Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Ungheria: un sindaco bandisce Gay e mussulmani

Ungheria: un sindaco bandisce Gay e mussulmani
Autore: Professor Giuseppe Sandro Mela
Data: 20/02/2017

2017-02-19__ungheria__001

I più recenti sondaggi politici riguardanti l’Ungheria sono quelli della Nézőpont, risalenti al settembre dello scorso anno.

Il partito del Presidente Orban, il Fidesz-Kdnp, sarebbe stimato attorno al 49% dal 44.5% delle precedenti elezioni, mentre il Jobbik, formazione nazionalista, sembrerebbe essere stabile attorno al 20%. Il partito socialista segnalerebbe un tracollo da un pregresso 26% all’attuale 10%.

Si sta manifestando in Ungheria lo stesso fenomeno già slatentizzato in Polonia di devoluzione socialista ed emersione di forze politiche che si rifanno strettamente al retaggio religioso, storico, culturale e sociale della nazione.

La presa di posizione di Mr László Toroczkai dovrebbe essere inquadrata in questo contesto.

Oltre ad essere sindaco della cittadina di Asotthalom, László Toroczkai è il vice-presidente del partito Jobbik, che non riesce ad incrementare le preferenze di voti nei sondaggi, al contrario del partito di Mr Orban, che si sta avviando alla maggioranza assoluta.

L’Ungheria, così come i paese del gruppo Visegrad, stanno precorrendo i tempi nella devoluzione socialista in Europa. La loro situazione interna è stimabile essere di un cinque anni in anticipo su quello che verosimilmente dovrebbe essere il resto dell’Europa dopo tale lasso di tempo. In Polonia le sinistre non sono riuscite a fare eleggere nemmeno un deputato alle passate elezioni politiche.

«We primarily welcome people from Western Europe, people who wouldn’t like to live in a multicultural society. We wouldn’t like to attract Muslim people in the village, even though we already have a few Muslim residents in Asotthalom»

«It’s very important for the village to preserve is traditions. Europe is small. It can’t take in billions of people from Africa and South Asia, where there’s a population boom. This would soon lead to the disappearance of Europe»

«We can see large numbers of Muslim communities in Western communities that haven’t been able to integrate, and we don’t want the same thing to happen here»

«announced a series of bans on Muslim traditions such as the call to prayer, the wearing of Islamic dress and the building of mosques in the village, as well as outlawing the “propagation of gay marriage” and public displays of affection by gay people»

Chi a fine 1943 avesse detto in Germania che la guerra era persa sarebbe finito impiccato. I nazionalsocialisti erano ancora al potere e lo esercitavano.

Un linciaggio mediatico piove sulla testa di chi ora affermi che l’Unione Europea ha senso solo come confederazione di stati, uniti da trattati bilaterali, e con una politica monetaria opposta a quella attualmente perseguita.

Ma linciaggio ancor più virulento colpisce chi afferma che i debiti devono essere restituiti, che i bilanci degli stati devono essere in pareggio, che senza riduzione delle tasse è impossibile una ripresa del sistema economico.

Ed il linciaggio mediatico diventa massimo quando si parla di ritorno del retaggio religioso, storico, culturale e politico della nazioni europee, e che presto o tardi tutti gli -ismi dovranno ben essere cancellati. E che l’omosessualità ritornerà ad essere reato contemplato e punito dai codici penali.

Serve avere pazienza e dare tempo al tempo. Tutte le vere rivoluzioni, e l’abbandono del socialismo ideologico è una rivoluzione, richiedono i loro tempi.

Però alla fine il 1945 arriva. Tiranni e contro natura cadono nella polvere.

Socialisti ed alteramente senzienti non si facciano soverchie illusioni: a suo tempo saranno trattati per come hanno trattato.

→ Independent. 2017-02-07. Hungarian mayor seeks to ban Muslims and gay people from his village

László Toroczkai says he welcomes new residents who ‘don’t want to live in a multicultural society’.

The mayor of a village in Hungary has said Muslims and gay people are not welcome, despite a need to fill houses in the area.

László Toroczkai, mayor of Asotthalom, a remote village of around 4,000 on Hungary’s southern border with Serbia, said that while he would like to attract more inhabitants to the village, he did not want to attract Muslim or gay people — citing his desire to “preserve traditions”.

Mr Toroczkai, who was elected in 2013 and is also vice-president of Hungary’s far-right party Jobbik, told the BBC’s Victory Derbyshire show the village authorities wanted to welcome new Western European residents, claiming that the flow of refugees could lead to the “disappearance of Europe”.

“We primarily welcome people from Western Europe, people who wouldn’t like to live in a multicultural society. We wouldn’t like to attract Muslim people in the village, even though we already have a few Muslim residents in Asotthalom,” Mr Torockzai said.

“It’s very important for the village to preserve is traditions. Europe is small. It can’t take in billions of people from Africa and South Asia, where there’s a population boom. This would soon lead to the disappearance of Europe.

“We can see large numbers of Muslim communities in Western communities that haven’t been able to integrate, and we don’t want the same thing to happen here.”

When asked about recent laws he had put forward that discriminate against gay people, Mr Toroczkai said this was also part of the village’s drive to “defend” traditions, saying: “We’re defending our own traditions. Assothalom has a by-law that bans homosexual propaganda. We adopted it a few weeks ago.”

It comes several weeks after the Asotthalom mayor, who has become renowned for expressing anti-refugee sentiment since the migration crisis gained momentum in 2015, announced a series of bans on Muslim traditions such as the call to prayer, the wearing of Islamic dress and the building of mosques in the village, as well as outlawing the “propogation of gay marriage” and public displays of affection by gay people.

The mayor first unveiled the plans to ban Muslim traditions as part of a “preventative action package” of laws last November, describing them as a “defence against the forced mass resettlement of migrants by Brussels”. The Hungarian government is due to rule on the legality of Asotthalom’s by-laws later in February.

In another display of his strong anti-refugee rhetoric, Mr Toroczkai released a video in 2015 warning immigrants entering the town that they would be caught and imprisoned.

The video, which appeared to be a mash-up between a clichéd car advert and a low budget action film, showed dramatic police chase scenes on the Hungary-Serbia border, ending with the ominous warning: “If you are an illegal immigrant and you want to get to Germany… Hungry is a bad choice. Asotthalom is the worst.”

The mayor’s latest remarks come as Hungary’s government on Monday submitted proposals to the EU that all asylum seekers in the county be automatically detained for the entirety of their asylum claim. The government’s chief spokesman, Zoltán Kovács, said anyone seeking asylum through the country would be kept in “shelters” for the entire period of their application.

Speaking at a briefing in London, Mr Kovács said: “No migrants – not even those who have already issued their request for asylum – will be able move freely until there is a primary legal decision whether they are entitled for political asylum, refugee status or anything else, so they are not entitled to move freely in the country.” 

Hungary has repeatedly clashed with the EU over its migration policy, including its decision to erect a fence on its Serbian border and its refusal to accept EU-wide asylum quotas. During 2015, the country saw nearly 10,000 refugees entering every day.

The country set up border fences with Serbia last year, and plans to employ between 6,000 to 8,000 border guards “to apprehend those coming through the fence”.

SENZANUBI

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 03/10/2022 11:21:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/05/2020
COVID-19: Ationaid: Allarme in Kenia. Subito acqua e kit igienici'

Acqua pulita e kit igienici per prevenire il diffondersi del coronavirus tra le comunità più vulnerabili in Kenya. Dal 1° maggio al 15 giugno attivo il numero solidale 45511 per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/10/2019
Libia: chiude il centro di detenzione di Misurata. Profughi e migranti in condizioni inumane

Uomini, donne e bambini arbitrariamente detenuti per mesi e in molti casi per anni, con poco accesso a cibo, acqua e accesso all’aria, saranno esposti alle stesse condizioni disumane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/10/2019
Roberta Pinotti (PD): 'L'Europa deve far sentire la propria condanna alla Turchia'

“L’Europa deve far pesare la propria indignazione e condanna con delle sanzioni economiche nei confronti della Turchia”

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 11/10/2019
Siria: la Turchia all'attacco dei curdi. Erdogan 'Vi invieremo 3,6 milioni di rifugiati'

Secondo il rapporto delle forze curde 5 soldati turchi sarebbero rimasti uccisi. Nel frattempo ad Ankara è scattata un'inchiesta per "propaganda del terrore" e le indagini si concentrano i leader filo-curdi.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -