Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Martina Levato: i motivi per cui e' bene che il figlio le venga tolto per sempre

Martina Levato: i motivi per cui e' bene che il figlio le venga tolto per sempre
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 17/08/2015

A volte bisognerebbe ragionare con razionalità su certi temi, invece che lasciarsi prendere da quell’ondata di buonismo che sempre più spesso sembra accecare alcune persone, ponendole su una sorta di piedistallo civile da cui non hanno alcuna intenzione di scendere: se si prova ad argomentare con costoro, nel tentativo di farle ragionare, ostentano uno sdegnoso rifiuto. Alla coerenza.

Il caso di Martina Levato, la 23enne condannata a 14 anni di carcere insieme al suo amante dopo  aver acidificato un vecchio compagno di Liceo della ragazza, Pietro Barbini,  per deliranti motivi di “purificazione” della giovane che era in attesa di un figlio dall’amante con cui intratteneva un rapporto da molti ritenuto borderline, sta scatenando accese polemiche fra i soliti buonisti ad omnia e coloro che tentano di spiegare come non tutte le madri siano uguali su questo pianeta.

Come saprete, pochi giorni fa la Levato ha partorito il frutto del suo rapporto malato con Alexander Boettcher. Il caso è scoppiato nel momento in cui il PM Annamaria Fiorillo, ha preso la decisione di separare alla nascita madre e figlio e rendere adottabile il bambino.

La polemica nasce nel momento in cui il padre della Levato inizia a rilasciare interviste, dichiarandosi “inorridito” per via della decisione presa dal PM Annamaria Fiorillo, la stessa del caso Ruby-Berlusconi (e per quest'ultimo motivo, da molti ritenuta "inattendibile". Alla follia umana non c'è limite) che ha disposto l'immediata separazione del neonato dalla madre e l'applicazione dello stato di adottabilità.

Ecco alcune delle sue dichiarazioni rese a La Stampa: “È stato atroce vedere mio nipote portato via a mia figlia. Lo abbiamo visto da dietro un vetro. Non potevamo nemmeno toccarlo come se fosse un piccolo appestato. Siamo sconcertati. Quello che dobbiamo fare io e mia moglie è dare tutto il nostro amore a mia figlia e mio nipote. Un bambino appena nato che come tutti ha bisogno soprattutto dell’amore della madre”.

Fermiamoci qui. E’ vero, un bambino ha tutto il diritto e la necessità di essere allattato e cresciuto con amore dalla propria madre, possibilmente anche dal proprio padre o dalla compagna o compagno di vita di chi ha generato una nuova esistenza. Vogliamo però ammettere che questo è un caso diverso dalla procreazione di un figlio da parte di una madre?

La Levato era incinta quando col suo amante decisero di punire Pietro Barbini. Motivo della punizione? Una ripresa di contatto – puramente virtuale a quanto si sappia – fra la Levato e Barbini, che scambiarono alcune conversazioni via chat. Anche ammettendo un livello di gelosia anomalo da parte dell’amante della Levato – ma non è questo il caso – non è ammissibile il tipo di “punizione” deciso dai due amanti contro Barbini, reo di aver chattato con una ex fiamma e di averle forse fatto qualche complimento e consigliato di lasciare l’amante.

Non si acidifica una persona. In nessun caso. E’ una delle azioni più gravi che si possano compiere. Subito dopo c’è solo l’omicidio con crudeltà. I due amanti hanno deciso il tipo di punizione, hanno organizzato l’agguato, hanno coinvolto una terza persona nell’aggressione violenta e, cosa da rammentare bene, non hanno mai avuto alcun ravvedimento rispetto all’azione compiuta. Almeno fino ad oggi.

Quando la Levato ordì l’agguato all’acido contro Berbini, era già in stato di gravidanza, motivo per cui fu respinta la richiesta dei domiciliari presentata dai suoi legali: i giudici ritennero che, se è stata in grado di agire con tanta violenza e aggressività contro un ex compagno di Liceo mentre era in stato interessante, non vi fosse alcuna necessità per lei di terminare il periodo di gravidanza in una situazione più confortevole. Insomma: se sei capace di acidificare un essere umano mentre sei in attesa di un bambino, uno dei momenti più delicati dell’esistenza di una donna, sei anche in grado di cavartela restando in attesa dentro le patrie galere. Vogliamo ammettere che è una considerazione che non fa una piega?

Oltre ciò, non va dimenticato – come ho già scritto – che la “punizione purificatrice” ordita dai due amanti satanici, è stata compiuta proprio perché la Levato era in attesa di un figlio di Alexander Boettcher, persona con evidenti problemi di delirio narcisistico, motivo per cui andavano “puniti” tutti gli eventuali uomini che avessero avuto un qualsiasi tipo di contatto con Martina.

I buonisti a oltranza, dimenticano quindi il tipo di rapporto che intercorreva fra i due amanti. Il motivo ultimo delle acidificazioni (si pensa, infatti, che altre ne sarebbero arrivate se i due non fossero finiti in galera). Dimenticano cosa scriveva tempo fa la Levato al suo amante, dal carcere, cose tipo: “Vorrei essere vicina a te per leccarti i piedi”…e robetta di questo genere, mentre nel suo utero si completava la creazione di una nuova vita.

A me non sembra affatto che questa donna pensasse prioritariamente al figlio che aveva in grembo. Mi sembra semmai una che pensa – forse ancora oggi – a come imporre la sua esistenza attraverso il suo amante, a come rendersi intoccabile e inarrivabile attraverso pratiche sessuali e “amorose” degne dei peggiori romanzi pornografici o delle peggiori pratiche sessuali deviate. Una che è arrivata a farsi mettere incinta al solo scopo di creare un rapporto indissolubile, qualunque sia stata l’evoluzione reale del suo rapporto con Alexander, che - di fatto - non mi è sembrato un uomo innamorato bensì un narcisista patologico che si è divertito a mettere in atto pratiche sadomaso sopra ogni limite consentito dalla ragione.

Insomma: ci sono situazioni in cui bisogna essere in grado di guardare ai fatti puri e semplici e non farsi deviare dai buoni sentimenti che aggrediscono chiunque in special modo quando si parla di gravidanza e nascita di un nuovo essere umano. Martina levato ha diritto di allattare il proprio figlio e crescerlo? A mio avviso, no. No, perché questo neonato, assolutamente incolpevole e ignaro di tutto, non ha il dovere di santificare – attraverso se stesso – una madre che non merita di esserlo.

Non ha nemmeno il dovere di dover stemperare tutto ciò che Martina e Alexander hanno compiuto contro un altro essere umano. Ha il diritto, semmai, di non conoscere mai nella vita, persone guaste dentro e a loro volta, i loro genitori, che guasti non sono, ci mancherebbe, ma rappresentano il filo di continuità coi genitori di questo neonato che non ha chiesto nemmeno di essere procreato.

Provate semmai a pensare a tutte le situazioni in cui, attraverso i servizi sociali, a famiglie incolpevoli vengono sottratti i figli minori. Nella migliore delle ipotesi, queste famiglie sono “ree” di non essere economicamente abbienti, e di conseguenza viene tolto loro l’affetto maggiore e i minori sottratti, subiscono l’angheria affettiva peggiore che mai l’umanità abbia mai realizzato.

Perché non ci incazziamo come belve di fronte a questi casi, che sono tanti? Perché non riempiamo le pagine dei giornali con la notizia delle sottrazioni attraverso un vero e proprio abuso legislativo? Perché oggi il tema della sottrazione del figlio alla Levato, solleva tante polemiche buoniste? Semplicemente, perché il caso dei due amanti dell’acido, scatena la pruderie dell’Opinione Pubblica, assetata ormai sono di fattacci possibilmente cruenti e conditi da tanta depravazione. Per poi giungere a santificare l’insantificabile, quasi a voler ergersi a remissori dei peccati innominabili.

In tutto ciò, un grande assente: Pietro Barbini, la vittima dei neo genitori satanici. Fa poco audience parlare di un giovane che resterà sfigurato per sempre, la cui vita è stata di fatto troncata, sospesa, offesa, sbeffeggiata, oltraggiata, eppure…A nessuno frega un fico secco. La gente preferisce santificare Satana piuttosto che sostenere le vittime di un sistema umano che ormai, è andato del tutto alla malora. Delle vittime a nessuno frega nulla, tolte le prime ore dopo il fatto che tali le ha rese. Guardate ad altri casi di cronaca: si parla mai di Sarah Scazzi? Di Roberta Ragusa? Del bimbo della Franzoni e di tanti altri? Mai. Si fa il contrario: si parla a dismisura dgli aguzzini, degli omicidi, di coloro che hanno realizzato il reato. Su chi viene a mancare, il dimenticatoio è dietro l'angolo. 

Mi auguro che questo neonato non debba mai venire a conoscenza di chi siano i procreatori, che genitori è una parola onorevole. E se un giorno, magari dopo aver trovato accoglimento presso una famiglia di persone perbene, amorevoli e degni del ruolo più difficile al mondo, dovesse sentire forte il desiderio di scoprire l’identità dei veri genitori, mi auguro che sul faldone che raccoglie la sua documentazione neonatale, venga apposta la scritta “Genitori sconosciuti”.

L’amore materno, è altro.  

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/10/2020 10:25:46

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -