Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Yemen: emergenza colera

Yemen: emergenza colera
Autore: Redazione Esteri
Data: 12/07/2017

 

MSF: necessario un aumento su scala esponenziale degli aiuti

Nel distretto settentrionale di Abs, l’area più gravemente colpita dall’epidemia di colera, urge un aumento esponenziale degli aiuti, avverte Medici Senza Frontiere (MSF). La malattia si diffonde attraverso l’acqua contaminata, quindi la potabilizzazione di quest’ultima e i servizi igienico-sanitari sono particolarmente vitali per affrontare il problema alla radice.

 

Nel distretto di Abs, le nostre équipe vedono una situazione igienica estremamente scarsa e un insufficiente accesso all’acqua potabile”, afferma Gabriel Sánchez, responsabile dei progetti di MSF in Yemen. “È chiaramente uno dei principali fattori nella diffusione dell’epidemia di colera.  L’acqua e i servizi igienico-sanitari erano un problema anche prima dello scoppio dell’epidemia, ma adesso la situazione è particolarmente preoccupante. O agiamo adesso o affronteremo una crisi umanitaria molto più grande nelle prossime settimane e nei prossimi mesi”.

 

Abs, nel governatorato di Hajjah, ha registrato il primo caso di colera a fine marzo. Da allora, il numero di casi è esploso, e il Centro per il trattamento del colera di MSF nella città ha ricoverato fino a 462 pazienti in un solo giorno – di più che in qualunque altra località in Yemen.

 

Con più di 376.000 persone sfollate su una popolazione stimata di 2 milioni, Hajjah ospita più sfollati che ogni altro governatorato yemenita. Circa un quarto di questi hanno cercato rifugio nel distretto di Abs, spesso vivendo in aree remote senza i servizi di base così da diminuire la possibilità di essere colpiti da attacchi aerei o da altro tipo di violenza associato al conflitto.

 

Nei centri per il trattamento del colera allestiti da MSF nel governatorato di Hajjah, le équipe distribuiscono kit per la disinfezione, che includono spazzoloni, scope, sapone e pastiglie di cloro per purificare le scorte di acqua.

 

In aggiunta al trattamento dei pazienti, le case devono essere disinfettate e le fonti di acqua devono essere purificate”, dichiara Cristina Imaz, coordinatore logistico di MSF. “Devono essere allestiti dei punti di distribuzione di acqua pulita, e devono essere igienizzati regolarmente i luoghi dove le persone si riuniscono, come i mercati o le stazioni degli autobus. Tuttavia, queste attività finora non sono state fatte in modo sistematico”.

 

Da quando il colera è scoppiato a fine marzo, MSF ha raddoppiato la portata della sua risposta di emergenza nel distretto di Abs. Le équipe di MSF ad Abs hanno trattato più di 12.200 pazienti sospettati di avere il colera e la diarrea acquosa acuta. La cifra rappresenta un quinto di tutti i casi visti dalle équipe di MSF all’interno dei 9 governatorati yemeniti, e quasi il 5% di tutti casi registrati in Yemen, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Dopo due mesi di crescita esponenziale, il numero settimanale di casi di colera è diminuito per la prima volta agli inizi di luglio, ma centinaia di persone affette dalla malattia continuano ad arrivare per essere trattate.

 

Anche prima dello scoppio del colera, le équipe di MSF nell’ospedale rurale di Abs vedevano aumentate in modo esponenziale le consultazioni di emergenza, i ricoveri pediatrici e gli interventi chirurgici. Inoltre, ci sono state epidemie di morbillo e pertosse e picchi di malaria – tutte malattie che dovrebbero essere limitate o controllate. Presi insieme, questi elementi sono il chiaro segnale che il sistema sanitario in Yemen, disperatamente a corto di risorse e personale, è collassato.

 

MSF ha iniziato a supportare l’ospedale rurale di Abs nel luglio del 2015. Il 15 agosto del 2016, un bombardamento aereo ha colpito l’ospedale, uccidendo 19 persone, incluso un membro dello staff di MSF, e ferendone altre 24. Poco dopo, MSF ha ritirato le sue équipe da alcune delle strutture sanitarie nel nord dello Yemen. A novembre 2016, MSF ha ripristinato il suo supporto all’ospedale di Abs; in questo momento, MSF ha circa 200 membri di staff yemenita e 12 internazionali che vi lavorano e gestisce il pronto soccorso, l’unità pediatrica, il reparto di maternità e il centro nutrizionale, e fornisce cure mediche e consulenze psicologiche attraverso cliniche mobili.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 09/12/2019 06:59:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/12/2019
Colombia, scontri tra narcos e guerriglia: 2.800 civili in fuga

Questi oltre 2.800 civili - indigeni e afro-colombiani - affrontano una "crisi umanitaria e una complessa situazione di sicurezza" a causa della presenza della milizia di autodifesa gaetana della Colombia (AGC)...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 04/12/2019
USA: dubbi sulla legalizzazione della cannabis

I candidati democratici alla presidenza degli Stati Uniti non concordano sul fatto che la marijuana debba essere legalizzata e che sia una questione centrale nei dibattiti televisivi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 01/12/2019
Cannabis: la rivoluzione thailandese

l ministro della Sanità ha annunciato questa settimana alcuni dettagli dei cambiamenti che saranno apportati nelle politiche pubbliche.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 29/11/2019
Londra, attacco terroristico al London Bridge: 2 morti e 8 feriti

Scotland Yard qualifica come "terrorismo" l'attacco avvenuto oggi al London Bridge. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -