Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La dittatura democratica

La dittatura democratica
Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/09/2014

Nel corso degli ultimi secoli, la società civile ha molto combattuto per ottenere condizioni di vita migliori e meno oppressive e vessatorie. Sono esistiti periodi storici in cui se si era fortunati si nasceva in famiglie nobili e si si era del tutto sfigati, si nasceva da coppie di poveracci. Con tutto ciò che ne conseguiva.

Non che i nobili natali mettessero al sicuro del tutto, dal momento che proprio i personaggi di maggior potere erano costantemente afflitti dal rischio di essere ammazzati per mille motivi politici e di casta, ma almeno costoro potevano contare su uno status sociale che non li mettevano a rischio di morire di inedia e di stenti.

Per ottenere qualche miglioramento, ci son volute vere rivoluzioni civili. Molto si era ottenuto, in special modo per ciò che riguarda il criterio di rispetto della persona. Criterio che oggi ci appare scontato ma che un tempo non lo era affatto.

Molti lavoratori erano in realtà schiavi dei padroni. E maltrattati come tali.

La creazione dei primi sindacati in occidente, fece intravvedere una possibilità di rinascita in tutti i sensi, almeno per ciò che riguardava il settore del lavoro e dei diritti dei lavoratori. Anche così si realizza un regime democratico.

Nel ‘900 si pensò a un certo punto, di esser giunti ad un livello di equità sociale mai raggiunto prima. Ma non era una realtà fondata su effetti reali. Sicuramente, l’operaio aveva raggiunto la possibilità di avere una qualche voce in capitolo nella società in cui viveva e all’interno del settore in cui lavorava. Ma non è mai stato uno status stabilizzato.

La conferma di ciò che scrivo, arriva dal fatto che negli ultimi decenni, proprio i sindacati man mano hanno tratto i remi in barca e si sono trasformati in una estensione dei partiti politici di riferimento, al servizio delle industrie piuttosto che dei propri iscritti.

Nel nostro Paese, flagellato da sempre nella lotta estrema ad accaparrarsi qualche diritto civile, tutto è stato fatto crollare proprio negli anni in cui si faceva pensare alla popolazione che si stava costruendo una nazione più equa e con maggiori diritti per i cittadini che, in quanto tali e anche costituzionalmente parlando, dovevano essere anche lavoratori.

A colpi di corruzione e assunzione di sempre maggiori poteri, la classe politica ha inquinato del tutto il concetto di equità e di conseguenza di libertà e democrazia. Ad essa si è affiancato il settore delle grandi imprese e dei grandi gruppi bancari. A braccetto e ben coesi per portare a termine l’unico progetto tenacemente desiderato: la realizzazione di una dittatura democratica. Che è dittatura in ogni senso, ma spennellata qua e la da qualche tocco di pseudo democrazia assolutamente realizzata a parole.

L’ossimoro ha fatto si che la maggior parte della popolazione non sia stata in grado di comprendere in tempo utile cosa stesse accadendo, anche se i segnali di una coesione politico-industriale e finanziaria ai danni della popolazione c’erano già tutti da tempo.

Oggi viviamo costretti in un regime dittatoriale democratico, difficilmente smantellabile perché chiunque stia ai vertici è equamente complice del processo di annientamento dei diritti civili.

L’attuale governo ne è la controprova e non aspettatevi che quelli che verranno dopo saranno diversi.

La politica è amalgamata al punto tale da rendere ormai di difficile interpretazione le eventuali differenze ideologiche che a tutti gli effetti non esistono più se non forse nell’animo di qualche cittadino rimasto in odore d’ideologia politica.

Le briciole di pane secco date a piccole dosi alla cittadinanza, sono simili al pugno di riso dato ai cinesi vessati di un regime dittatoriale che oggi non esiste più nemmeno in oriente.

Potevamo salvarci, se solo avessimo tutti insieme aperto gli occhi al momento giusto e fatto in modo da non permettere di esser presi per i fondelli in maniera così drammatica. Invece – terribile ma vero – c’è ancora chi crede fermamente in questo o quel personaggio politico, imprenditore o gruppo bancario. Le cose son due: o gli italiani sono tutti cretini o spargono nell’aria droghe pesanti al punto tale da desensibilizzare la popolazione e renderla idiota.

A voi la scelta.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 09/12/2019 06:59:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2019
Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...

Perché mai si dovrebbe cancellare l’istituto giuridico della prescrizione? Il nostro sistema giudiziario necessita di un altro tipo di riforma, quella che renderebbe possibile lo snellimento delle cause, e anche di corposi finanziamenti che possano sostenere la buona tenuta di tutto il sistema. Invece a cosa pensano?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/11/2019
Siamo tutti in pericolo!

Vogliamo continuare a perder tempo, a contare i morti, ad assistere alle passeggiate propagandistiche di questo o quel politico, puntualmente presenti dopo il verificarsi dell’ennesima tragedia che si poteva, e si doveva, evitare? 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/11/2019
Sardine: quando i movimenti spontanei rischiano di fiaccare l'energia del popolo

Ignorare i propri diritti, non conoscere a dovere cosa è lecito fare da parte del mondo della politica, permette ai governi di scaraventare sulla popolazione un numero enorme di misure che contrastano vivacemente con il criterio stesso di democrazia.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/11/2019
Fondo Salva Stati e dittatura economica

Riproponiamo questo articolo del nostro direttore, Emilia Urso Anfuso, pubblicato la prima volta nel 2012

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -