cui viene già chiesto ai terremotati – da parte di Guido Bertolaso – di "Avere un po' di pazienza per i disagi che dovranno sopportare nei tre giorni della Convention".

 

Disagi che si aggiungono ai disagi e che rendono scandaloso tutto ciò che il Sistema tocca e macchia con la sua mano che prende e sfrutta, sempre più, lì dove alberga il dolore e la disperazione.

 

E non c'è altro da capire.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/10/2019 05:14:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Catastrofi Naturali

Autore: Redazione Attualita'
Data: 31/10/2017 06:43:37
Scuole e terremoto -  Save the Children: 4,5 milioni di studenti vivono in aree ad alto pericolo sis

L’Organizzazione lancia una petizione per mettere in sicurezza gli istituti scolastici nelle zone più a rischio

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Attualita'
Data: 17/08/2015 11:48:28
Meteo: arriva il ciclone Troy. Temperature in ribasso

Stanchi di soppoprtare il caldo tropicale? Tranquilli: il Meteo.it assicura che è in arrivo un peggioramento delle condizioni climatiche e questo a causa di Troy, il ciclone in arrivo sull'Italia e che porrà fine alle temperature calde e afose che hanno caratterizzato l'Estate 2015.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 14/08/2015 14:46:17
Summer Storm: arriva la burrasca su tutta l'Italia. Crollano le temperature

Summer Storm porterà un crollo delle temperature massime che arriveranno a 22° su buona parte della penisola. 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Attualita'
Data: 16/07/2015 10:29:10
Tornado in Veneto e altri strani eventi: dietro le quinte lobby come il Bilderberg

“È palese che ci sia qualcuno che orienti le cose, sia dal punto di vista economico, che climatico, che di gestione del pianeta. È tutto molto strano: in Veneto non avevo mai visto fenomeni di questo tipo. Ai tropici o negli Usa, sì; ma qui no. Può essere il cambiamento climatico; ma può essere sicuramente che qualcuno metta qualcosa apposta nell'aria...”

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -