Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Non esistono piu' i terroristi islamici di una volta...

Non esistono piu' i terroristi islamici di una volta...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/08/2016

Insomma: non esistono più i terroristi islamici di una volta. Quelli che attaccano obiettivi – esclusivamente civili – e si fanno saltare in aria in nome della Jihad. Quelli che, mentre saltano in aria, pensano alle vergini che troveranno certamente nell’aldilà, e si augurano che siano pure carine.

No, reset. Roba vecchia, andata, fuori moda. Ora va il terrorista – possibilmente islamico o originario - sbroccato, con evidenti problemi psichici, integrato in occidente e con alle spalle una triste storia di ricoveri in reparti di psichiatria, o comunque, con un passato di eventi di labilità mentale.

L’esempio di Ansbach, in Germania, è uno degli ultimi. Ma ecco che oggi, nella civilissima e progredita Inghilterra, arriva l'aggressore sbroccato di turno: 19 anni, norvegese ma – preparatevi – di origini somale, e con “problemi mentali”, come ha prontamente dichiarato la polizia alla Stampa.

Noto questo andamento, dopo la strage di Nizza. E dopo il tentato golpe in Turchia. Due eventi che, palesemente, hanno fatto acqua da tutte le parti, tanto da far riflettere molti – a livello internazionale – sulla veridicità degli accadimenti.

Dopo Nizza e il fallito golpe turco, ecco spuntare un nuovo filone: le stragi accadono, ma ora non si grida più all’attentato ISIS o comunque, di matrice islamica. Si passa al piano B: smorzare i toni, far passare un messaggio diverso. Non più terrorismo nudo e crudo, ma psicolabili che si aggirano per l’Europa, armati di machete e coltelli, a rappresentare la parte malata della società, in grado di uccidere e fare danni, ma solo a causa di psicopatologie palesi.

Talmente palesi, che appunto, nel caso odierno – quello del 19enne norvegese che a Londra ha ucciso una signora americana e ferito cinque persone – che immediatamente si dichiara il disturbo psichico. Manco uno straccio di consulenza psichiatrica forense: basta un poliziotto a decretare la psicopatologia, adesso.

Ora, alla luce di tutto questo, io non metto in dubbio che le stragi, le aggressioni e le uccisioni siano davvero avvenute. No, la mia riflessione è diversa: si sta, una volta di più, deviando l’attenzione delle masse verso un diverso obiettivo. Ora, il nemico è lo psicolabile, non meno preoccupante di un kamikaze, anzi, forse più terribile di un terrorista imbottito di TNT, dal momento che il disturbo mentale può esplodere in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. E in tal modo, si sposta ancora l’attenzione, a ogni costo, pur di non permettere alla gente di guardare ai fatti – gravissimi – che stanno accadendo.

Come la decisione degli USA di bombardare Sirte e Bengasi, partendo dalla base di Sigonella e dalle navi militari che sono in pianta stabile nel Mediterraneo. O come il prossimo referendum sulla riforma costituzionale in Italia. O, ancora, per non far pensar e più alla ratifica del TTIP, il terribile patto transatlantico, che cambierà per sempre le sorti e le regole della società civile. E come non pensare anche, agli scandali nazionali: le banche crollate e salvate, le storie non dipanate che hanno visto protagonista il ministro Alfano, implicato in storie di tangenti e di mafia, o il caos supremo che sta accendendosi in seno alla neo formata giunta capitolina, che ora deve fare i conti sul programma che - si dice - Virginia Raggi avrebbe copiato, pari pari, da un vecchio programma dei Verdi…

E oltre le nostre frontiere, la Turchia – metà dentro la Comunità Europea – che è di fatto una nazione a regime dittatoriale, le presidenziali USA, che – chiunque sarà il nuovo presidente – tra Trump e la Clinton, non lasciano pensare a nulla di buono per il futuro del mondo, e la Corea del Nord, che si diverte a lanciare missili balistici, manco fossero noccioline e i caccia torpedinieri americani nel Mediterraneo e le basi USA in Italia utilizzate adesso per i decolli degli aerei militari che vanno a bombardare Sirte e Bengasi, con la scusa della "lotta all’ISIS"…

Insomma: non esistono più i terroristi di una volta, ma nemmeno la serenità su cui potevamo contare fino a un paio di anni fa, quando – al massimo – il terrore era rappresentato dalla “crisi economica”, problema senz’altro risolvibile, rispetto al caos infernale che siamo ora costretti a subire.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/07/2020 14:10:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -