Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
The machine which makes everything disappear, alla Casa del Cinema

The machine which makes everything disappear, alla Casa del Cinema
Autore: Nostro inviato Gabriele.Santoro
Data: 31/01/2014

 “Qual è il tuo desiderio?” “Una macchina che faccia sparire tutte le cose”. Da questa originale risposta ricevuta in una precedente intervista, la regista georgiana Tinatin Gurchiani ha tratto il titolo per il suo documentario “The machine which makes everything disappear”, in concorso nella rassegna Doc.international nell’ambito del Mese del Documentario ospitato a Roma dalla Casa del Cinema.

In realtà nel film ciò viene chiesto solo una volta “cosa sceglieresti di far sparire se avessi una macchina in grado di farlo?”, la metafora è più che altro relativa al potenziale di un'altra macchina, quella da presa, spiega la stessa Gurchiani intervenuta in collegamento via Skype al termine della proiezione. Tre minuti di tempo per raccontare una storia su di se, l’annuncio che ha convinto centinaia di suoi connazionali a provare ad apparire da co-protagonisti in questo lavoro.

Da tempo trapiantata a Berlino, la Gurchiani ha scelto di girare nel suo paese natale dopo una lunga assenza. Non per raccontare uno spaccato socio-politico di una terra anche recentemente al centro di conflitti separatisti e di cui si sa molto poco oltre i confini nazionali. “In tre minuti è più facile che i racconti siano forti, che si esprima qualcosa che ci abbia segnato piuttosto che eventi più allegri”, la Gurchiani spiega così un diffuso senso di oppressione, stanchezza, voglia di fuggire e di cambiare che traspare neanche troppo velatamente nell’ora e mezza di visione. “Ma non rappresenta la Georgia”, ci tiene a puntualizzare.

Presentato in diversi paesi, nella repubblica caucasica ci sono state le uniche piccole polemiche legate a questi aspetti, è normale quando lo spettatore vive e si riconosce – o meno – in una certa realtà. Anche la cupezza climatica ha ricevuto qualche obiezione, dai racconti dei locali sarebbe casuale, circostanziale a quel periodo limitato. Certo, trovare la neve tra fine ottobre ed inizio novembre non lascia  pensare ad un clima simile all’italiano, come sostenuto da qualcuno in sala. Al massimo dell’Italia (molto) settentrionale. Però il grigiore è risultato funzionale al tutto, nel sottolineare determinati stati psicologici di chi ha accettato di mettersi a nudo facendo  sparire ogni filtro e remora grazie appunto alla “macchina” del titolo.

A differenza della maggior parte di questo tipo di produzioni, che richiedono ricerche addirittura di anni, “The machine which makes everything disappear” è costato appena venti giorni di tempo, sia per un budget limitato – parte del personale non ha percepito compensi se non il pagamento delle spese per viaggio e soggiorno – ma soprattutto per la scelta di fotografare un determinato periodo circoscritto. Non importa come si evolveranno le storie, alcune più seguite di altre - come quella di una ragazza che abbandonata dalla madre decide di tornare a trovarla proprio nel giorno del suo compleanno per provare a capire le motivazioni del gesto.

O quella di un ragazzo condannato ad oltre vent’anni per una rapina, raccontato dal fratello e dalla partner cui scrive numerose lettere dalla galera, a ben diciassette anni dal finire di pagare il debito con lo Stato. Tutte situazioni sospese, con l’unica garanzia della Gurchiani che si tratta di realtà al 100%. La selezione, faticosa per la contemporaneità di tante narrazioni meritevoli, “a volte anche di maggiore interesse rispetto a quelle che effettivamente sono mostrate”, ha comunque optato per un filo conduttore, il rivolgersi ai giovani fra i quindici ed i venticinque anni. “Nonostante l’apparenza, ho scelto di far parlare questa generazione che ha insito un forte ottimismo, una voglia di aprirsi alla bellezza della vita”.

 Prossime proiezioni: sabato 1 febbraio alle 16 ed alle 21 alla Casa del Cinema, largo Mastroianni 1




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/10/2022 02:31:34

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 17/01/2020
Recensione: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè - al Brancaccio fino al 19 Gennaio

Ritmo, passaggi rapidi e dribbling dei cocenti e pesanti temi condivisi, senza commettere falli di gioco troppo evidenti che facciano sussultare gli spettatori dell’arena Brancaccio.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 14/01/2020
Recensione: Tosca e altre due - Teatro Belli

E’ di genio prendere a pretesto una narrazione arcinota, Tosca, per costruirne una parallela che conduce su un binario parallelo ad un’altra dimensione umana. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/12/2019
Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello

Uno spettacolo per bambini e adulti, in scena dal 21 dicembre al 6 gennaio per accompagnare in allegria le festività natalizie. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato - Ettore Mazzanti
Data: 20/12/2019
Recensione: Ismael, in viaggio dalla Siria - Off Off Theatre

Si annusano situazioni, si cercano elementi che accomunano, che ci rendono uguali a prescindere dal luogo di nascita. Il mare è blu dappertutto. Le parole hanno il medesimo senso.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -